Home / Senza categoria / Parola d’ordine…cooperazione

Parola d’ordine…cooperazione

I flussi migratori che attraversano il nostro paese non sono solo una realtà del nostro tempo, ma si sono verificati fin dagli albori dell’ esistenza dell’ uomo sulla terra. La vita sul nostro pianeta è stata sempre caratterizzata da movimenti di popoli che, spinti da cause economiche, politiche e talora anche da fenomeni naturali, hanno cercato nuove terre e si sono insediati in zone in cui godere di livelli di vita migliore. Oggi la meta dei migranti è l’ Europa e tutti gli Europei si sono mostrati sordi o impreparati ad accogliere un così elevato numero di migranti , peraltro, diversi anche fra loro per etnia, lingua, religione.

L’ Europa sta infatti dimostrando la sua inadeguatezza nell’ affrontare un fenomeno di così vaste proporzioni e che indubbiamente , in un futuro non troppo lontano, cambierà l’assetto politico e antropico dell’ Europa. Ed è in quest’ ottica che l’ Europa e l’ Italia “ in primis”devono agire e interagire :occorrono le forze e le energie intellettuali del mondo accademico , occorre la cooperazione con le varie associazioni , le uniche che, nel corso di un lungo tempo, si sono occupate dei migranti e ne hanno favorito l’ insediamento nei nuovi paesi.Emerge quindi la necessità di un’ azione sinergica tra tutte le componenti, mirata alla fondazione di una società in cui tutti gli uomini possano riconoscersi come cittadini del mondo, senza le gravi disuguaglianze che oggi attanagliano la maggior parte delle popolazioni. Ma tutto ciò ancora non è sufficiente , se vogliamo veramente risolvere alla base il problema è necessario creare un mondo nuovo , un uomo nuovo. E in quest’ ultimo compito così gravoso il ruolo fondamentale della formazione dovrà essere svolto   dalla scuola. Eppure ciò è sfuggito ai nostri governanti che hanno sottratto ore finalizzate allo studio di discipline, quali la geografia,la storia e l’ educazione civica, che hanno il compito di insegnare ai nostri ragazzi l’ apertura e il dialogo verso chi è diverso da noi. Senza la formazione dei ragazzi come si potranno acquisire conoscenze e competenze necessarie per formare una società civile in cui il termine globale stia a significare migliori condizioni di vita per tutti.   In conclusione, per affermare a gran voce , in questo mondo di luci ed ombre, il valore della diversità , occorre ricordare la poesia di Mahmoud    Shahmirzadi

Di Vincenzo Aronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *