Caricamento

Digita per cercare

Cinema In Tendenza

Parru pi tìa di Giuseppe Carleo in proiezione

Condividi

Questa sera, Giovedì 24 gennaio 2019, al Cinema De Seta nell’ambito delle anteprime della nona edizione del Sicilia Queer filmfest, che si svolgerà a Palermo dal 30 maggio al 5 giugno 2019, ci sarà  la prima presentazione cittadina del nuovo film di Giuseppe Carleo, Parru pi tía, girato nel quartiere di Ballarò con un cast tutto siciliano (Miriam Dalmazio, Alessandra Pizzullo, Clara Salvo, Claudio Collovà, Salvo Piparo) che sarà presente in sala per incontrare il pubblico insieme al regista. Il regista ha vinto con il film la terza edizione del concorso riservato ai Giovani Autori Italiani, che si è svolto nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Alla proeizione saranno presenti il regista e il cast.

Sinossi: La famiglia Bonanno vive nella periferia di Palermo. Annachiara, figlia unica, è stata appena lasciata dal suo fidanzato e aspetta di vederlo un’ultima volta perché, secondo una vecchia usanza, ci si restituisce i regali del fidanzamento sfumato. Lucia, madre di Annachiara, rimprovera la figlia per essersi fatta sfuggire un buon partito e tra loro inizia un litigio. Nonna Filippa assiste alla lite e subito realizza che il ragazzo di cui parlano potrebbe cambiare le sorti non solo della nipote ma dell’intera famiglia. Improvvisamente l’anziana donna interrompe il diverbio e prende in mano la situazione. Lei è l’unica che, grazie ai suoi poteri occulti, può sovvertire l’ordine naturale delle cose e convince Annachiara e Lucia ad affidarsi totalmente a lei. Recitando un’antica orazione, nonna Filippa lavora il sangue mestruale della nipote affinché abbia il potere di riaccendere la passione in Federico e legarlo per sempre ad Annachiara. Una sola goccia di sangue viene nascosta dentro una gradevole tazzina di caffè che verrà offerta al giovane inconsapevole. Nonostante l’impegno delle tre donne, l’imprevedibilità del destino ribalterà ancora una volta il corso degli eventi.

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *