Home / Eventi / “La rotta dei migranti nel Mediterraneo”

“La rotta dei migranti nel Mediterraneo”

Un incontro tra reporter, esperti ed operatori nel settore umanitario, nel salvataggio e nell’accoglienza, per capire le dinamiche ed il futuro di un fenomeno che tocca molto da vicino le nostre coste. E’ stato questo  il tema al centro del convegno Lotteria per la vita: la rotta dei migranti del Mediterraneo, nella sala Piersanti Mattarella dell’ARS di Palermo, organizzato dal , svoltosi il 15 febbraio scorso  La giornalista di Rai News24 Angela Caponnetto ha affrontato  il tema raccontando le storie delle vite umane che ci sono dietro le politiche europee sull’immigrazione. Meno migranti nel nostro Paese significa davvero ridurre i flussi? Mentre si continua a parlare di chi deve ancora arrivare, spesso non si ascoltano le storie di chi è già arrivato, con la voglia di vivere e costruire un futuro. La parlamentare europea Lara Comi è intervenuta con un videomessaggio sui Trattati di Dublino, spiegando a che punto sono le riallocazioni e su cosa si intenda fare per tutti i prigionieri in una Libia in continui conflitti interni. Lidia Tilotta, giornalista del Tg3, autrice del libro “Lacrime di sale”, ha raccontato il percorso che l’ha portata a descrivere le storie vissute dal medico lampedusano Pietro Bartolo, tra dolore e speranza. Con un approfondimento sulla questione delle fake news. Guglielmo Mangiapane, fotoreporter collaboratore delle agenzie Reuters e Lapresse, ha illustrato,  tramite immagini, l’esperienza a bordo della nave Aquarius impegnata nelle operazioni di salvataggio dei migranti al largo delle coste libiche. L’incontro ha visto la partecipazione dell’avvocato  Fulvio Vassallo Paleologo, componente del collegio del dottorato in “Diritti umani: evoluzione, tutela, limiti”, presso il dipartimento di Scienze giuridiche, della società e dello sport (DGISSPO) dell’Università di Palermo, tra i massimi esperti in diritto internazionale, ha fornito dati molto interessanti sul fenomeno migratorio.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *