Home / Cinema / Mauro Lamantia: Le mie “Notti Magiche” con Paolo Virzì

Mauro Lamantia: Le mie “Notti Magiche” con Paolo Virzì

Nella sua Enna arroccata sulle montagne e nascosta tra la nebbia, Mauro Lamantia ha imparato a sognare e a recitare.
Dal palco del teatro Garibaldi di Enna, dove appena un anno fa ha emozionato il pubblico in scena in Lingua di cane di Sabrina Petyx diretto da Giuseppe Cutino, assieme ai colleghi Noa Di Venti, Elisa Di Dio, Franz Cantalupo, Rocco Rizzo e Sara D’Angelo, è arrivato a Roma, scelto da Paolo Virzì per uno dei ruoli da protagonista del suo nuovo film Notti magiche.
La lavorazione del film è iniziata la scorsa settimana e finirà a dicembre. Paolo Virzì in Notti magiche, ambientato a Roma nell’estate dei mondiali di calcio del 1990, torna a scommettere sugli esordienti: Giovanni Toscano, Irene Vetere e Mauro Lamantia saranno tre giovani aspiranti sceneggiatori sospettati dell’omicidio di un noto produttore cinematografico. Sul set ci saranno anche alcuni degli attori ed attrici che meglio rappresentano il cinema (e il teatro) italiano: Giancarlo Giannini, Roberto Herlitzka, Paolo Bonacelli, Ornella Muti, ma anche Marina Rocco, Andrea Roncato, Giulio Scarpati, Emanuele Salce, Giulio Berruti, Ludovica Modugno, Ferruccio Soleri, Simona Marchini e tanti altri.

Cosa è successo dopo “Lingua di cane”?
«Proprio mentre lavoravo alla produzione della compagnia dell’Arpa per il teatro Garibaldi ho lasciato casa a Milano per trasferirmi a Roma a gennaio. Ho pensato che era il momento di provare con cinema e televisione. A febbraio attraverso l’agenzia che mi supporta è arrivato il primo provino con Paolo Virzì. Dopo tre provini a giugno ho avuto la notizia di essere nel cast di Notti magiche».
Nel frattempo sei stato anche protagonista di Ho fatto in tempo ad avere un futuro (che non fosse soltanto per me), videoclip di Luciano Ligabue.
«A marzo il regista Giacomo Triglia mi ha scelto per il video. Un’ esperienza che mi ha lasciato un’adrenalina che mi ha fatto capire che era quello che volevo continuare a fare. L’ho vissuto come un buon auspicio. Sul set c’era una mia amica e collega, Francesca Agostini, che ha reso ancora più bella l’esperienza. E poi, conoscere Ligabue è stato bello».

Come vivi questo momento della tua carriera?
«Sono felice. Ho sempre amato Paolo Virzì come spettatore. Essere in uno dei suoi film mi riempie di onore, perché se da spettatore ero rapito e commosso, ritrovarmici dentro è bellissimo. Già dai provini, ed oggi con i primi ciak, la sua gioia di fare e la sua grinta sono quelle che si immaginano da fuori».
Come è stato il primo giorno sul set?
«Non dico che arrivato lì mi veniva da piangere, perché era molto più bello e forte di un pianto di gioia quello che ho provato. Sono grato a Virzì, mi sta facendo vivere un sogno».

Vieni dalla Scuola del Piccolo di Milano, ma la passione per il teatro l’hai scoperta ad Enna. Cosa ti porti di quell’inizio?
«Ad Enna devo tantissimo. Quel luogo in cui sono cresciuto sino ai 18 anni, fatto di nebbia, di essere su una montagna, in una Sicilia completamente altra, mi ha fatto essere la persona che sono a livello artistico. Quel luogo isolato, ma in cui tutto ha una storia e una forza anche mitologica, mi ha dato tantissimo a livello di immaginario e stimolo. Mi ha imposto di fare da solo per coltivare i miei sogni. Porto sempre nel cuore Enna,chi ho incontrato e quello che mi ha dato».
Hai partecipato ad alcune piéce di teatro danza, cosa sono per te movimento e corpo?
«Corpo e movimento sono essenziali. Amo anche danzare. Forse non è un caso che abbia amato particolarmente le lezioni di danza e di movimento per l’attore con Michele Abbondanza e Maria Consagra».

Cosa c’è dopo Notti magiche?
«Il debutto con la mia compagnia indipendente Idiot Savant a gennaio con 2084 apocalisse e a giugno con Sogno di una notte di mezza estate. Intanto continua il viaggio di Lingua di cane che a marzo porteremo a Bologna e Catania (il 23 al Centro Zo) e ad aprile a Milano. Sono piacevolmente sorpreso da come è andata questa produzione, è un momento importante per noi, e il suo procedere è motivo di gioia». Tiziana Tavella
tiziana.tavella1@gmail.com (fonte: La Sicilia)

Mauro Lamantia e Francesca Agostini in un frame del videoclip di Ligabue

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *