Home / Senza categoria / Luca Vullo e gli italiani a Londra

Luca Vullo e gli italiani a Londra

Londra non ha mai attirato tanti italiani come negli ultimi anni. In un periodo in cui la migrazione all’interno dell’Europa è continuamente all’ordine del giorno della politica, e dopo la tormentata vicenda di Brexit, INFLUX, il docufilm del regista siciliano Luca Vullo offre, attraverso la prospettiva degli immigrati italiani, un’autoanalisi emotiva che rivela le forze e le debolezze degli italiani, l’unicità della loro mentalità e le mille contraddizioni che li caratterizzano.

Un mosaico di voci e volti della sempre più ricca comunità di Italian Londoners: il film rivela con efficacia rabbia, paura, voglia di riscatto, successi, fallimenti, consapevolezza di sé.

Perché così tanti Italiani hanno deciso o stanno decidendo di trasferirsi a Londra? Come stanno gli italiani? Cosa cercano? A cosa vanno incontro? Che cosa danno? INFLUX lo racconta anche attraverso volti noti come le giornaliste Barbara Serra e Caterina Soffici, architetti come Claudio Silvestrin, cantanti come Marcella Puppini, volti dello sport come Gianluca Vialli, chef come Francesco Mazzei, scrittrici come Simonetta Agnello Hornby e il cofondatore di Toni & Guy Toni Mascolo.

Il film, indipendente, prodotto da sponsor e investitori privati e tramite una riuscita campagna di crowdfunding online, ha usufruito della collaborazione non onerosa delle istituzioni italiane presenti sul territorio britannico: Ambasciata e Consolato Generale d’Italia a Londra.

INFLUX sarà proiettato in anteprima nazionale in sala, dopo i passaggi nei festival, lunedì 26 settembre alle 21:00 al cinebistrot Rouge et Noir di Piazza Verdi a Palermo. Alle 20:30 la presentazione con il regista. Prezzo del biglietto 5 euro.

Luca Vullo è un autore, regista e produttore con base tra Londra e Los Angeles. Vullo ha realizzato documentari ben accolti a livello internazionale come “Dallo Zolfo al Carbone” (From Sulphur to Coal) sulla emigrazione italiana in Belgio derivante dal patto italo-belga del 1946 e “La voce del corpo” (The voice of the body) che affronta e spiega la gestualità siciliana e italiana consacrandolo come esperto e insegnante di gestualità italiana in diverse parti del mondo.

Di Vincenzo Aronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *