Home / Senza categoria / 37° Efebo d’oro, una sera di grandi emozioni.

37° Efebo d’oro, una sera di grandi emozioni.

È stata davvero un evento speciale la cerimonia di premiazione della trentasettesima edizione del premio internazionale di cinema e narrativa Efebo d’oro. Cornice d’eccezione la chiesa barocca del Santissimo Salvatore, di via Vittorio Emanuele a Palermo, con i suoi marmi policromi, i meravigliosi stucchi e affreschi. Tutto era iniziato in mattinata al cinema De seta della Zisa, con un incontro dal tema: “La produzione seriale, tra internet e TV”. Una sorta di talk show condotto dal docente universitario, esperto di cinema, Simone Arcagni, a cui hanno partecipato il produttore Angelo Barbagallo (Efebo d’Oro alla carriera), lo scrittore Marco Cubeddu, la regista e sceneggiatrice Francesca Detti, il regista Leonardo Di Costanzo, il produttore e regista Alessandro Izzo. Tutti protagonisti nel pomeriggio a calcare il palco allestito sul sagrato della chiesa con un maestoso schermo che ha aperto questa seconda edizione a Palermo; le prime 35 si sono svolte ininterrottamente ad Agrigento. Luci spente e inizia la proiezione di un cortometraggio suggestivo e triste, rigorosamente in bianco e nero: “Ellis”, realizzato dal video artista parigino JR, ispirato alla storia di Ellis Island, l’isola di fronte la statua della libertà a New York. Dal 1890 12 milioni di emigranti transitarono fra queste mura e questi pavimenti calcati, nella finzione, con passo lento e cadenzato da quel gigante del cinema mondiale che è Robert De Niro, (il trailer http://www.jr-art.net/videos/ellis-trailer). Vento gelido, strutture diroccate, e lui con un lungo cappotto sgualcito e con una valigia in mano percorre i lunghi corridoi evocativi di memorie perdute. A seguire l’attore Paolo Briguglia legge l’appello dei filmmakers e dei cineasti europei sulle migrazioni, e poi “La Carta di Palermo 2015” da parte del vice presidente della Consulta delle culture, la giovane ventiduenne indiana Sumi Dalia Aktar, impegnata nel volontariato ed esponente dell’Asia Centro Meridionale. Soddisfatto in prima fila il sindaco Leoluca Orlando, che si gode lo spettacolo assieme al presidente dell’Efebo d’oro, la giornalista Egle Palazzolo e il direttore artistico, il regista Giovanni Massa. La serata ha ritmo grazie alla conduzione della brava giornalista della Rai Sicilia, Tiziana Martorana. Il primo a salire sul palco e ricevere l’importante riconoscimento per l’opera svolta a favore degli stranieri immigrati, don Enzo Volpe, responsabile del centro di accoglienza santa Chiara. Commovente l’intervento dell’artista Olivia Sellerio, a cui è stato assegnato il premio in collaborazione con il Rotary Club Palermo sud. Premio che la stessa ha voluto dedicare alla giovane veneziana rimasta uccisa a Parigi. Riconoscimento, assegnato in collaborazione con i Club Lions, anche per il documentario di Gaetano Di Lorenzo “A proposito di Franco”, dedicato all’indimenticato regista Franco Indovina; in sala c’era la figlia, Lorenza. E a proposito di giovani cineasti, un premio speciale, assegnato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Donne Elettrici, era presente la presidente Paola Catania, è andato all’opera prima della regista Laura Bispuri, con “Vergine giurata”.
(https://www.youtube.com/watch?v=G9z08dmiSiA&feature=youtu.be)
Emozionata sul palco ha parlato di identità di genere e di questa incredibile storia di donne dell’est votate alla verginità, che scelgono di diventare di fatto come gli uomini che fanno i mestieri più duri. Premio speciale anche al regista Robert Cahen, che dedica alla docente universitaria Sandra Lischi. L’efebo d’oro è anche letteratura e narrativa, quest’anno migliore riconoscimento a Antonio Costa, autore de “La mela di Cezanne” e “L’accendino di Hitchcock” (Einaudi), saggio che – come scritto nella motivazione della giuria – “offre l’opportunità di ripensare la propria memoria cinematografica attraverso una nuova prospettiva, tanto originale quanto affascinante”. Efebo d’oro per i Nuovi Linguaggi ex-aequo a due web series innovative (sia nel criterio di produzione che nel linguaggio), “Elba” prodotta in Italia e “Notte noir”, una produzione Svizzera. A premiarli il direttore dell’ufficio speciale per il cinema e l’audiovisivo della regione siciliana Alessandro Rais. L’Efebo d’oro alla carriera, assegnato dalla Banca Popolare Sant’Angelo, presente la figlia del fondatore Curella, storico sponsor del Premio, al produttore Angelo Barbagallo, compagno di percorso per 25 anni di Nanni Moretti e ancora prima di Marco Bellocchio. Barbagallo continua a produrre generi diversi per il cinema e la televisione; lui stesso ha ricordato il film: “La stanza del figlio” Palma d’oro a Cannes. Ma anche “La meglio gioventù”, “Le cose che restano”, “Fortapash”. Il finale con la consegna dell’Efebo d’Oro al regista olandese Anton Corbijn per la pellicola vincitrice, “La spia”, l’ultimo film interpretato da Philip Seymour Hoffman. Un film gelido, una spy story straordinaria tratta da John Le Carrè che traccia i contorni dell’atmosfera internazionale dopo i fatti dell’11 settembre; e che acquista un significato particolare proprio in questi ultimi giorni, dopo gli attacchi di Parigi. Sul palco i sindaci di Pal
ermo e Agrigento Orlando e Firetto a suggellare il patto che l’Efebo d’Oro avrà lunga vita nelle due città.

Di Vincenzo Aronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *