Home / Cultura / “Ogni storia è una storia d’amore” D’Avenia racconta

“Ogni storia è una storia d’amore” D’Avenia racconta

Teatro Biondo di Palermo gremito di giovani adolescenti che lo seguono ormai da anni. Lui, Alessandro D’Avenia, 40 anni,  sceglie come scenografia due ali di studenti che ironicamente richiamano la sua classe,  la sezione “A” del liceo classico Vittorio Emanuele e la sezione concorrente, la “B”. Per quasi 2 ore incolla alle poltrone quei ragazzi che lo hanno amato  nella lettura del suo romanzo d’esordio, “Bianca come il latte, rossa come il sangue” con oltre 1 milione di copie vendute e che dopo qualche anno diventerà anche un film prodotto da Rai cinema. Alla fine di questa “lezione dalla mente e dal cuore aperto”, il libro (pre-autografato): “Ogni storia è una storia d’amore” edito da Mondadori, va a ruba e  Alessandro D’Avenia, non trattiene la sua emozione iniziale per la dedica dello spettacolo alla madre in sala che proprio ieri compiva il compleanno. Il libro diventa dunque un nuovo racconto teatrale con la regia di Gabriele Vacis e il disegno illuminotecnico e sonoro di Roberto Tarasco. E così dopo aver raccontato Leopardi in tutta Italia, D’Avenia regala al pubblico una rilettura dei classici e non solo,  ossessionato dalla grande storia d’amore tra  Orfeo ed Euridice, nella elegante e al tempo stesso potente versione del poeta Ovidio. Davanti a lui, a bordo palco, 36 gomitoli di lana rossi, che con delicatezza tiene in mano dipanando i fili come facevano le antiche parche.  Il suo sguardo incrocia quello di giovani sul palco scelti a caso dalla platea pensando a un focolare con gli occhi in cielo a ammirare le stelle. Con lui una piccola scrivania in legno  con su il libro e un quaderno rosso; seleziona e narra  storie di donne che hanno provato ad amare artisti con esiti che vanno dal tragico della Elizabeth di Dante Gabriel Rossetti al comico della Giulietta di Fellini, dall’epico della Nadežda di Osip Mandel’štam al lirico della Fanny di Keats, dal cinematografico della Alma di Hitchcock al fiabesco della Edith di Tolkien. Lo spettacolo, gratuito, sta girando l’Italia e vale davvero la pena gustarselo come si fa con un libro di questo spessore.

(Nota dell’editore) L’amore salva? Quante volte ce lo siamo chiesti, avvertendo al tempo stesso l’urgenza della domanda e la difficoltà di dare una risposta definitiva? Ed è proprio l’interrogativo fondante che Alessandro D’Avenia si pone in apertura di queste pagine, invitandoci a incamminarci con lui alla ricerca di risposte. In questo libro incontriamo anzitutto una serie di donne, accomunate dal fatto di essere state compagne di vita di grandi artisti: muse, specchi della loro inquietudine e spesso scrittrici, pittrici e scultrici loro stesse, argini all’istinto di autodistruzione, devote assistenti, o invece avversarie, anime inquiete incapaci di trovare pace. Ascoltiamo la frustrazione di Fanny, che Keats magnificava in versi ma con la quale non seppe condividere nemmeno un giorno di quotidianità, ci commuove la caparbietà di Tess Gallagher, poetessa che di Raymond Carver amava tutto e riuscì a portare un po’ di luce nei giorni della sua malattia, ci sconvolge la disperazione di Jeanne Modigliani, ammiriamo i segreti e amorevoli interventi di Alma Hitchcock, condividiamo l’energia quieta e solida di Edith Tolkien. Alessandro D’Avenia cerca di dipanare il gomitolo di tante diversissime storie d’amore, e di intrecciare il filo narrativo che le unisce, in un ordito ricco e cangiante. Per farlo, come un filomito, un “filosofo del mito”, si rivolge all’archetipo di ogni storia d’amore: Euridice e Orfeo. Un mito che svolge la sua funzione di filo (e in greco antico per indicare “filo” e “racconto” si usavano due parole molto simili, mitos e mythos) perché contempla tutte le tappe di una storia d’amore, tra i due poli opposti del disamore (l’egoismo del poeta che alla donna preferisce il proprio canto) e dell’amore stesso (il sacrificio di sé in nome dell’altro). Ogni storia è una storia d’amore è così un libro che muove dalla meraviglia e sa restituire meraviglia al lettore.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *