Home / Editoriali / Il demonio non è un gioco!

Il demonio non è un gioco!

Lucifero non scherza, fa sul serio e quando le notizie di cronaca riportano le frasi: “Era una persona tranquilla, una brava famiglia, non avrei mai immaginato” dobbiamo sempre dubitare che le persone apparentemente normali facciano cose che si rivelano pericolose e sbagliate. Per molti giovani è considerato “un gioco”, si chiama “Charlie Charlie Challenge”, è di importazione messicana, e non è altro che una seduta spiritica semplificata. Apparentemente sembra semplice, due matite su un foglio, ma si tratta di una vera e propria evocazione del male. Come tutte le mode, “Charlie Charlie Challenge” è diventato virale fra gli adolescenti che si riuniscono a scuola o a casa ad evocare spiriti; lo fanno per goliardia e perché comunque tutto ciò che è mistero li attira. Gli esperti avvertono i genitori che non si tratta di un gioco ma di magia nera. Uno dei più famosi esorcisti, Padre Gabriel Amorth, sostiene di aver avuto a che fare con persone che dopo aver praticato spiritismo, hanno iniziato a sentire delle strane voci, confuse nella mente, che suggerivano di uccidere o spingersi al suicidio. “Non è sempre facile liberare queste persone attraverso gli esorcismi, dice padre Amorth, a volte ci vogliono anni e anni di preghiere e di notti insonni”. Il computo dei danni provocati da questo “pseudo gioco” consiste, per ora, in ragazzi adolescenti ricoverati per gravi crisi isteriche. I medici dichiarano che i giovani vittime di questa seduta spiritica, camuffata in gioco con le matite, mostrano un forte disorientamento. La diagnosi è di isteria psicotica. Per molti è un incoscienza giovanile, per altri è semplicemente stupidità. La prevenzione non è mai troppa, il consiglio che va ai genitori è quello di stare attenti e farsi raccontare dai figli esperienze varie e in particolare se si sono imbattuti in “Charlie Charlie Challenge”. Purtroppo il fenomeno ha assunto i caratteri di una leggenda metropolitana che si rifà alla macabra storia dello spirito di un bambino messicano morto suicida, in realtà è una vergognosa mistificazione che va allontanata. E più se ne parla,in famiglia e a scuola più si fa prevenzione verso l’ultima idiozia che rischia di fare ancora vittime della solitudine, i giovani, sempre più annoiati, svuotati di valori morali, e in cerca di nuove emozioni. Ma con il male non si scherza, come non si scherza con il fuoco, si rischia di rimanere ustionati!

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *