Home / Teatro / Neighbors

Neighbors

In scena Neighbors, unica tappa in Sicilia a Palermo al Teatro Mediterraneo occupato

Chissà perché all’uscita del Teatro Mediterraneo Occupato, in quel fatiscente scenario che è la Fiera del mediterraneo, dopo avere visto 90 minuti esatti, “Neighbors” con Irene Turri e Francesco Meola, mi è venuto in mente il romanzo di Milan Kundera, “L’insostenibile leggerezza dell’essere”. Immediatamente dopo ho legato e canticchiato nella mia testa la canzone di Antonello Venditti ”Questa insostenibile leggerezza dell’essere”. Poi ripensando alla traduzione letteraria di Neighbors – Cattivi vicini, ho rivisto in uno dei due protagonisti Francesco Meola, quell’innocente viso di Zac Efron, idolo delle teen agers, in Hight school musical, che nella pellicola di due anni fa, diretta da Nicholas Stoller, si diverte a sperimentare una molteplicità di ruoli. Ma Meola ovviamente è molto meno poliedrico della star di Hollyvood, a volte seduto, a volte disteso o quasi sempre in piedi su un divano schricchiolante rosso vermiglio, dialoga incessantemente con la sua vicina di casa Petra, nel volto della bravisssima Irene Turri. Veronese di nascita, New York è la sua residenza stabile. Si muovono leggeri in una scena povera, fatta di cartoni e libri vecchi e sgualciti, tipici di un disordine strutturale oltre che psicologico di chi sogna di emigrare e, quando lo fa, deve fare i conti con quell’economia domestica, richiamata spesso da Meola in scena. Viene in mente Kundera, quando nel suo romanzo ribalta il dualismo manicheo, mettendo al centro dell’esistenza la libertà. Verità e Senso in Kundera sono eterni e orientano l’uomo “nel mare della sensatezza”. Così sono Leonardo e Petra; lui ballerino contemporaneo, alle prese con le difficoltà della lingua inglese nell’affrontare i provini che spera gli possano cambiare la vita (il sogno americano) e lei è la sua vicina di casa; sceglie il soggiorno di lui come fissa dimora, anche per addormentarsi all’improvviso. La regia di questo spettacolo “leggero” è di Ilaria Ambrogi, romana d’origine, ma anche lei trapiantata a New York; al suo attivo numerose produzioni tra cinema, teatro e web series. I protagonisti di Neighbors hanno costantemente bisogno l‘uno dell’altra, e quando sembra che si stanno per innamorare c’è sempre un elemento di disturbo, che passa attraverso la narrazione delle rispettive esperienze, che li allontana. Ma come succede con il rocchetto è lei che torna quasi sempre sui suoi passi, quasi a cercare un ancoraggio in Francesco. Nel finale la scena della lite violenta è in assoluto la migliore in termini performanti. I due attori riescono a rapire lo spettatore come a inghiottirlo in quell’asciutto e polveroso pavimento in legno. Alla fine i due si addormentano, lei con la testa china sulle gambe di lui; sembrano quasi fratello e sorella. Colpiscono i repentini cambio d’abito minimalisti; Petra a volte è incredibilmente sexy con le calze a rete strappate ma indossate per l’intera performance. Non solo brava a recitare ma tutto il suo talento sonoro e acustico esce fuori nell’urlo alla vista di un topo nell’appartamento di Leo. Insomma la piece teatrale promossa da “La valigia rossa” e per la tappa palermitana ospitata dal TMO (Teatro Mediterraneo occupato), ha lasciato tutti soddisfatti con un senso di “leggerezza”.

Ivan Scinardo

12647082_10208821531806016_2369766668986759786_n  20160205_212209 20160205_224732

 

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *