Home / Società / Famiglia / Nonni baby-sitter!

Nonni baby-sitter!

Portano i bambini a scuola, sono insostituibili compagni di gioco, complici dei nipotini. Li portano anche dal pediatra e passano la maggiore parte della giornata con loro. Ecco i nonni di oggi in tempo di crisi. Emerge però una lacuna rispetto a tutti questi aspetti positivi del rapporto “nonno – nipote”, la mancanza di informazioni sulla sicurezza. A sostenerlo gli esperti della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps); secondo loro vanno istruiti sulle norme di sicurezza e le buone abitudini da mettere in pratica con i bambini. Vanno cioè maggiormente informati sulle novità in termini di alimentazione infantile, di puericultura, di pedagogia, di aspetti socio-educativi. Secondo una recente indagine i bambini tra i 7 e gli 11 anni percepiscono il nonno come «una figura che comunica affetto, che comprende le loro necessità, che trasmette esperienze. Di contro, i nipoti che si sentono viziati dai nonni sono una minoranza, anche se discreta (il 27%), e quelli che invece che si sentono trattati in modo autoritario rappresentano circa un terzo degli intervistati. Insomma, i nonni italiani sono amati dai loro nipoti e passano con loro quasi la metà del loro tempo». Dallo studio europeo SHARE (The Survey of Health, Ageing and Retirement in Europe), l’Italia risulta essere il paese dove il 33% dei nonni si prende cura quotidianamente dei nipoti, contro l’1,6% della Danimarca o il 2,9% della Svezia. «Questa situazione, giudicabile positiva sotto l’aspetto umano, nasconde però una realtà in cui le famiglie giovani si devono appoggiare a quelle di origine per poter accudire i figli, in tempi di difficoltà economiche ed occupazionali e di carenti investimenti nel settore della famiglia e dei servizi sociali: anche in questo l’Italia rappresenta il fanalino di coda tra i paesi europei nella percentuale del PIL dedicato al welfare della famiglia», a dichiaralo Leo Venturelli, pediatra di famiglia e referente per l’educazione sanitaria e la comunicazione della SIPPS.  Secondo una ricerca statunitense, il 33% dei nonni pensa che il lattante possa dormire a pancia in giù, il 23% ha detto di fianco; solo il 44% ritiene giusta la posizione sulla schiena. Quasi il 74% degli intervistati ritiene che il girello sia un buon dispositivo per aiutare i bambini ad imparare a camminare, sebbene i pediatri denuncino il rischio di cadute causato da dislivelli del suolo. E ancora, il 49% dei nonni intervistati pensa che non ci siano problemi a lasciare peluche o altri giocattoli nel letto durante il sonno del bambino nei primi mesi di vita, sottovalutando il rischio che possa andare a sbatterci contro o rimanervi perfino soffocato. La formazione a genitori e a nonni rimane dunque la strada più giusta rimane il dubbio su chi debba fare questo training? Per la Sipps le risorse in campo sono molteplici: si va dai genitori, istruttori “naturali” nel definire le regole e le indicazioni per la cura dei nipoti, alle istituzioni, che possono garantire o organizzare corsi, seminari, approfondimenti, ai pediatri, che sia individualmente sia come società scientifiche possono intervenire utilizzando linee guida, consigli, indirizzi di comportamento.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *