Home / Editoriali / Le donne si fanno cibo

Le donne si fanno cibo

E’ da poco passata la festa della donna e come sempre una serie innumerevole di eventi ha costellato questa ricorrenza, che forse negli anni ha perso un pò smalto. Pochi hanno affrontato il tema dell’alimentazione collegandolo alla figura femminile, ma c’è un libro, edito da Slow Food, di Cinzia Scaffidi, che si intitola “Mangia come parli”, l’autrice scrive: “Le donne si fanno cibo, per i propri figli appena nati, e un tempo poteva avvenire che lo facessero anche per i figli degli altri. Le donne funzionano un po’ come le rose nelle vigne», conclude Cinzia Scaffidi. Sono quelle piante all’inizio dei filari che non hanno una funzione decorativa, ma servono da “spie”, perché avvertono quando c’è carenza di ferro, o è arrivato un parassita. Senza quelle, niente più vendemmia”. Mancano ormai meno di due mesi al grande evento “Expo Milano 2015”, tutti i popoli arriveranno da tutto il mondo per confrontarsi sui temi della nutrizione e della sicurezza alimentare e per la prima volta le donne si sono organizzate all’interno di una struttura denominata: “Women for Expo”. Avranno un ruolo centrale in una manifestazione mondiale di questa importanza. “Dobbiamo parlare di donne e alimentazione uscendo dal cliché che vuole le donne solo come coloro che “si prendono cura” dichiara una delle responsabili dell’organizzazione, Marta Dassù. «In realtà hanno un peso molto rilevante nella produzione agricola mondiale. E dovranno avere maggiore accesso al credito agricolo, ai diritti di proprietà della terra e all’educazione. In particolare nei Paesi africani, dove continua a concentrarsi gran parte del problema della fame e della malnutrizione. Se ciò non avverrà, non ci saranno possibilità concrete di migliorare la sicurezza alimentare nel Pianeta, tema al centro di Expo Milano 2015. Il tema portante di Women for Expo è lo spreco: oggi un terzo dei cibo prodotto viene perduto o buttato, l’obiettivo è quello di una rete che tenga insieme governi, business, cittadini e organizzazioni della società civile”. Fin qui la dichiarazione pubblicata su Repubblica, che si conclude con un appello all’alleanza tra donne, in una stagione di cambiamento climatico che lascia prevedere difficoltà maggiori per l’acqua e le coltivazioni, tutto ciò rappresenta uno stimolo potente a guardare ciò che le donne fanno già oggi nel proteggere, coltivare e preparare ciò che mangiamo. Ed è pur vero che le donne di oggi non sono come le loro mamme che un tempo erano davvero custodi della famiglia in un equilibrio perfetto con il pater familias.

 

info@scinardo.it

 

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *