Home / Cinema / La memoria del mare

La memoria del mare

Andrea Mura realizza un’opera sulla nostalgia e sulla consapevolezza dell’ineluttabile oblio della saggezza acquisita da secoli di tradizioni legate ad un mestiere, al territorio ed ai suoi frutti. La vita del marinaio acquisisce tutta la forza che risiede in secoli di riflessioni e affinamenti della tecnica di pesca, una cultura antica che la contemporaneità ha abbandonato nel nome di nuovi propositi.

A Terrasini, piccolo paese alle porte di Palermo dedito alla pesca, vive Filippo Castro, che da più di quarant’anni svolge una ricerca appassionata e meticolosa sulla cultura marinara in Sicilia. La memoria del mare disegna un affresco lirico del mondo marinaro, sospeso tra passato e presente, seguendo le giornate di Filippo e della comunità di pescatori di Terrasini, tra gli ultimi a praticare ancora la piccola pesca utilizzando metodi tradizionali, come la lampara, la fiocina e il cianciolo.

Ora che quel mondo è quasi tramontato, soppiantato dalla meccanizzazione dei sistemi di pesca, la ricerca di Castro ci permette di ricostruirne il ricordo e conservarne la memoria di una cultura che, nella contemporaneità di oggi, risveglia sempre e continuamente un vuoto, una perdita di qualcosa che ci è appartenuto e che ci è stato caro e che, volente o nolente, non possiamo permetterci di abbandonare.

Anno 2012 – Durata 30′
di Andrea Mura

 

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *