Home / Cinema / The Signal Flow, i documentari sugli americani

The Signal Flow, i documentari sugli americani

4 documentari realizzati dal C.S.C. sulle basi militari americane in Sicilia per Manifesta12

Gli studenti del corso di documentario del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, hanno impiegato quasi 5 mesi di lavoro per realizzare 4 documentari, sotto la supervisione di Luara Poitras, premio oscar, nel 2015,  come migliore documentario per il film: “Citizenfour” sullo scandalo spionistico dell’intelligence americana. I progetti filmici fanno parte del programma principale di Manifesta 12, la biennale nomade di arte e cultura contemporanea e sono visibili a palazzo Forcella De Seta nell’antico quartiere della Kalsa a Palermo.

1) “The truth is in the sky“, di Claudia Mastroroberto
Racconta la storia di un atto di guerra in tempo di pace. Uno sguardo originale, con importanti materiali d’archivio sulla vicenda, ancora nell’ombra, dell’abbattimento del DC9 sui cieli di Ustica.

2)”The American dream”, di Sebastiano Caceffo
Il sogno americano è tramontato da tempo tra gli europei. Ma una parte della gioventù dei migranti africani che continuano a venire in Italia crede ancora in questo sogno.

3)“The scar”, di Anton Franckovitch Rinolfi:
La base aerea di Comiso è stata utilizzata da USAF durante la Guerra Fredda. Era una città all’interno della città, con case a schiera, centri commerciali, attività ricreative, chiese e bunker atomici con 112 missili da crociera. Cosa rimane oggi?

4) “Wave in nature“, di Basilio Maritano, Rosario Minervini, Serena Oddo.
A Niscemi vi è un insediamento militare statunitense che sta trasmettendo onde in tutto il mondo con l’obiettivo di controllare le armi da guerra, ma ha anche una delle riserve naturali più antiche di alberi da sughero.

A questo importante progetto, la Sede Sicilia della Scuola Nazionale, la cui attività didattica è interamente sostenuta dalla Sicilia Film Commission (Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo dell’Assessorato al Turismo della Regione Siciliana) nell’ambito del programma “Sensi Contemporanei”, ha partecipato in modo attivo, investendo proprie risorse umane e creative e mettendo a disposizione le proprie attrezzature. Gli allievi coordinati da Laura Poitras, dal suo staff creativo e dal docente di regia del CSC Carlo Lo Giudice, hanno realizzato i documentari che hanno una durata compresa tra i 10 e i 15 minuti ciascuno. “Si tratta di lavori importanti, sia dal punto di vista della forma espressiva che dei contenuti. La presenza delle basi militari in Sicilia è affrontata dai nostri allievi con un occhio originale e creativo, soprattutto nel rapporto umano e sociale, ma anche nelle contraddizioni e negli inevitabili scontri che spesso si instaurano tra i militari americani presenti nelle basi e la popolazione siciliana”, dichiara il Direttore Didattico del CSC di Palermo, Pasquale Scimeca che ha fortemente voluto inserire nell’attività della Scuola questa esperienza formativa per dare l’opportunità ai propri allievi di lavorare fianco a fianco con una delle più importanti documentariste del panorama internazionale.

Un progetto come questo va nella giusta e condivisa direzione di un allargamento degli orizzonti e delle opportunità formative degli allievi della Sede Sicilia del CSC” – afferma inoltre Alessandro Rais, direttore della Sicilia Film Commission – “Siamo dunque lieti di aver contruibuito ad aggiungere un punto di vista internazionale ed eccentrico, ai consueti percorsi di indagine delle realtà siciliane

vedi il trailer

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *