Home / Teatro / Un viaggio…D’amore, grande successo al Teatro Al Massimo

Un viaggio…D’amore, grande successo al Teatro Al Massimo

Spettacolo originale con un grandioso cast artistico. Una sfida vinta quella di sostituire, a poche settimane dal debutto, l’operetta “La principessa della Czardas” con lo spettacolo: “Un viaggio…D’amore”. D’altronde non ci si poteva aspettare di meglio dai produttori del Teatro Al Massimo, Aldo Morgante e Maria Teresa Augugliaro, se non l’ennesimo successo in musica attraverso le più diverse nature dell’Amore. Metti un giorno a pranzo, davanti cannoli alla ricotta e cassate siciliane, il re delle operette, Umberto Scida, Aldo Morgante e Marco Giacomazzi, che ha scritto i testi, e vengono fuori tanti stimoli per dare vita a questo spettacolo, vero proprio inno all’amore. Il cast è strepitoso, Umberto Scida è la conferma del professionista di calibro internazionale. Tiene la scena per oltre due ore e mezza, entrando e uscendo dalle quinte quasi venti volte; nel suo ruolo di mattatore, ballerino, narratore, affabulatore e voce in Strangers in the night, Hello Dolly, Swanee, lega magistralmente momenti musicali, a sketch, e fantasie coreografie  del corpo di ballo di Stefania Cotroneo. C’è il soprano Isadora Agrifoglio che incanta il pubblico con arie indimenticabili: “Torna a Surrient”, Il tango della gelosia, Non ti scordare di me; brava nel duetto con Scida in “Cin Cin là”, e ne: “L’ora d’amor” con il tenore Leonardo Alaimo. Lui è una perla preziosa nella compagnia; voce possente, piena nel timbro e intensa nel volume; i brani che esegue sono capolavori, dove spazia nella zona centrale del registro fino a raggiungere accenti forti come nell’indimenticabile “Granada” scritta da Augustin Lada. Completa il trio dei lirici il soprano Federica Neglia, voce morbida e luminosa, capace di penetrare in una tessitura medio-acuta, con punte sonore eleganti e decise. Assieme ad Alaimo, la Neglia catapulta il pubblico negli anni venti, quando uscì una delle romanze destinate a rimanere nell’eterno repertorio delle musiche popolari: “Tu che mi hai preso il cor”. I due sono straordinari nell’interpretazione del brano dell’indimenticabile operetta “Il paese del sorriso”, musicata da Franz Lehàr, restituendo appieno il senso del sentimento amoroso che unisce i protagonisti, facendo di questo brano uno dei classici delle canzoni per innamorati. Rivelazione dell’anno è Cesare Biondolillo, (Cecè). La scena è ormai sua; tiene testa a Umberto Scida, che gli ha insegnato tanto dell’arte del musical e della recitazione; strepitosi insieme nei dialoghi tratti dalla “Vedova allegra”. L’assolo di “Che bambola” e poi “Eri piccola così” del mitico Fred Buscagnone, incorniciano Cecè Biondolillo fra gli attori emergenti più interessanti del panorama palermitano. Due ore e mezza di divertimento puro per una formula sperimentale che va oltre il varietà e il musical. Applausi a scena aperta sulle note finali di “Funiculì funiculà”, anche per la sempre brava Giorgia Migliore, sul palco Micaela De Grandi, Nando Chifari, Luciano Falletta, Riccado Isgrò e Giuseppe Montaperto. Bellisime e coloratissime negli abiti di scena cuciti,  sulle ballerine e su Giovanni Zappia; sono: Eliana Pirrello, Noemi Crocilla, Maria Celeste Sammarco, Giulia Tartamella, Maria Giulia Augugliaro, Natalie Chifari, Viviana Buzzotta, Martina Petrigno. Lo spettacolo, ha una potenza sonora in sala notevole, grazie al maestro Giancarlo Canali, al mixer. Fonico Antonio Guarneri, light designer Tiziano La Marca, sarta Angela Compagno.  Un medley di alto livello che merita di essere visto, in replica fino al 20 maggio.

Il tenore Leoanrdo Alaimo

Federica Neglia
Cecè Biondolillo
Isadora Agrifoglio

     

 

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *