Connect with us

Cultura

I netturbini turchi salavano i libri e fanno una biblioteca

Published

on

In Turchia, come nel resto del mondo, buttano via i libri. Ma in Turchia, a differenza del resto del mondo, ci sono alcuni addetti della nettezza urbana che li raccolgono, li mettono da parte e ne fanno una biblioteca di seimila volumi aperta a tutti.

Succede a Çankaya, un quartiere di Ankara. All’inizio gli addetti li raccoglievano per se stessi. Ne avevano fatto una raccolta a disposizione dei lavoratori e delle loro famiglie. Poi, visto che il volume dei libri cresceva a dismisura, hanno pensato, in accordo con il sindaco di Çankaya, di farne un’istituzione pubblica.

Del resto serviva. Nei Paesi dell’Unione Europea, secondo i dati della Library Map of the World, esiste una biblioteca pubblica per ogni 6.200 abitanti. In Turchia, invece, il servizio delle biblioteche nazionali (gestito dal ministero della Cultura e del Turismo) ne riesce a fornire solo una per ogni 70mila abitanti. Non è una differenza di poco.

Ma, per fortuna, ci sono netturbini che amano la lettura. Dopo aver ammassato miriadi di libri, li hanno disposti in un una ex fabbrica di mattoni della zona, con tanto di scaffali, tavoli di lettura, tavole da scacchi, caffè e l’immancabile barbiere.

E continua a crescere: la biblioteca ora fornisce materiale alle scuole ai corsi e perfino alle prigioni. “Ce li chiedono insegnanti dei villaggi da tutta la Turchia”. Prima, dice Serhart

Baytemur alla CNN, uno degli spazzini, “volevo avere una biblioteca in casa, tutta per me. Ora però ne ho qui una vera, per tutti”. Ed è molto più contento. (Fonte: L’Inkiesta.it)

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cultura

Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza

Published

on

Omaggio a Sant’Agata. La sera del 24 novembre nella piazzetta antistante al Santo Carcere, con la partecipazione del Prefetto, Maria Carmela Librizzi, dell’Arcivescovo, Mons. Luigi Renna, del Questore, rappresentato dal Cav. Gianfranco Truglio, numerosi cittadini si sono riuniti in preghiera ed hanno coralmente espresso e manifestato la condanna della violenza contro le donne.

Nel messaggio di indirizzo, l’Arcivescovo, citando il monito di papa Francesco “Le varie forme di maltrattamento che subiscono molte donne  sono una vigliaccheria e un degrado per gli uomini e per tutta l’umanità. Non possiamo guardare dall’altra parte. Le donne vittime di violenza  devono essere protette dalla società”.

Ferire una donna è oltraggiare Dio, che da una donna ha preso l’umanità, come da una donna, la Chiesa donna, prende l’umanità dei figli“, ha denunciato il dramma delle 103 donne vittime della violenza domestica ed ha fatto rifermento anche alla mamma catanese uccisa dal figlio.

Il gesto simbolico dell’omaggio floreale, ha detto l’Arcivescovo, sarà un segnale che la comunità ecclesiale e cittadina ripeterà ogni anno, aprendo il solco di una nuova tradizione in risposta alle emergenze della società di oggi.

Una giovane vigilessa del Corpo dei Vigili del fuoco è salita sulle scale per deporre i fiori bianchi alla finestra del carcere romano, poi inglobato sulle mura di fortificazione della città ad opera di Carlo V.

Nella piazzetta c’è anche l’albero di ulivo che secondo la tradizione ricorda il sandalo caduto alla Vergine Martire nel passaggio dal tribunale al carcere nei giorni del martirio.

Nel saluto di ringraziamento ai numerosi partecipanti la presidente del Comitato per la Festa di S Agata, Mariella Gennarino ha ribadito l’impegno civico per un’efficace sensibilizzazione verso la cultura del rispetto verso le donne che coinvolge le famiglie, la scuola e la società intera.

La violenza non è  segno di forza, ma  di profonda debolezza,  e  i dati che riguardano le violenze sulle donne continuano a rappresentare un dramma nazionale. La presidente Giorgia Meloni ha dichiarato che “Come Governo intendiamo incentrare il nostro impegno su tre pilastri d’azione: prevenzione, protezione e certezza della pena”.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Cultura

Ma Dio usa il cellulare?

Published

on

Lungo il percorso del cammino sinodale che ha come centralità l’ascolto ritorna insistente il tema del “Come comunicare la fede” e vivendo la stagione dello smartphone ci si chiede come utilizzare tali strumenti tecnologici per comunicare la fede .La Chiesa, fin dalle sue origini, ha sempre avuto familiarità con la comunicazione e con i suoi sviluppi. Le parabole sono esempi di grande efficacia comunicativa. San Paolo fu un grande comunicatore, sia attraverso la sua predicazione che mediante le sue epistole. Lo stesso annuncio di cui i cristiani sono chiamati ad assumersi il compito si svolge attraverso canali comunicativi, ieri  gli affreschi, i mosaici, poi la carta stampata, i video, i film e le telecomunicazioni nell’universo internet.

Ogni dispositivo e ogni modalità di comunicazione può essere utile per la diffusione della buona novella.

Il prof. Adriano Fabris, docente ordinario di Filosofia morale all’Ateneo di Pisa, dover insegna anche Etica della comunicazione e Filosofia delle religioni, intervenendo ad un convegno sul tema: “Comunicare la fede ai tempi dello smartphone”, ha enucleato i modi in cui la fede s’incarna nella nostra epoca e viene incontro alle sue esigenze.
Secondo le indagini statistiche e  alcuni report recentemente pubblicati, oggi per la fede cristiana c’è sempre meno spazio. Essa sembra collocata ormai sullo sfondo della nostra cultura, debole, incapace d’incidere, vicina all’irrilevanza, come si evidenzia dai dati dell’indagine quanti-qualitativa condotta da Roberto Cipriani e pubblicata in: “L’incerta fede.” (Franco Angeli, Milano 2020)

La fede è scomparsa dall’orizzonte delle giovani generazioni e, per i più anziani, sempre più legata a una “religione fai da te”, di cui si accettano indicazioni, prescrizioni, riti, solo nella misura in cui corrispondono a determinate esigenze. È una religione di consumo, una religione – potremmo dire – da supermercato: i cui prodotti sono comprati a patto che costino poco.

Ci si chiede perché una prospettiva religiosa interessa sempre di meno? Una delle risposte possibili rimanda agli sviluppi tecnologici. Pensiamo al fatto che non possiamo ormai vivere senza smartphone. Ci si sente protagonisti, ma nello stesso tempo si è “vittime” perché, a prescindere da ciò che comunemente si pensa, le tecnologie non sono affatto neutrali, trasformano la nostra mentalità e orientano i nostri interessi

Non si tratta certamente di demonizzare le tecnologie, ma di rapportarsi a esse nella maniera giusta, che è quella di fare in modo che esse siano certamente veicoli di una comunicazione sempre più potente e capillare, ma senza che ciò induca a credere che siamo noi e solo noi a stabilirne le condizioni.

Comunicare è infatti vivere in uno spazio comune nel quale siamo tutti quanti inseriti. Comunicare è fare esperienza di comunità. Comunicare è ricordare che esiste un’istanza superiore che ci chiama a fare quest’esperienza e che ci parla per prima.

Ecco perché anche Dio usa il cellulare e ci richiama all’ordine, alla disciplina etica e morale, all’impegno sociale di servizio ai fratelli.

Per entrare in connessione con il mondo e con la società, «il “nome utent ”’ è : testimone e la password è : Vangelo, “unico codice di accesso alla storia di salvezza che ci unisce”.

Sono molti coloro che rifiutano la chiamata o hanno bloccato il contatto, per non essere disturbati nel loro agire egoistico sulla scia del relativismo imperante.

Oggi, più che mai, nel mondo della comunicazione c’è bisogno di testimoni, di persone che non rincorrano i l i k e , ma volti concreti.

Rispondere alla chiamata impegna ad agire e ad essere “testimoni credibili” nella concretezza della vita quotidiana. Il fare bene le piccole cose, come se fossero grandi, è una regola di etica civile che fa crescere la società tutti, nella quale ciascuno svolge un compito e con il proprio servizio contribuisce al bene comune.

Come si legge in un documento della CEI: “Noi siamo comunione in azione, ovvero comunic-azione. Alla spersonalizzazione latente rispondiamo con il nostro essere martiri, cioè testimoni», La nuova sfida è la radicalità della coerenza

Giuseppe Adernò

 

Continue Reading

Cultura

Flavia Distefano, sindaco dei ragazzi al “Gabelli”

Published

on

Misterbianco: L’aula del Consiglio Comunale di Misterbianco si è riempita di studenti e genitori per assistere alla solenne cerimonia di giuramento del Sindaco dei Ragazzi dell’Istituto “Aristide Gabelli” e del rinnovato Consiglio Comunale dei Ragazzi.

La cerimonia ha avuto inizio con l’Inno d’Italia, l’ingresso della bandiera tricolore e del testo della Costituzione.

Ha introdotto la seduta il presidente del Cons iglio Lorenzo Ceglie   e l’Assessore all’istruzione Marina Virgillito, ha portato il saluto del Sindaco Marco Corsaro  e con la fascia tricolore ha raccolto il giuramento del sindaco dei ragazzi.

La dirigente scolastica Adriana Battaglia ha illustrato le valenze didattiche del progetto che aiuta  i ragazzi a prendere coscienza dell’essere cittadini attivi e responsabili e la prof. Annarita Treccarichi, referente del progetto ha letto il messaggio del  sindaco dei ragazzi uscente, Ninella Santonocito, la quale ha  inviato una lettera augurale al nuovo sindaco, ricordando tra le attività realizzate dal CCR, la visita in Prefettura e al nuovo Arcivescovo di Catania, la partecipazione del Convegno dei Sindaci e dei Vescovi del Mediterraneo a Firenze

La neo eletta sindaco, Flavia Distefano, con grande emozione ha recitato la formula di giuramento “Giuro di essere fedele alla Repubblica ….  Mi impegno a collaborare per il bene della scuola, piccola città e per la crescita sociale e civile e della Comunità scolastica” quindi ha baciato la bandiera, firmato la pergamena del giuramento ed ha indossato la fascia tricolore

Hanno quindi giurato gli Assessori, il presidente del Consiglio, Andrea Finocchiaro e poi tutti i consiglieri.

Nel discorso di presentazione Flavia Distefano ha illustrato il programma della Giunta esecutiva, impegnata a studiare gli eventi storici e i principi della democrazia, e a mettere in atto le promesse elettorali, contribuendo a “migliorare la scuola-piccola città” e a realizzare un efficace “progetto di inclusione” anche con le “merende condivise”.

Tre le proposte elencate si evidenziano il giornalino della scuola con Tg e podcast, il cineforum, gare sportive  e mettere la musica al posto della campana di ingresso a scuola.

Ha quindi presentato gli assessori, i quali nel dettaglio hanno illustrato le molteplici attività programmate.

Sono intervenuti: Andrea Santagati, vice sindaco con delega al patrimonio culturale, gli assessori: Beatrice Gamuzza, alla Socializzazione; Carola Rizzo allo Spettacolo; Martina Torre all’Ampliamento dell’Offerta Formativa; Gaia Baldi alla Salute; Michele Cappella alla Musica; Lorenzo Furia alla Comunicazione; Ludovica Adornetto alla Cultura; Carlotta Longo allo Sport; Agata Guastella all’Ambiente; Alfio Aber all’inclusione.

Il presidente del Consiglio Andrea Finocchiaro ha illustrato quindi il programma del Consiglio in attiva cooperazione con i progetti evidenziati dal Sindaco ed ha presentato i consiglieri: Sebastiano Lau, Antonio Santangelo, Samuele Calantropo, Sara Reitano, Damiano Murafò, Dalila Furnari, Roberta Gianuario, Samuel Cannavò, Teresa Consoli, Carmelo Egitto, Giulia Rapisarda,  Flavia Di Franco, Enrico Cadile.

Alla cerimonia ha partecipato come rappresentanti del CCR dell’Istituto “Pitagora” di Misterbianco, il sindaco Chiara Pignata e la presidente del Consiglio, Daris Yasmine accompagnati dalla coordinatrice Letizia Spampinato.

Un particolare saluto è stato indirizzato alla prof.ssa Grazia Santonocito che è stata una delle prime docenti ad attivare il progetto del CCR alla scuola “Gabelli” e d un vivo ringraziamento alla prof.ssa Ornella Santonocito, la quale ha guidato i ragazzi lo scorso anno ed ora è stata traferita in altra scuola.

Il consigliere comunale e presidente del Consiglio d’Istituto della “Gabelli”, avv. Antonio Anzalone, anche a nome dei genitori ha espresso il vivo apprezzamento per le attività programmate ed ha proposto una seduta speciale del Consiglio d’Istituto con la partecipazione del Ragazzi

Il preside Giuseppe Adernò, promotore del progetto che quest’anno celebra trent’anni, ha consegnato un attestato di partecipazione al CCR ai consiglieri uscenti ed ha rinnovato ai neo eletti l’impegno del CPS, sigla che sintetizza la Cultura e l’impegno nello studio, la Partecipazione attiva e democratica ed infine, utilizzando la metafora del “grembiule”, la dimensione del Servizio, perché la politica, ricerca del bene comune, è un servizio alla comunità scolastica e cittadina.

Continue Reading

In Tendenza