Home / Cinema / Donatella Finocchiaro e le altre Beate

Donatella Finocchiaro e le altre Beate

La storia di Beate comincia, nelle parole di Samad Zarmandili, con: “La sceneggiatura inizialmente ambientata nella provincia Campana”, luogo altro e lontano da quel Polesine nei pressi di Rovigo che ha poi costruito l’ambiente del film, girato in 30 giorni. “L’articolazione con il sacro – continua il regista – l’abbiamo intesa anche come recupero dello stesso nel mondo del lavoro, non solo uno strumento umoristico. L’idea che la storia accadesse in provincia includeva la ricerca di quei valori che hanno tenuto insieme l’Italia per tanto tempo. Era un escamotage, che consentiva una trasfigurazione grottesca tra la fabbrica di lingerie e il convento delle suore. Il mantenere poi la lingua veneta, l’inflessione – che ha anche un suono divertente – è stato per aderenza alla realtà del territorio, ma anche un omaggio a film che l’anno celebrato, come Signore e Signori di Germi”.

Presentato al BIF&ST di Bari in anteprima, poi alla rassegna estiva romana di Nanni Moretti, “Bimbi belli”, dal 30 agosto il film esce per due settimane in esclusiva al Nuovo Sacher di Roma, e all’Anteo di Milano: seguirà poi la distribuzione nazionale. “Bari mi piaceva perché ha un bel pubblico. Su Venezia passata, invece, siamo stati in ballo per una collocazione nella sezione Cinema nel Giardino, che avrei accettato, ma poi non è andata a buon fine”, ha detto Dario Formisano, produttore con eskimo.

Questa storia in chiave leggera, che però narra questioni difficili e realistiche, come la perdita del lavoro, ma anche la complessa situazione di mantenimento di alcuni contesti religiosi, trova sviluppo e soluzione nello spunto dell’unione tra la comunità delle operaie e quella delle suore, tra la lingerie femminile e la necessità di ristrutturare il convento affinché non si trasformi in un resort stellato, il tutto nel nome di Armida, il personaggio di Donatella Finocchiaro, ma anche la beata a cui le monache sono devote, soprattutto una brillante Lucia Sardo nel ruolo di Suor Restituta, la zia della Finocchiaro. Per lei: “L’esperienza ‘da straniera’ in Veneto è stata quella della squadra femminile, rara nel nostro cinema, capace di stare sui toni della commedia, seppur sociale. Nel film vivono escamotage da commedia brillante accanto a temi difficili, cosa che crea un connubio da favola, nel nome della vittoria finale. Un grande messaggio di speranza”. Con Donatella Finocchiaro, come la stessa attrice ha tenuto a ribadire, un vero consesso di interpreti, tra cui Paolo Pierobon, assente all’anteprima con la stampa perché impegnato ad interpretare Silvio Berlusconi in 1994, ma che il regista racconta dicendo come: “il percorso di Paolo/Loris si esaurisce quando il personaggio di Armida capisce di poter camminare da sola. È come se facesse poi un suo upgrade, ma senza le donne”. Un ruolo quasi da caratterista, per l’attore, a cui Finocchiaro dà una lettura più ampia: “riconosco a Samad di aver scelto attori tutti giusti, tutti messi al posto giusto. Tutti personaggi costruiti, non con piccoli ruoli. È un vero film corale”.

Nel cast anche Anna Bellato, la datrice di lavoro “cattiva”, ovvero quella Veronica che dà il nome alla fabbrica di intimo femminile, come ad un brano della colonna sonora: “Di un personaggio come il mio – dice Bellato – volevamo raccontare un punto di vista molto egoistico, che rispecchia prospettive economiche e non umane, che compie la scelta più semplice. Abbiamo cercato di rendere una persona che diventa cattiva per qualcosa che lei ritiene più funzionale. Samad è riuscito con leggerezza a raccontare due mondi che uniti diventano forti insieme”.

Veronica che, appunto, non è solo il nome del personaggio e del marchio di intimo, ma anche il titolo di una delle canzoni che compongono la colonna sonora: un’idea del produttore Formisano, che racconta come stessero: “cercando una canzone popolare, che potessero cantare suore e operaie. Ma quelli popolari sono brani che costano moltissimo. Ho spulciato nell’archivio dell’editore musicale Ala Bianca e ho scoperto lì che Veronica era scritta da Dario Fo e Sandro Ciotti, su musica di Enzo Jannacci, che la interpreta: una chicca, che ci ha fatto pensare anche al ‘Vincenzina, davanti alla fabbrica’ da Romanzo popolare di Monicelli”.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *