Home / Cinema / 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia (e non sentirli). Lunedi l’inaugurazione

80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia (e non sentirli). Lunedi l’inaugurazione

Per gli ottant’anni il Centro Sperimentale di Cinematografia si mette in mostra, per raccontarsi e raccontare non solo il cinema italiano, ma anche i mutamenti storici e culturali dell’Italia (Casa del Cinema, 19 settembre – 28 novembre 2016).

show_img-php
Carlo Verdone, allievo del CSC

Lunedì 10 ottobre 2016 alla Casa del Cinema, nell’ambito dell’iniziativa “80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia (e non sentirli)”, Carlo Verdone (ex allievo del CSC) insieme al presidente del CSC Stefano Rulli e alla preside Caterina d’Amico inaugureranno la mostra fotografica che accompagna questo lungo viaggio attraverso la storia della Scuola e del cinema italiano.

L’iniziativa ha avuto inizio il 19 settembre scorso e si concluderà lunedì 28 novembre. Un lungo percorso diviso in decenni dove ogni appuntamento è accompagnato dall’incontro con gli ex allievi che raccontano il loro Centro Sperimentale di Cinematografia, ricostruendo tasselli di quel mosaico che è la storia del nostro cinema attraverso anche le immagini che loro stessi hanno realizzato negli anni della Scuola.

Questa mostra costituita da circa 250 fotografie propone i primi frammenti di un ipotetico album fotografico degli allievi della sede romana di via Tuscolana, ritratti – quando possibile – all’interno delle mura del CSC o comunque quando sono stati allievi. A fianco del nome con il quale si sono iscritti (non di rado diverso dal nome d’arte con il quale sono diventati noti al pubblico) è specificato il corso che hanno frequentato e l’anno in cui hanno iniziato gli studi, che non sempre si sono conclusi con il conseguimento del diploma. La scelta degli allievi è totalmente arbitraria e non pretende di essere rappresentativa della miriade di professionisti usciti dalla scuola: vuole soltanto rievocare attraverso i loro volti più o meno famosi le aspettative le energie e i primi passi di cui il Centro Sperimentale è stato testimone.

Dal 1935 ad oggi il Centro è una fucina di leve non soltanto di registi, ma anche di attori e attrici, sceneggiatori, costumisti, autori della fotografia, montatori, fonici e tutti coloro che sono responsabili a vario titolo della creazione dell’opera cinematografica e ne sono perciò autori. Corpi, volti, luoghi che non solo descrivono i gusti divistici delle diverse epoche e che vengono ben testimoniati dalla mostra allestita per l’occasione – ma anche proiezioni di saggi di diploma, esercitazioni e lungometraggi. Come in un gioco di scatole cinesi, le stesse durate delle immagini in movimento del Centro possono variare a seconda della gestione e dell’indirizzo dato dai vari presidenti che si sono avvicendati nel tenere alto l’onore di questa importante istituzione e passare, nel corso degli anni, dal cortometraggio, al medio metraggio, al lungometraggio per poi tornare a essere corto. Ogni appuntamento sarà accompagnato dall’incontro con gli allievi che ci racconteranno, in una sorta di “soggettiva libera indiretta”, il “loro” Centro Sperimentale di Cinematografia, utile tassello per arricchire quel grande mosaico che è la storia del cinema. Guardare il passato per proiettarsi nel futuro. Perché come l’avvento del cinema ha costretto il romanzo dell’ottocento a ridefinire i propri confini narrativi, sospingendo l’opera letteraria verso i territori poco esplorati di una interiorità inafferrabile dall’occhio della cinepresa, così oggi è il cinema a dover ripensare gli ambiti della sua narrazione sotto la spinta prepotente della serialità, sperimentando sintesi espressive nuove. Ma i festeggiamenti degli 80 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia alla Casa del Cinema che cominciano a settembre e che proseguiranno per tutto il mese di ottobre e di novembre vogliono idealmente anche inaugurare una felice sinergia tra due importanti istituzioni nella promozione e diffusione del cinema italiano.

Stefano Rulli

Lunedì 10 ottobre  1965-1975

sala Deluxe 15.30
Il canto d’amore di Alfred Prufrock di Nico D’Alessandria (1967, 20′)
L ‘imperatore di Roma di Nico D’Alessandria (1988, 89′)

sala Deluxe 17.30
Un sacco bello di Carlo Verdone (1980, 96′)
Segue incontro con Carlo Verdone

Alle 20.00 inaugurazione della mostra fotografica sul Centro Sperimentale di Cinematografia

sala Kodak  21.00
Fuori campo di Peter Del Monte (1969, 81′)

 

lunedì 24 ottobre

1975-1985

ore 20.00 Aldis di Giuseppe M. Gaudino (1983, 43′)
a seguire Anita di Isabella Sandri (1985, 15′)
Segue incontro con Giuseppe M. Gaudino e Isabella Sandri

ore 21.30 Giro di lune tra terra e mare di Giuseppe M. Gaudino (1997, 126′)

 

lunedì 31 ottobre

1975-1985

ore 15.30 L’origine della notte e della luna di Enrique Butti, Matilda Dixon, Tano Giuffrida, Adriana Moltedo, Vanna Paoli, Susanna Tamaro (1978, 12′)

a seguire Riflesso condizionato di Francesca Archibugi (1982, 22′)
a seguire La guerra appena finita di Francesca Archibugi ( 1983, 16′)
a seguire Tu sei differente di Alberto Taraglio (1985, 40′)
a seguire Traum di Alberto Catinari (1985, 12′)
ore 17.30 Laggiù nella giungla di Stefano Reali (1988, 109′)

Segue incontro con Ugo Fabrizi Giordani e Stefano Reali
a seguire Freezer di Stefano Reali e Ugo Fabrizi Giordani (1980, 32′)

ore 21.00 Professione regista di Federico Bruno, Giovanni Gervasi, Enzo Mancuso, Marco Melato, Paolo Rossato, Angelo Sonnino, Marco Vitangeli, Johannes Yemane (1978, 50′)

a seguire Il caricatore di Eugenio Cappuccio, Massimo Gaudioso, Fabio Nunziata (1996. 90’)

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *