Connect with us

Giovani

Sfida a colpi di scarpe e T-shirt: chi avrà speso di più?

Enrico Alagna

Published

on

I ragazzi italiani, su YouTube, si sfidano a chi ha i vestiti più costosi

I video di “Quanto costa il tuo outfit?” fanno migliaia di visualizzazioni mostrando migliaia di euro di vestiti.

Il mio outfit di oggi: un paio di Clarks marroni, mutande e calze di intimissimi, una maglietta da 9 euro, acquistata da Zara, dei pantaloni beige acquistati da Zara e un maglione di lana acquistato con gli sconti. Poca roba, in confronto ai prezzi dei vari capi Gucci, D&G, Balenciaga e Supreme snocciolati in un video qualsiasi di “Quanto costa il tuo outfit?”.

E’ la versione italiana di “How much is your outfit,” un format del londinese The Unknown Vlogs, e l’idea di fondo è molto semplice: uno youtuber intervista dei ragazzi appassionati di streetwear che, uno alla volta, fanno vedere cosa indossano, dalle scarpe al cappellino, specificando marca, modello e prezzo. A volte i partecipanti sono ragazzi a caso fermati in qualche via del centro, altre volte si tratta di giovani che seguono lo youtuber in questione e vengono chiamati a raccolta.

A importare il genere in Italia—con il permesso dell’ideatore—è stato Federico Barengo, fashion blogger 22enne con 267mila iscritti su YouTube, seguito a ruota da canali come Swampe (111mila iscritti) e Diario Del Russo (290mila iscritti). I loro video a tema “Quanto costa il tuo outfit?” superano anche il milione di visualizzazioni.

Lo scopo è mostrare i migliori abbinamenti, infatti alla fine del video si premia il ragazzo che a giudizio del fashion blogger veste meglio. Delle competizioni a chi è più stiloso, un po’ l’equivalente streetwear dei contest di freestyle per i rapper.

La scena streetwear italiana è parecchio grande, afferma il 17enne Swampe, che vive in Svizzera e prima di convertirsi al genere faceva video di scherzi. “Il 90 percento di chi guarda i miei video sono appassionati di streetwear.”

Secondo Swampe, per i ragazzi dei suoi video, che in genere hanno dai 13 ai 20 anni, è la cifra finale che conta.

“In genere i più grandi cercano di mettere insieme outfit stilosi, spendendo tanto ma bene, mentre i ragazzini puntano solo a fare la cifra più alta.”

Così ammassano accessori su accessori su capi: nei video c’è un ragazzo con due giubbotti, un altro con una cintura nei pantaloni e una seconda cintura a tracolla e persino un tizio che si fa conteggiare come parte dell’outfit anche un secondo paio di scarpe Balenciaga da 600 euro che teneva nello zaino. “Quindi tu ogni volta che esci di casa ti porti dietro le Balenciaga?” gli chiede l’intervistatore. E lui impassibile: “Sì.”

Ma come fanno questi ragazzini a spendere migliaia di euro in vestiti? “La maggior parte ha intorno ai 18 anni, quindi è evidente che si tratti dei soldi dei genitori,” afferma Barengo. “In effetti è anche questa la cosa che attira il pubblico.”

Attorno a “Quanto costa il tuo outfit?” nel frattempo è sorto tutto un contorno di reaction, parodie e video che discutono dell’immoralità e della falsità del format. Per quanto si tratti di reazioni esagerate, la prima volta che ho visto questi video anch’io ho provato un certo fastidio. È facile capirne le cause: l’età dei protagonisti, la sfrenata ostentazione di marche abbinate a caso, il valore dei singoli capi che sommato, in genere, equivale a qualche mese dello stipendio dei miei genitori.

E infatti la maggior parte dei commenti ai video verte su uno di questi aspetti. “Sfigati e imbarazzanti. Penso che non ci sia nulla di più degradante che sfoggiare outfit di lusso comprati con soldi che non hai guadagnato tu. Oltre al fatto che chiunque abbia un minimo di occhio può notare come gli abbinamenti siano fatti con le chiappe e giusto per mettere insieme un bel gruzzoletto,” commenta un utente sotto un video dall’eloquente titolo “Quanto costa il tuo outfit? 9000 Euro a 15 anni”.

Secondo Barengo, “a dar fastidio non è tanto il fatto che questi ragazzi abbiano un sacco di soldi, quanto che li spendano per cose così venali e soprattutto così male”.

Quale è dunque il vero motivo che spinge questi ragazzini a farsi acquistare capi così costosi? “È una cosa per Instagram” afferma Barengo. “La gente compra un capo, lo mette su Instagram così fa vedere che ce l’ha, poi magari se lo rivende e ne compra un altro.

Il senso dell’acquisto sta tutto nell’ostentarlo sui social.”

Fonte: Vice

Cultura

Anche la disabilità avrà il suo Garante

Giuseppe Adernò

Published

on

Approvato dal Consiglio dei Ministri il DDL per la tutela delle persone disabili

E’ questa una delle sei azioni previste dal “Disegno di  legge delega per la tutela delle persone disabili”, considerata “una tra le riforme e azioni chiave previste dal Pnrr” approvate dal Consiglio dei Ministri il 28 ottobre 2021.

Il ddl, che ora dovrà essere approvato dal Parlamento, contiene i principi e le direttive a cui il Governo si dovrà attenere nell’emanare (entro 20 mesi) i decreti legislativi di attuazione al fine di dare concretezza alla riforma.

Le precedenti proposte si sono arenate tra i grovigli della burocrazia e gli interessi dei partiti nella definizione delle priorità.  Questa riforma, sostenuta dal PNRR, porta con sé tanto ottimismo, perché prevede la revisione complessiva e aggiornata del “Nuovo sistema di riconoscimento della disabilità, in linea con la Convenzione Onu”.

La nuova legge delega prevede la revisione complessiva delle discipline in materia, intervenendo sui seguenti ambiti:

1) i criteri della condizione di disabilità, riordino e semplificazione della normativa di settore;
2) l’accertamento della condizione di disabilità e revisione delle procedure di valutazione, unificando tutte le verifiche riguardo a invalidità civile, cecità civile, sordità civile, sordo cecità, disabilità ai fini scolastici e di collocamento lavorativo e ogni altra normativa in tema di accertamento dell’invalidità;
3) la valutazione “multidimensionale” della disabilità finalizzata “all’elaborazione di progetti di vita personalizzati” e “volti a supportare l’autonomia e la vita indipendente delle persone con disabilità in età adulta, prevenendo forme di istituzionalizzazione”;
4)l’informatizzazione dei processi di valutazione e di archiviazione;
5) la riqualificazione dei servizi pubblici in materia d’inclusione e accessibilità;
6)l’istituzione di un Garante nazionale delle disabilità.

Al Garante viene, infatti, affidato il compito di “accogliere le istanze e fornire adeguata assistenza alle persone con disabilità che subiscono violazioni dei propri diritti; formulare raccomandazioni e pareri alle amministrazioni interessate sulle segnalazioni raccolte, anche in relazione a specifiche situazioni e nei confronti di singoli enti; promuovere campagne di sensibilizzazione e di comunicazione per una cultura del rispetto dei diritti delle persone”.

Saranno previsti oltre la revisione delle tabelle di percentuali degli stati invalidanti, che avverrà con un decreto del Ministro della salute, in sostituzione  del vigente decreto del Ministro della sanità che risale al 5 febbraio 1992; la definizione dei processi di valutazione multidisciplinare della persona, non strettamente medica, come succede oggi.

Il fine sarà di consentire l’elaborazione di progetti di vita personalizzati che garantiscano tutti i diritti fondamentali della persona e che permettano, ove possibile, l’autonomia e la vita indipendente delle persone con disabilità in età adulta, prevenendo per quanto possibile le forme di assistenza negli istituti. Il disegno di legge stanzia, inoltre, i fondi per il potenziamento dei servizi assistenziali e delle infrastrutture sociali che saranno necessari.

La cultura dell’inclusione ha necessità di criteri e norme funzionali e alla situazione odierna e le tabelle percentuali degli stati invalidanti disciplinate dal decreto ministeriale del 1992 non sono adeguati.

Come già avvenuto con la Legge n.118 del 30 marzo 1971, con la quale ha preso avvio il processo d’integrazione sociale, oggi, dopo cinquant’anni il cammino è orientato al traguardo di nuove e trasparenti certificazioni, in vista di un’efficace inclusione sociale dei disabili, cominciando da una “scuola inclusiva” che accoglie gli studenti “bisognosi di particolari attenzioni”.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Giovani

Scordia, al via il Festival dello Sviluppo sostenibile

Giuseppe Adernò

Published

on

Giunto alla sua quinta edizione, il Festival dello Sviluppo Sostenibile è la più grande iniziativa italiana per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e centrare i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs).

Un Calendario di eventi Convegni, seminari, workshop, mostre, spettacoli, eventi sportivi, presentazioni di libri, documentari organizzati direttamente dal Segretariato dell’ASviS, eventi di rilevanza nazionale e numerose iniziative realizzate con il contributo delle amministrazioni cittadine e delle università.

L’edizione 2021 del Festival comprende oltre 700 eventi a livello nazionale dal 21 settembre al 20 ottobre, in formato ibrido, in presenza e online per stimolare una riflessione sugli importanti temi che la pandemia ha sollevato. Gli eventi potranno svolgersi anche nei “dintorni” del Festival ovvero nella settimana precedente (21-27 settembre) e in quella successiva (15 – 21 ottobre).

Il 20 Ottobre 2021, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, il Liceo “Majorana” di Scordia parteciperà al Festival con un seminario dedicato al monitoraggio ambientale quale strumento di conoscenza che può, non solo renderci consapevoli dei mutamenti climatici, ma che può consentirci anche azioni di sviluppo sostenibile in diversi settori come per es. in agricoltura ( Link per seguire in streaming – canale YouTube della scuola: https://youtu.be/vsJBmDWReHk)

Dopo l’apertura dei lavori da parte della Dirigente, Ornella Sipala, e i saluti del Sindaco Francesco Barchitta e dell’on.le Eugenio Saitta (capo gruppo Commissione Giustizia della Camera dei Deputati), interverranno secondo il programma illustrato di seguito, i docenti del Liceo Majorana Davide Russo e Salvatore Di Stefano, il Direttore responsabile di Scordia.info Lorenzo Gugliara e il Dott Federico Maci, esperto di strumentazioni di monitoraggio ambientale.

Sarà anche l’occasione per inaugurare la stazione meteorologica installata a seguito di un progetto, finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio (Bando STEM 2020). Attraverso un apposito link i dati metereologici saranno messi a disposizione della collettività e potranno essere utilizzati anche dai produttori agricoli; a salvaguardia dell’ambiente si potranno così programmare, interventi irrigui e prevenire lo sviluppo di fitopatie, con risparmio di acqua e minori trattamenti antiparassitari. La raccolta dei dati metereologici potrà essere richiesta alla scuola dagli imprenditori e dai professionisti interessati.

I Temi affrontati dimostrano ancora una volta quanto tutti i fenomeni (ambientali, sociali, economici, istituzionali) siano correlati e impongano politiche e azioni integrate per garantire una ripresa e un’uscita dalla crisi fondate sui principi della sostenibilità, evitando di tornare indietro al business as usual.

Partecipando alle iniziative in calendario si potranno aumentare conoscenze e consapevolezza sui temi dello sviluppo sostenibile, far circolare informazioni, condividere buone pratiche e stimolare idee e politiche, con l’obiettivo di mantenere gli impegni sottoscritti all’Onu nel 2015 dal nostro Paese con la firma dell’Agenda.

Gli obiettivi di Agenda 2030 sono i pilastri sui quali è impostato il curriculum di educazione civica e  la partecipazione alle iniziative con la classe rientra all’interno della programmazione di classe.

Il Link per conoscere e seguire  eventi in programma è:  https://festivalsvilupposostenibile.it/2021/tutti-gli-eventi/

Salvatore Di Stefano   

Continue Reading

Cultura

Istituto “John Dewey”, Catania una scuola tra gli alberi

Giuseppe Adernò

Published

on

Sabato, 4 settembre sarà presentata ai Genitori la nuova scuola Primaria Paritaria ad indirizzo Internazionale, che prende il nome di ”Istituto John Dewey”

Ospitata presso la sede della Fondazione Valdisavoia, nella verde collina di Cibali a Catania, tra i giardini della Facoltà di Agraria, offre ai piccoli studenti che intraprendono il nuovo cammino una ricca progettualità didattica che comprende l’impianto ordinario della scuola Primaria arricchito da un’offerta linguistica di indirizzo Internazionale.

I bambini, con la guida di esperti docenti di madrelingua , in collaborazione con la  scuola di formazione linguistica Yeschool, si avviano all’apprendimento delle lingue europee giocando, colorando, disegnando, cantando.

Il progetto prevede la pratica linguistica di inglese, tedesco, spagnolo sin dai primi anni e poi in quarta e quinta anche il francese e a richiesta il cinese e l’arabo.

E’ una scuola green,  circondati dagli alberi, e adotta l’autdoor education con lo sguardo al futuro. Guida lo sviluppo delle potenzialità dei bambini verso le capacità e abilità del saper fare attraverso il “learning by doing”.

E’ una scuola “senza zaino” in quanto, adottando il modulo orario prolungato  dalle ore 8,00 alle ore 17,00, anche per venire incontro alle richieste dei genitori che lavorano,  da lunedì a venerdì consente ai bambini di vivere intensamente e con la guida di esperti docenti  la giornata scolastica intermezzata da piccole pause tra un’attività e l’altra, svolte  anche negli ampi spasi esterni e condividendo il momento socializzante del pranzo, con prodotti biologici, nel rispetto delle norme di una corretta educazione alimentare,  rendendo anche questo momento di educazione alimentare.

Gli spazi esterni che i bambini fruiranno, come l’aula di lettura tra gli alberi, che con i loro volti disegnati parlano e insegnano ai bambini, favoriranno la verifica degli apprendimenti mediante “compiti di realtà” e “compiti autentici”.

Gli attigui impianti sportivi favoriranno, inoltre,  la pratica di diversi sport e, terminate le lezioni torneranno a casa come “bambini” liberi, senza ulteriori compiti da svolgere.

Il sabato sono previste delle libere attività: ”cantieri educativi” , che contribuiranno ad ampliare l’offerta formativa, favorendo anche scambi con i bambini di Sigonella e della Nato, visite didattiche e momenti ludici e socializzanti.

La metodologia didattica del “cooperativa learning” rende la lezione efficace e produttiva e il processo di autovalutazione consentirà ai bambini di rinforzare l’autostima e arricchire il personale “portfolio delle competenze”.

Il progetto di una “scuola di eccellenza” è stato da sempre il sogno dei promotori dell’iniziativa che, passando dalla lodevole esperienza della scuola dell’Infanzia “Il Castello”, fiduciosi, intraprendono il nuovo cammino con la guida esperta del preside Giuseppe Adernò e la qualificata competenza dei docenti-educatori.

Inizia per il primo drappello di bambini una nuova avventura e, avendo scelto come tema dell’anno la cultura del “Dono”, così da comporre negli anni il nome del grande pedagogista John Dewey,  ci si prepara a dare concretezza al messaggio educativo di “rendere la propria vita un dono per gli altri”, divenendo anche “Amici del creato”.

La collaborazione dei genitori, responsabili dell’educazione dei figli, avendo scelto per loro quanto di meglio si possa immaginare, renderà attivo e dinamico il progetto educativo che pone al centro l’alunno che “cresce nella Comunità, diventa uomo, apre i suoi occhi al vero la scopre la dimensione dei Valori e dell’Assoluto”.

Scuola e famiglia camminano “insieme”, cercando sempre il miglior bene dei bambini, che crescono e si preparano ad affrontare il sentiero della vita.

 

Continue Reading

In Tendenza