Home / Cinema / “Leggere il reale” con Federica di Giacomo

“Leggere il reale” con Federica di Giacomo

La notizia è stata pubblicata dalla Filmcommission Sicilia: il film “Liberami” di Federica Di Giacomo è tra i 20 finalisti del Doc/it Professional Award; è stato infatti selezionato da Hot Docs Canadian International Documentary Festival per la sezione World Showcase. Prodotto da Mir Cinematografica  Opera Films, in collaborazione con Rai cinema, France3 Cinema, il film è stato ospitato a Palermo durante l’ultima edizione degli Italian Doc Screenings Academy.

L’autrice e regista Federica Di Giacomo , intervistata dal tutor Federico Savonitto ha incontrato  gli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia della sede Sicilia  per una masterclass che, come dichiara la stessa Di Giacomo, vuole essere un incursione informale sul tema della giusta distanza nel documentario di creazione attraverso l’analisi dei diversi momenti della scrittura documentaria, dal soggetto, ai sopralluoghi, alle scelte di regia, al montaggio.

Biografia

Nata a La Spezia, si laurea in Antropologia a Firenze, lavora per alcuni anni nel teatro danza con il gruppo russo Derevo, fondando il Collettivo teatrale Tutti. Nel 1999 frequenta il Master europeo di documentario di creazione a Barcellona, dove collabora come aiuto sceneggiatrice in Monos como Becky di Joaquín Jordá e in En construccion di Louis José Guerin. Nel 2000 gira il documentario Los colores de la trance, Marrakesh distribuito da BTV. Dal 2001 realizza documentari e video per Raisat Cinema ed altre televisioni. Scrive e dirige i cortometraggi Close Up e Suicidio perfetto. E’ produttrice, autrice e regista de Il lato grottesco della vita (2006), premiato al Torino film festival 2006 (premio Cipputi, premio Avanti), all’Etno film fest 2007 (miglior documentario), selezionato da numerosi festival fra cui Premio Libero Bizzarri 2007, San Paulo International Film Festival 2007, Uruguay film festival 2008, distribuito da Rai3 e Cult.

Padre Cataldo, il prete esorcista

 

 

 

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *