Home / Senza categoria / Uno, nessuno, centomila, Arturo Brachetti al Teatro Mssimo

Uno, nessuno, centomila, Arturo Brachetti al Teatro Mssimo

Fra sette mesi spegnerà la sessantesima candelina, Arturo Brachetti, dal 2006 nel Guiness dei primati come il trasformista più veloce del mondo e come unico attore capace di realizzare 80 cambi d’abiti in uno spettacolo di quasi due ore. Pubblico delle grandi occasioni del Teatro Al Massimo di Palermo, diretto da Aldo Morgante, che non poteva non ospitare una delle due tappe di “Solo” lo spettacolo dell’artista torinese. 90 minuti di adrenalina allo stato puro, con uno stordimento generale di tutti i sensi. Brachetti, commuove, stupisce, e spinge lo spettatore a usare la fantasia come quella che gli suggerì suo nonno da bambino regalandogli un cappello con il vuoto al centro da colmare con ogni sorta di personaggi.  Non si esibiva da due anni, dal successo ottenuto con: “Brachetti che sorpresa”, in questo spettacolo è tutto solo sul palco, con gli intermezzi di un ragazzo di colore, vestito da soldato, con una telecamera go pro, riprende il pubblico divertito ma soprattutto, una casa in legno, come quelle dell’infanzia che hanno fatto sognare  Barby e ken. “Benvenuti nella mia casa” dice al pubblico Arturo Brachetti; “È una casa senza luogo e senza tempo, abitata solo dei miei personaggi, i miei sogni e le mie sorprese, è un luogo magico dove il sopra diventa sotto e le scale scendono per poi salire”. Perché come sostiene da sempre Arturo “è la realtà immaginata quella che ci rende più felici“. L’occhio della web cam esplora e illumina le sette stanze in cui Arturo vuole farci entrare. Un viaggio simbolico fra le mura domestiche è come una sorta di introspezione: “Ognuno di noi ha una casetta così nascosta nel proprio cuore – dice Brachetti -, solida come un castello o fragile come un origami. Un posto segreto, senza presente, passato e futuro, in cui conservare sogni e desideri che sono speranza e meraviglia”. Dagli oggetti, gli arredi i ricordi, tutto fa parte del percorso di questo straordinario performer che si lascia suggestionare dai personaggi disneyani, che appaiono e scompaiono da un libro che si sfoglia virtualmente nello schermo. Gli oggetti del passato si mescolano alle luci del futuro, led e laser per spiegarci il senso della vita che resta solo e comunque la musica. Gli schermi e i videoproiettori fanno questo spettacolo unico nel suo genere. E poi ci sono gli indimenticabili giochi di luci e ombre che affascinano da sempre i più piccini. E quando l’artista coinvolge la signora Caterina del pubblico le dedica la copertina  e le chiede il telefonino per entrare, con l’immaginazione, nella sua playlist musicale. Si spoglia e si riveste in un battito di ciglia e da vita a Pavarotti, ai singoli componenti dei dei Beatles, una esilarante Madonna  e un luminoso Freddy Mercury,  per ballare tutti con Michael Jackson ed Elvis Presley. E nel finale ci dice: “Non accontentatevi di vedere, andate oltre. Immaginate. Liberate la fantasia, non state passivamente affacciati ad una finestra a “subire” il passaggio delle stagioni. Vivete il vostro tempo, buttatevi dentro, cambiandovi in continuazione d’abito ma non svestendo mai quello dei ricordi”.

Di Vincenzo Aronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *