Home / Cinema / Un cartoon racconta la shoah attraverso due sorelle

Un cartoon racconta la shoah attraverso due sorelle

Mattinata emozionante, giovedi 31 maggio 2018, presso il centro sperimentale di cinematografia di Palermo, con gli studenti palermitani per la proiezione del film d’animazione dal titolo: “La stella di Andra e Tati”, la vera storia delle due sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute ad Auschwitz. Prodotto dalla società di Palermo Larcadarte, per la regia di Rosalba Vitellaro e la sceneggiatura di Alessandra Viola, questa mattina il sindaco Orlando ha incontrato assieme al Dirigente del Miur Di Liberto le protagoniste e gli studenti. Serrvizio Rai andato in onda nel tg regionale delle 19.30 di giovedi 31 maggio.

Il comunicato stampa ufficiale del MIUR precedente all’evento

Si terrà domani, giovedì 31 maggio, alle ore 12, nella Sala Bianca del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, in via Paolo Gili, 4, la proiezione straordinaria per le scuole del film d’animazione “La stella di Andra e Tati”, il primo sul tema della Shoah realizzato in Europa, grazie alla collaborazione fra MIUR, Rai e Larcadarte.

Saranno oltre cento le studentesse e gli studenti che prenderanno parte all’evento, al quale parteciperanno anche le sorelle Andra e Tatiana Bucci, sopravvissute ad Auschwitz e sulla cui storia è basato il film che sarà proiettato domani. Alla proiezione, organizzata dalla Direzione per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione del MIUR, saranno presenti il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e rappresentanti delle Istituzioni. L’iniziativa si svolge nell’ambito del Piano di attività che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha lanciato a gennaio scorso per promuovere la conoscenza e la memoria dell’Olocausto nelle scuole e rientra tra gli eventi del Calendario di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

“Ieri a Roma, in occasione della prima riunione plenaria dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA), istituzione intergovernativa impegnata a combattere l’antisemitismo e tutti i razzismi tramite l’educazione e le attività di ricerca, di cui l’Italia ha la presidenza per il 2018, abbiamo organizzato la proiezione straordinaria del film d’animazione ‘La stella di Andra e Tati’. È stato un importante momento di conoscenza e di riflessione collettiva – ricorda la Ministra Valeria Fedeli –. Sono felice del fatto che questo momento venga replicato domani a Palermo: le studentesse e gli studenti del capoluogo siciliano avranno la possibilità di entrare in contatto con la storia di Andra e Tatiana Bucci e di dialogare direttamente con loro al termine della proiezione. La testimonianza di queste due straordinarie donne è preziosa: solo la conoscenza di ciò che è stato in passato può fornire a tutte e tutti noi, ma soprattutto alle nuove generazioni, strumenti utili a disinnescare germi di odio e violenza che possono manifestarsi nel nostro presente. Dobbiamo promuovere sempre di più una memoria attiva e dobbiamo farlo a partire dal nostro sistema di istruzione e formazione, il luogo in cui educhiamo cittadine e cittadini attivi e responsabili”.

“Fare memoria di ciò che è stato – afferma il Sindaco Leoluca Orlando – è il migliore antidoto perché gli orrori del passato non si ripetano. Gli studenti di Palermo, come i loro compagni delle altre città che hanno ospitato ed ospiteranno questa iniziativa, hanno l’opportunità di conoscere e quasi toccare con mano la storia di due persone normali, quelle che all’epoca delle leggi razziali erano due bambine normali, trasformate in donne straordinarie perché sopravvissute ai campi di sterminio e perché testimoni viventi di ciò che non vogliamo si ripeta. La loro storia non può che ricordarci le parole del famoso sermone del pastore Martin Niemöller ripreso da Bertold Brecht. Quello nel quale criticò coloro che avevano lasciato che i nazisti agissero indisturbati perché tanto le loro vittime erano le minoranze politiche, religiose e culturali. Oggi sappiamo che non esistono minoranze, o meglio, che ciascuno di noi, ciascun cittadino è parte di una minoranza e che la libertà di ciascuno dipende ed è intrinsecamente legata alla libertà di tutti. Palermo, che vuole essere la Capitale del dialogo e dell’incontro, sarà per questo felice ed è orgogliosa di accogliere la storia delle sorelle Bucci, grato al Ministero per averci dato questa opportunità”.

Ne “La stella di Andra e Tati”, il tema della Shoah viene “raccontato e descritto” con un linguaggio vicino alle ragazze e ai ragazzi delle scuole. Argomenti complessi e sensibili, come la guerra e l’Olocausto, vengono presentati, con il supporto dell’animazione, attraverso un esempio di vita vissuta, veicolando, dunque, fatti storici in modo innovativo e coinvolgente per un pubblico sia giovane che adulto. Una storia incredibile quella delle sorelle Bucci: nate a Fiume, Andra e Tatiana vennero deportate ad Auschwitz-Birkenau all’età di 4 e 6 anni insieme alla mamma, alla nonna, alla zia e al cuginetto. Il loro treno arrivò ad Auschwitz la notte del 4 aprile 1944. L’incoscienza dell’età e la simpatia di una guardiana del blocco del lager furono gli elementi determinanti per la loro salvezza. Un destino rarissimo: ad Auschwitz, su oltre duecentomila bambini deportati, poco meno di cinquanta sopravvissero. Il 27 gennaio 1945, quando i sovietici entrarono ad Auschwitz, Andra e Tatiana furono liberate. Solo quasi due anni dopo riuscirono a ricongiungersi con i propri genitori.

“La stella di Andra e Tati” è un film di 26 minuti diretto da Rosalba Vitellaro, che ha fondato e dirige il centro di produzione cinematografica Larcadarte a Palermo occupandosi, attraverso di questo, di comunicazione sociale, e da Alessandro Belli. I disegni sono di Annalisa Corsi, mentre la sceneggiatura è di Valentina Mazzola, sceneggiatrice e story editor di molte serie animate di successo, e di Alessandra Viola, autrice di programmi Rai e di libri per bambini, sceneggiatrice di special tv in animazione e documentari. Il film andrà prossimamente in onda su Rai Gulp e sarà poi utilizzato come materiale didattico nelle scuole, anche in ricordo degli ottanta anni dalle leggi razziali fasciste emanate a partire dal settembre 1938.

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *