Home / Senza categoria / L’istituzione familiare come bene comune

L’istituzione familiare come bene comune

Esiste un bene prezioso che spesso diamo per scontato, o peggio ancora riteniamo un peso, un limite alla nostra libertà, ma oggi più che mai è arrivato il momento di fermarci per riscoprire il valore del nucleo familiare. “La famiglia è l’ospedale più vicino, la prima scuola dei bambini, il punto di riferimento imprescindibile per gli anziani. La famiglia costituisce la grande ricchezza sociale, che altre istituzioni non possono sostituire, che dev’essere aiutata e potenziata, per non perdere mai il giusto senso dei servizi che la società presta ai cittadini. In effetti, questi non sono una forma di elemosina, ma un autentico “debito sociale” nei confronti dell’istituzione familiare, che tanto apporta al bene comune”. E’ la sintesi di un lungo discorso del Papa in Ecuador che ha parlato a oltre 600 mila persone, in un continente dove è altissimo il numero di famiglie con coppie non sposate. In questo frammento c’è tutta l’essenza della famiglia. Si è rivolto agli adolescenti senza guida da parte dei genitori, e alle donne sole e rattristate. Un pensiero è andato anche agli anziani “lasciati fuori dalle feste delle loro famiglie, abbandonati in un angolo e ormai senza il nutrimento dell’amore quotidiano”. Ci sarebbero molti spunti di riflessione, di nodi attuali e mai sciolti. Non è un caso che il santo padre abbia deciso di rilanciare i temi della famiglia proprio dal sud del mondo. Quando parla di donne sole e abbandonate si riferisce a tutti quei nuclei familiari disgregati, che aumentano progressivamente soprattutto nel periodo estivo, nel nome di una libertà che fa solo male alla coppia e ai figli. Il vuoto che si crea quando una coppia si separa danneggia soprattutto i figli, che sembrano distratti e comprensivi ma in realtà bruciano dentro, si logorano e non ci sarà mai alcuna regalo che possa colmare gli squarci affettivi ed emozionali che gli adulti hanno creato per puro egoismo. Le parole del papa dunque in queste situazioni servono a fare riflettere tutti coloro che magari da una banale lite la trasformano in pretesto per sciogliere  e bruciare un progetto di vita.

Di Vincenzo Aronica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *