Home / Cinema / Corto Corto Mon Amour

Corto Corto Mon Amour

Cinisi (Pa) internazionale per l’ottava edizione del festival cinematografico Corto Corto Mon Amour.

“Ignorance”, del giovanissimo regista di Bagheria Andrea Lorenzini, 24 anni studente allo IULM di Milano, ha vinto l’ottava edizione di “Corto Corto Mon Amour”. Il cortometraggio girato ad Aspra, ha visto il coinvolgimento di una fetta di popolazione locale “portata a eleggere, come scrive nelle note di regia, con goffagine, l’ignoranza a proprio valore salvifico”. Molto apprezzato dal numeroso pubblico in sala. Al secondo posto il corto “Oh My God” di Guido Di Paolo, e al terzo un apprezzabile lavoro filmico del regista romano Peter Ercolano, con il coinvolgimento di pazienti pscichiatrici della Comunità Insieme. Si fanno chiamare la “Milizia dei folli” ed il regista, presente in sala, ha voluto loro regalare il premio per avere interpretato il corto dal titolo “Il contagio” ….perché viviamo in un mondo dove nessuno sorride e i matti ci chiedono di sorridere di più. Corto Corto Mon Amour è più di un festival cinematografico perché riesce a dare voce ai piccoli produttori, filmmakers, registi, attori, che sono fuori dai tradizionali e inaccessibili circuiti della distribuzione medio -grande. Eppure gli ingredienti per una manifestazione di successo ci sono tutti: un cinema, “Alba” in corso Umberto a Cinisi, del vulcanico Salvo Leone, un’amministrazione sempre presente fin dalla prima edizione regostrata nel 2006, con la sua instancabile responsabile della biblioteca comunale Maria Antonietta Mangiapane e un pirotecnico direttore artistico, Vincenzo Cusumano, che dopo avere girato il mondo come organizzatore di produzioni cinematografiche e non solo, ha voluto pensare a un festival nella sua Cinisi che oggi è all’attenzione di produzioni estere. La dimostrazione e nell’arrivo nella sua casella di oltre 300 lavori, molti dalla Spagna. La giuria si è trovata una prima scrematura e ha così dovuto decidere su cortometraggi internazionali di grandissimo livello come “Ho appena fatto un sogno” di Javi Mavarro e ”I am Sami” del regista curdo Kae Bahar; metterli a concorso sarebbe significato azzerare la competizione, ecco perché la doppia menzione speciale. Il primo ha un alto valore educativo e narra la storia di due bambine, una bianca e l’altra nera, che si svegliano, la prima da un incubo e la seconda da un bellissimo sogno. L’autore utilizza un registro narrativo duale e di cambio prospettiva. Il secondo lavoro girato a Maxmur, a sud del Kurdistan narra la storia di Sami, un ragazzino di 10 anni costretto a mendicare con i soldati americani per aiutare il padre malato. Il vissuto del regista è davvero incredibile fu arrestato a 14 anni dalla polizia segreta di Saddam Hussein e barbaramente torturato. Cortometraggio capolavoro. Compatti i membri di giuria, nello scindere le produzioni internazionali da quelle squisitamente locali. Due premi ex equo per “Chiamate un’ambulanza” di Manfredi Russo e “I predatori degli innocenti” di Carlo Comito, girato interamente a Marsala, con attori non professionisti con qualche eccezione come, Ribisi La Spina nel primo, mentre nel secondo Ferdinando Gattuccio, noto al pubblico di squadra antimafia, Michele Li Volsi e Maria Irene Vetrano. Apprezzabili anche i lavori realizzati nei laboratori di cinema delle scuole superiori di tutta Italia. In giuria, l’attore Paride Benassai, Maria Antonietta Mangiapane, i giornalisti Francesco Massaro, Franco Cascio e Federico Orlando, e il fotografo Vincenzo Aluia, autore di bellissimi scatti con la modella Fiorella Briguglia che ha prestato il volto per la copertina del festival di quest’anno.

12314721_10207134746641134_5456475308626628512_o 12304408_10207134746721136_39142677794998218_o 12238353_10207134746761137_5756593229832025106_o 12316507_10207134754441329_7152071489061695018_n 12304279_10207134747681160_312832977002031645_o 12265844_10207134747761162_1138078474125752060_o12249768_1065984903453619_6603733291977256259_n

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *