Connect with us

Editoriali

La pandemia e l’emergenza  salute mentale

Published

on

Lo aveva detto qualche mese fa il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, e oggi le sue parole si amplificano di giorno in giorno, con il crescente aumento della curva dei contagi; “l’impatto della pandemia sulla salute mentale delle persone è estremamente preoccupante. L’isolamento sociale, la paura del contagio e la perdita di familiari sono aggravati dall’angoscia causata dalla perdita di reddito e, spesso, dell’occupazione”. Sembra che questo allarme, descritto nei dettagli in un documento delle Nazioni Unite, reso pubblico lo scorso 14 maggio, sia passato quasi inosservato. Eppure quando fu comunicato alla stampa di tutto il mondo, l’epidemia sembrava quasi sconfitta, complici anche le temperature estive. Ghebreyesus invitava i governi ad aumentare gli investimenti nei servizi per la salute mentale, al fine di evitare un’esplosione di disturbi di questa natura nei mesi invernali. Si riferiva proprio al periodo che stiamo vivendo adesso, ma già allora giunsero diversi rapporti provenienti dai vari Paesi che indicavano un aumento dei sintomi della depressione e dell’ansia. La sofferenza psicologica correlata al Covid19 mina il benessere mentale, in modo particolare, di gruppi specifici di popolazione, tra tutti gli operatori sanitari in prima linea, che devono far fronte a carichi di lavoro pesanti, prendere decisioni che possono determinare la vita o la morte di un paziente, e sono inoltre esposti al rischio di infezione. Il recente caso di infezione diffusa al pronto soccorso dell’ospedale civico di Palermo, né è la prova. Anche le donne sono a forte rischio di compromissione della salute mentale, in particolare quelle che sono costrette a dividersi tra smart working e incombenze di casa o peggio accudire familiari anziani, possibilmente con patologie psichiatriche pregresse o con malattie varie.  C’è anche un dato preoccupante che riguarda l’aumento del consumo di alcol durante la pandemia. Gli esperti di salute mentale, stanno monitorando fette di popolazione maggiormente esposte al rischio infezioni. Mai come in questo momento è fondamentale continuare a sostenere le azioni della comunità che rafforzano la coesione sociale e riducono la solitudine, in particolare per i soggetti più vulnerabili, anziani in testa. Voglio riportare ciò che ha scritto un mio caro amico psichiatra sulla sua pagina facebook, traendo spunto dall’enciclica di papa Francesco: “San Paolo menzionava un frutto dello Spirito Santo con la parola greca “chrestotes” (Gal 5,22), che esprime uno stato d’animo non aspro, rude, duro, ma benigno, soave, che sostiene e conforta. La persona che possiede questa qualità aiuta gli altri affinché la loro esistenza sia più sopportabile, soprattutto quando portano il peso dei loro problemi, delle urgenze e delle angosce. È un modo di trattare gli altri che si manifesta in diverse forme: come gentilezza nel tratto, come attenzione a non ferire con le parole o i gesti, come tentativo di alleviare il peso degli altri. Comprende il “dire parole di incoraggiamento, che confortano, che danno forza, che consolano, che stimolano”,  invece di ” parole che umiliano, che rattristano, che irritano, che disprezzano”.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editoriali

Povera patria! Numeri da alllarme sociale

Published

on

Era il 1991, quando il compianto musicista catanese, Franco Battiato, scriveva la canzone da cui abbiamo preso in prestito il titolo, e ribadiva non cambierà! Sembra davvero impietosa la fotografia dell’INPS che ancora una volta, per bocca del suo presidente, Gian Carlo Blangiardo, pur riconoscendo agli ultimi governi di aver adottato misure di contenimento, eppure la ripresa ancora non arriva, messa a rischio dal sovrapporsi di diversi fattori, dice, “dal prolungarsi della guerra, alla crescente inflazione, agli effetti dei cambiamenti climatici, all’acuirsi delle diverse forme di disuguaglianza, che purtroppo rappresentano una pesante eredità del passato biennio”. Secondo il nostro ente di previdenza, le persone in povertà assoluta sono triplicate tra il 2005 e il 2021 fino a 5,6 milioni di individui. A peggiorare di più sono state le condizioni di bambini e minori (il 14,2% vive in miseria) e quelle dei giovani di 18-34 anni, che hanno visto il tasso di povertà quadruplicare fino all’11,1%. L’Italia, a differenza di paesi come la Francia o la Germania, non ha ancora recuperato il crollo di nascite seguito allo scoppio della pandemia e in due anni ha perso 658.000 residenti (un calo doppio rispetto al biennio precedenti). E’ cambiata anche la composizione delle famiglie, con le persone sole che sono la tipologia prevalente e hanno superato le coppie con figli. L’Istat prevede che entro il 2045 queste potrebbero essere sorpassate anche dalle coppie senza figli. In Italia i poveri sono 5,6 milioni. Tra i giovani il tasso di povertà è quadruplicato all’11%. Aumenta anche il lavoro povero con 4 milioni di persone che guadagna meno di 1.000 euro al mese. Secondo Famiglia Cristiana, le “famiglie unipersonali” sono diventate il 31,1% sul totale. Ma la parola “single” è fuorviante: nell’immaginario collettivo rimanda alla condizione di persone giovani o adulte, che si trovano a vivere da sole per scelta o per necessità. Invece, tra questi oltre sette milioni, poco meno della metà sono anziani, un quarto è sotto i 45 anni, e poco meno del 30% ha tra i 45 e i 64 anni. Diversi paesi si stanno oggi muovendo per contrastare il dramma della solitudine o quantomeno per conoscere la dimensione del problema. Tutti concordi nel cercare di individuare le cause che spingono una persona alla solitudine e quali siano le conseguenze nella sfera relazionale, lavorativa, ed esistenziale nel senso più ampio del termine.

Continue Reading

Editoriali

 E se i giovani diventassero guide turistiche?

Published

on

C’è un dato che conferma le previsioni della scorsa primavera e cioè che la Sicilia potrebbe ospitare oltre due milioni di turisti; questa la previsione annunciata dal quotidiano Repubblica dopo avere ascoltato i più importanti tour operator; tra giugno e luglio, in base alle camere d’albergo finora prenotate, è stato registrato il 10 per cento in più rispetto al 2019. Record di presenze a Taormina e San Vito Lo Capo, dove gli stranieri superano la popolazione italiana mentre a Siracusa sono tornati i cinesi e gli svizzeri. Numeri da capogiro anche all’aeroporto di Palermo; maggio si è chiuso con oltre 704mila viaggiatori in più rispetto al periodo pre-pandemico. Secondo gli esperti intervistati, i turisti apprezzano molto la grande bellezza del patrimonio culturale siciliano; Palermo e Trapani hanno avuto in media un 7- 10 percento in più di presenze tra aprile e giugno. Secondo il docente universitario di economia Giovanni Ruggieri, le isole sono il modello del nuovo turismo post Covid, intimistico, open air e legato ai borghi e ai piccoli centri. Case vacanza e appartamenti da condividere sono le nuove frontiere di viaggio in luoghi, come le isole, oasi autentiche e lontane dal turismo industriale che ha dominato i periodi pre pandemia”. Molti operatori però continuano a chiedersi se le città sono pronte all’accoglienza. Ovunque ci sono guide improvvisate, in barba a chi ha fatto studi ed esami per prendere il patentino; e così improvvisati cocchieri, e guidatori di motoape, con la quinta elementare, se ce l’hanno, danno informazioni ai turisti in un italiano azzardato, intriso ovviamente di dialetto, che risulta quasi sempre essere incomprensibile. Mi ha colpito l’iniziativa di un gruppo di studenti di un piccolo comune della provincia di Brescia,  Orzivecchi, che sono stati coinvolti dal loro preside in un progetto dal titolo: “Alla scoperta della storia e dei monumenti”. A spiegarlo il sindaco Gianluigi Sturla: ”È un progetto di formazione che coinvolge i ragazzi per promuovere un’esperienza di cittadinanza attiva che vuole far nascere nei giovani la consapevolezza del valore che i beni artistici e paesaggistici rappresentano per il sistema territoriale. In pratica, i giovani collaborano con il Comune per presentare ai visitatori i beni storici e artistici locali, in modo da potenziare le competenze e da diventare efficaci, linguisticamente parlando, nel contatto con il pubblico. Il lavoro è iniziato con l’incontro con un esperto conoscitore della storia locale; le apprendiste guide sono state così coinvolte nella vita sociale, culturale ed economica della comunità. Inoltre il modulo di approfondimento di guida turistica è un momento di crescita personale e di condivisione che consente l’acquisizione di nuove conoscenze e competenze. Con questo progetto – concludono – i ragazzi sperimentano strategie comunicative utili all’interazione nell’ambito lavorativo dei servizi turistici, mentre la scuola può integrare la propria offerta formativa, proponendosi come elemento attivo nella formazione tecnico professionale degli allievi”. Questi si che sono modelli virtuosi da importare!

Continue Reading

Editoriali

Ciascuno di noi è irripetibile!

Published

on

C’è stato un evento nei giorni scorsi che forse i media hanno un pò sotto valutato eppure la visita del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a Villa Maraini, la struttura di proprietà della Croce Rossa italiana, specializzata nel recupero dei tossicodipendenti, fra chi si occupa di sociale non è passata inosservata. Parlando davanti a operatori sanitari e volontari Mattarella, rivolgendosi in particolare ai giovani ha detto: “Ciascuno di noi in qualunque esperienza, umana è irripetibile. In questo lungo percorso ho incontrato tante persone, mai due fra di loro uguali; ciascuna persona ha un immenso valore, inestimabile e allora questo valore va espresso con pienezza di libertà, con pienezza di futuro da costruire”. Era atteso da tempo il capo dello stesso e l’occasione si è presenta per la Giornata mondiale Onu contro l’abuso e il traffico di droga, che quest’anno ha avuto come tema: “Share Facts On Drugs, Save Lives” (Condividere informazioni reali sulle droghe, salvare vite). Gli organizzatori hanno puntato su due focus: il contrasto al traffico di droga; quella ignobile e orribile attività che cerca di trascinare i giovani nel perdere la pienezza della propria libertà e del proprio futuro, pur di guadagnare profitti immani; l’altro messaggio è stato il contrasto all’abuso e al consumo, quindi l’attenzione alle persone: rimuovere, contrastare, recuperare alla vita, alla pienezza della vita e della propria libertà tante persone. Tutti concordi nel sostenere che quando questo riesce, è un grande contributo alla civiltà e all’umanità. Secondo le ultime statistiche, sta aumentando sempre di più il consumo di droga tra i giovani. La Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza, durante la discussione sulle dipendenze tra i teenager, ha evidenziato che non si tratta solo di oppiacei, ma anche di eroina, benzodiazepine e di altre sostanze che vengono mescolate con l’alcool o con gli psicofarmaci. Gli esperti sostengono che, in questa fascia di età, sembra molto diffuso anche il cosiddetto policonsumo, droghe, bevande alcoliche, tabacco. Ciò che è più inquietante è che spesso i genitori non si accorgono nemmeno che i figli stanno facendo uso di stupefacenti, anche perché le sostanze si possono reperire facilmente sul web, complice la pandemia. I giovani infatti trascorrono parecchio tempo in rete e non hanno difficoltà a comprare droghe leggere. Secondo gli psicologi le tendenze stanno favorendo lo sviluppo della tossicodipendenza prima dei 19 anni. E pochissimi adolescenti si recano nei centri di recupero di loro spontanea volontà: molti sono lasciati a loro stessi, le loro condizioni non sono monitorate, il che rappresenta un terreno fertile per la dipendenza.

Continue Reading

In Tendenza