Home / Società / Famiglia / L’elaborazione del lutto

L’elaborazione del lutto

Ancora morti sulle nostre strade e ancora giovani vite spezzate in un attimo di gioia e spensieratezza nella prospettiva di trascorre un sabato sera diverso. Due giovanissimi che si spengono, 11 feriti e 3 auto coinvolte. Il bollettino di guerra degli incidenti continua a segnare punti a suo vantaggio per l’ennesima tragedia consumatasi nei giorni scorsi nella nostra provincia lungo l’autostrada Palermo ? Catania. E’ ancora lo svincolo di Catenanuova e qualche chilometro oltre, lo scenario di morte. Inevitabile pensare al dolore delle famiglie che apprendono da terzi ciò che nessuno vorrebbe sentirsi dire: ”tua figlia è morta in un incidente stradale”. E poi la straziante visione di un corpo martoriato e privato in un attimo del soffio vitale. Come si può elaborare questo lutto? Come può una famiglia ritornare a vivere senza la presenza di uno dei componenti che ha riempito la casa, che all’improvviso lascia tutti i suoi effetti personali sotto gli occhi inermi di un genitore che non potrà mai riaverlo? Non è vero che il dolore per la perdita di un caro fa bene e aiuta a temprare il carattere. Il dolore fa male e va alleviato in qualsiasi modo. Il grande psicoanalista Sigmund Freud sosteneva che l’elaborazione del lutto è un lavoro mentale, un processo lungo e articolato, segnato da fasi di ricostruzioni e di staticità. Comunque è un percorso mentale lento, che si protrae nel tempo nella misura in cui la perdita di un familiare viene emotivamente sentita in modo forte. L’elaborazione del lutto diventa dunque quel particolare processo mentale, lungo e complesso, che conduce a un consapevole rassegnarsi alla perdita patita. Il rispetto della necessità di elaborare i lutti è una delle basi della prevenzione primaria della patologia mentale delle persone depresse. Spesso, in queste circostanze, molti dispensano consigli o peggio usano frasi fatte che sicuramente non alleviano il dolore della perdita di un familiare. Anche in questo caso diventa fondamentale l’ascolto e la condivisione; con molta pazienza dovremmo avere più rispetto della sofferenza degli altri, quasi assecondarla; dimostrare con i fatti che si è pronti a recepire ogni richiesta di aiuto. E allora quando si dice che la vita continua, non è una frase fatta, ma un volere prendere consapevolezza del problema e magari fare il più grande regalo a chi è scomparso: alleviare il dolore e vivere una vita piena.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *