Caricamento

Digita per cercare

In Evidenza Teatro

L’Amleto di Giuseppe Provinzano riletto in chiave moderna

Condividi

La traduzione dal tedesco della parola Hamletmachine potrebbe essere La macchina di Amleto e fu scritta da un grande drammaturgo tedesco, Heiner Müller nel pieno di una delle sue ossessioni legate alle tristi storie naziste prima e comuniste poi. Come Müller anche il regista e attore palermitano Giuseppe Provinzano, ha voluto provocare, tra scetticismo e paradosso,  con questo interessante pezzo di teatro sperimentale che gli è valsa la menzione speciale al premio Dante Cappelleti e il premio della critica – giovani realtà del teatro italiano.

La scena

Una decina di corde agganciate al tetto, reggono dei neon verticali  a fare da illuminazione fioca e stroboscopica nello stesso tempo, grazie a quei piccoli starter che un tempo creavano l’effetto discoteca. La scenografia è minimal, i due attori protagonisti, Provinzano e la sempre brava Chiara Muscato, si fanno trovare seduti in fondo al palcoscenico; il pubblico, che entra in sala Strheler, al teatro Biondo di Palermo, per assistere allo spettacolo, li saluta e loro, indifferenti; il primo a fumare un sigaretta, l’altra assorta nei suoi pensieri; ai piedi  il teschio shakespiriano e un piccolo mazzo di fiori che depongono sopra dei fogli; a fine spettacolo li distribuiranno in memoria di Ofelia. Iniziano quasi all’improvviso, trovandosi già sulla scena e si chiedono che ci fanno lì? Una sorta di teatro nel teatro dove per l’intera performance a volte è difficile capire quando i due recitano o sono al naturale.

La crisi del teatro

Certamente i primi dieci minuti sono un pugno nello stomaco sulla crisi dei teatri e di conseguenza dell’intero comparto artistico;  poi la scenografia diventa a volte un ring a volte una gabbia per i leoni del circo. Si muovono rapidi e sinuosi Provinzano e la Muscato. Entrano ed escono nei personaggi di Amleto, della regina Gertrude, del re Claudio vestendo goffi e ingombranti costumi creati da Vito Bartucca.

Rosencrantz e Guildenstern

Il teatrino delle marionette, sapientemente realizzate da Elena Bosco, offre al pubblico un delizioso dialogo fra Rosencrantz e Guildenstern. A chi non viene in mente il film del 1990 diretto da Tom Stoppard esatta trasposizione cinematografica della sua commedia omonima. Giuseppe Provinzano e Chiara Muscato grazie alle loro arte affabulatoria li animano e poi li abbandonano a guardare lo spettacolo a bordo palco. “To play or to die, that is the question.. today”, il titolo è davvero azzeccato così come le musiche di Roberto Cammarata. Questa produzione del Teatro Biondo di Palermo in sinergia con Babel Crew, il sostegno di Spazio Franco e la collaborazione del Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, è destinata sicuramente a girare l’Italia, perfetta sperimentazione di un teatro moderno che Heiner Müller pensava e che Giuseppe Provinzano ha saputo interpretare e cogliere nella scrittura poco convenzionale, dove nella sequenza di dialoghi entra in crisi il ruolo del protagonista per interrogarsi e riflettere sul suo “essere o non essere”.

 

Tags:

Potrebbe piacerti anche:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *