Home / Cinema / Anachronisme, la web serie del regista Riccardo Cannella

Anachronisme, la web serie del regista Riccardo Cannella

Dalla pagina fb di Cinnamon Production & Film School

“Anachronisme rappresenta tutta la complessità della natura umana in 7 episodi. I demoni e l’oscurità del senso di colpa, attraverso un’intensa interpretazione di Ivan Olivieri, stringono lo spettatore in un’ ansiosa solitudine condivisa con il protagonista; insieme a lui lo spettatore non sogna, insieme a lui non respira, insieme a lui si tormenta, insieme a lui soffoca nel ritornare costantemente a quel momento doloroso. Cannella crea una finestra sull’inconscio solitario dell’essere umano, raccontandola in quel desolato appartamento 13, da sempre numero simbolo di rottura e di morte interiore, a cui segue un cambiamento e una rinascita. E Anachronisme è proprio la narrazione poetica e religiosa del fragile equilibrio umano che si frantuma, che lotta con i suoi demoni e che si ricompone, ritrovando un nuovo se stesso.  Si tratta senza dubbio del lavoro più maturo di Riccardo canenlla, che con Anachronisme cresce narrativamente e qualitativamente.” Ringraziamo Chiara Bressa, fondatrice e direttrice del principale blog italiano sulla serialità digitale World Wide Webserie: bellissime e apprezzatissime parole!

Anteprima assoluta di “Anachronisme”, quarta webserie della Cinnamon Production vincitrice del bando SENSI CONTEMPORANEI CINEMA, co-prodotta e co-finanziata da Direzione Generale Cinema MIBACT, Regione Siciliana (Assessorato Turismo Sport e Spettacolo) e Film Commission Sicilia. MERCOLEDI’ 10 GENNAIO 2018, ORE16.00 Centro Sperimentale di Cinematografia della Scuola Nazionale di Cinema (Cantieri Culturali della Zisa), in Via Paolo Gili 3 a Palermo. Intervengono: – Ivan Scinardo Direttore sede Sicilia C.S.C. – Pasquale Scimeca Direttore Diodattico C.S.C – Alessandro Rais (Direttore Uff.Spec.per il cinema e l’audiovisivo Sicilia Film Commission ) – Riccardo Cannella (creatore e regista) • Ivan Olivieri (attore protagonista)

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *