Caricamento

Digita per cercare

Arte Eventi In Evidenza Musica

“Selinunte, music from miths” di Salvo Ferrara

Condividi

“La musica non è questione di stile, ma di sincerità”. Lo aveva dichiarato sul blog di Sipariamente, il compositore e musicista palermitano Salvo Ferrara, ispirandosi alla compositrice islandese Björk Guðmundsdóttir, nota con il solo prenome Björk. Una frase che è diventata un liet motiv e che lo ha accompagnato nella elaborazione di un progetto durato diverso tempo, e che ha visto la luce con un concerto straordinario, eseguito nella sala delle Metope di Selinunte, al Museo Salinas di Palermo. Inserito nella classifica redatta da Style/Corriere della Sera fra i 10 musei archeologici più belli al mondo, il progetto è coprodotto; la direttrice, Francesca Spatafora, è stata definita proprio da Ferrara, “illuminata”, per avere sostenuto un progetto ispirato alle metope di Selinunte, rivisto in chiave moderna con una ambientazione sonora, e un ensemble di quartetto d’archi con un polistrumentista ai fiati e Salvo Ferrara che suona dal vivo con le tastiere e i pc. 8 brani in sequenza senza interruzione, per celebrare il più importante complesso scultoreo greco d’Occidente. Le metope – alcune delle quali realizzate da una vera e propria scuola selinuntina di scultori sviluppatasi nell’arco di un secolo – raffigurano personaggi e vicende della mitologia greca relative alle imprese di Perseo ed Eracle, a Kore e Demetra, alla triade delfica e a Europa sul toro. La collaborazione tra il compositore palermitano e il Salinas, nasce dalla sinergia fra la sensibilità creativa dell’artista e la visione dell’istituzione museale già da tempo orientata verso un’offerta culturale non convenzionale che si distingue per la mistione di linguaggi diversi come il consolidato dialogo tra uomo e opera d’arte.
Dopo più di un secolo, questa connessione artistica, già in parte esplorata dal musicista polacco Karol Szymanowsky che alle Metope, nel 1915, dedicò una composizione per pianoforte, è stata riproposta, per la prima volta, in chiave contemporanea.
Lo spettacolo musicale, muovendo dall’ambito del cosiddetto movimento post-modern supera i confini della definizione di “genere” e il puro tecnicismo dell’esercizio di nicchia virando verso una dimensione autenticamente “pop”.

Tutto esaurito da un pubblico che per quasi due ore è stato accompagnato dalle emozioni di momenti evocativi alternati a  episodi ritmicamente incalzanti caratterizzati da timbriche “crossover”, grazie all’impiego di apparecchiature elettroniche e strumenti acustici.

Modern Times Ensemble: Salvo Ferrara, pianoforte e sintetizzatore, Fabio Ferrara primoviolino, Pippo Di Chiara secondo violino e tastiera,  Gaspare D’amato, viola, Andrea Rigano, violoncello, Agostino Cirrito, Sax, Akay Ewi. Ha curato il suono Cristiano Nasta. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con  Coopculture.

Guarda la registrazione del concerto (Fonte: ARTEWIVA)

 

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *