Connect with us

Eventi

Alla Controra, Martorana suona “La siminzina e lu basilicò”

Ivan Scinardo

Published

on

Alla Controra, Francesco Maria Martorana  “La siminzina e lu basilicò”. Fonte: MEDIA NEWS

Le ninne nanne

Le ninne nanne sono canzoni cantate in tutti gli angoli della terra, sono presenti in ogni regione italiana, in Sicilia in tutti i paesi le mamme cantano ninne nanne per indurre il sonno ai neonati; Tutte le mamme in qualsiasi latitudine conoscono l’effetto tranquillante, calmante, rassicurante ed ipnoinducente delle ninne nanne, spesso il solo accennare€ una ninna nanna predispone al sonno al neonato quasi per un riflesso condizionato, a volte accompagnato da movimenti ondulatori (annacata) che sono ritmici e che amplificano l’induzione al sonno e molto rassomigliano all’azione del pendolo e delle parole rassicuranti dette dal medico durante l’ipnosi.

Il ritmo

Sono canzoni dolci, di vero amore materno. Il ritmo usato in quasi tutte le ninne nanne è il 3/4 oppure 6/8, ritmo tipico dell’andirivieni o barcarola, e dei canti natalizi Ogni prima nota del ¾ è la nota con accento forte e corrisponde all’inizio del movimento ondulatorio una volta a destra e una volta a sinistra.

Il neonato

Il neonato, spesso per il sonno diventa irrequieto, piange, accelera il battito cardiaco e la frequenza respiratoria, con la ninna nanna il neonato comincia a respirare seguendo il ritmo della musica, il battito cardiaco rallenta e le pulsazioni si adeguano ai ritmi della melodia, la tensione muscolare diminuisce, il corpo si rilassa e il bambino prova una sensazione di benessere che è il primo passo per addormentarsi.
Lionardo Vigo, (Acireale, 25 settembre 1799 – 14 aprile 1879) poeta, filologo, nella raccolta di “Canti popolari siciliani” pubblicata nel 1857 riporta al n: 2266 la seguente canzone di Palermo, dalla quale è certamente tratta la “Siminzina”.

Nicolò La Perna (culturasiciliana.it)

Cultura

La via dei librai a Palermo on line e a settembre in presenza

Ivan Scinardo

Published

on

“Le librerie sono state tra le prime attività a poter riaprire dopo il lockdown della scorsa primavera e sono sempre state preservate nei mesi successivi. È, per la seconda volta consecutiva, che la pandemia impone di trasformare in un evento digitale la vostra importante iniziativa. Oltre alla necessità di adempiere agli obblighi imposti dalle misure di sanitarie, questa decisione conferma quanto l’uso della rete vada nella giusta direzione, quella di mantenere e consolidare i legami tra gli editori, le scuole, le botteghe storiche e gli artigiani del Cassaro”. Sono le parole del ministro per la Cultura, Dario Franceschini, in un messaggio inviato agli organizzatori de ‘La Via dei Librai’, iniziativa organizzata a Palermo che domani prenderà il via, per la sua sesta edizione, anche quest’anno online a causa della pandemia. Quest’anno la manifestazione avrà il tema di ‘Città Comunità’.

“Grazie al digitale, nuovi pubblici si uniscono alle tante persone che da sei anni animano la ‘Via dei Librai’, nascono nuove opportunità e si anima ancora di più la successiva partecipazione su strada – aggiunge Franceschini -. Tutto questo è ancor più utile considerando quanto il libro sia cresciuto durante la pandemia, rivelandosi un prodotto culturale al quale gli italiani sono particolarmente legati. Nel porgere a tutti voi il mio personale saluto, auguro pertanto ogni successo alla seconda edizione virtuale della Via dei Librai”.

Non manca, quest’anno, uno spazio dedicato al cinema con i film degli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia. E, ancora, presentazioni di libri, incontri. Cinque giornate sul web per la festa del libro, organizzata dal comitato La Via dei Librai, in collaborazione con le associazioni Cassaro Alto, Ballarò, Significa Palermo e il Comune di Palermo, in adesione alla giornata mondiale Unesco del Libro e del Diritto d’autore. Un’edizione “ibrida” così è stata definita, per gli appuntamenti, tutti online da domani al 26 aprile, in vista della manifestazione di settembre che tornerà invece in presenza nella sua sede naturale del Cassaro. Tra gli ospiti di quest’anno la scrittrice Dacia Maraini e la fotografa Letizia Battaglia. Domani, giornata inaugurale, il saluto dell’assessore alle Culture Mario Zito. Nel corso della prima giornata, il dibattito sulla città comunità insieme al sindaco Leoluca Orlando e altri primi cittadini siciliani, moderati da Roberto Leone. Ogni giornata vedrà alternarsi presentazioni di libri con editori e scrittori, assieme alla presenza di scuole e studenti di Palermo e provincia e letture di booklovers. Mentre domanica la giornalista Adnkronos Elvira Terranova intervisterà il Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, il generale Rosario Castello.

(Fonte: Adnkronos)

Continue Reading

Cultura

“Resurrexit. La speranza dell’uomo”, Adrano 2.0

Ivan Scinardo

Published

on

Domenica di Pasqua, è stato possibile vedere in diretta su Facebook, Instagram e sulle principali emittenti tv locali, il cortometraggio “Resurrexit. La speranza dell’uomo”; l’opera è tratta dal Dramma Popolare di don Anselmo Laudine, risalente al 1752, ed ogni anno, viene rappresentata con il nome di “Diavolata ed Angelicata”, nel giorno di Pasqua ad Adrano, alle pendici dell’Etna, in provincia di Catania.

"Resurrexit. La speranza dell'uomo"

Prodotto da Groovy e da Labap, con il patrocinio del Comune di Adrano, che ha fornito costumi e location, il corto fiorisce in un contesto quanto mai straordinario, sia per le note vicende legate alla pandemia, che ha messo in ginocchio tante maestranze del mondo dello spettacolo, sia per i luoghi in cui è sorto, l’entroterra etneo: terre tanto affascinanti, quanto difficili.

In questo scenario, con l’Etna che fornisce appunto un suggestivo ambiente dantesco all’opera, si dipana l’eterna lotta tra il bene ed il male, che vede scontri e tintinnii di spade tra angeli e diavoli con le nerborute fiamme di matrice vulcanica ad evocare la temibile potenza distruttiva del male. Ma all’improvviso, la Risurrezione di Cristo irrompe a travolgere la lotta stessa, con i diavoli increduli di fronte ad un amore così grande, e lo scenario che dalle fiamme dell’inferno, lascia spazio al rifiorire della vita nei bellissimi paesaggi del Simeto, con l’acqua elemento portante di una vita nuova.

"Resurrexit. La speranza dell'uomo"

L’opera è stata adattata e diretta da Pietro Puleo, co-diretta in chiave filmica e nella fotografia da Salvo Diolosà, con il videomaking di Salvo Alberio e Marco Stancampiano, con le luci di Gaetano La Mela, la grafica e gli effetti video di Giovanni Stissi, le coreografie a cura di Ten Dance di Elsa Monteleone e Davide Cavallaro, il Sound e gli effetti audio di Euphonia Audio Studio di Salvo Pesce, le voci di Davide Sbrogiò ed Eleonora Sicurella e il make-up di Veronica Caraci.

"Resurrexit. La speranza dell'uomo"

La produzione ringrazia vivamente le associazioni locali “U Diri” e “Don Anselmo Laudine” per aver partecipato, la Prof.ssa Annarita Marcellino per lo zelo e l’impegno rivolto al progetto, la dott.ssa Agata Rosano, funzionaria Cultura e Spettacolo del Comune di Adrano, l’ufficio turistico, in particolare Mimmo Zermo, il dott. Giuseppe D’Urso, direttore del Museo di Adrano.

E così con le parole e la musica di un illustre adranita, don Alfio Conti, il cortometraggio, ma anche la situazione in cui ci troviamo, pone la potente domanda: “Potrà dal male germogliare il Bene? Dalla morte la Vita?”

Continue Reading

Cultura

Città Segrete, Augias alla scoperta di Palermo

Ivan Scinardo

Published

on

Dall’epoca di Federico II, fino ai giorni nostri; Iera sera  su Rai 3 è andata in onda la nuova puntata di Città Segrete, Corrado Augias ci ha portato alla coperta della meravigliosa città siciliana.

Nella terza dell’edizione 2021 di “Città Segrete”, andata in onda sabato 3 aprile alle 21.45 su Rai3, Corrado Augias ci porta alla scoperta di Palermo.

E’ il racconto di una città speciale, enigmatica, da sempre crocevia del Mediterraneo: porto franco, mercato aperto, frontiera e crogiuolo di civiltà, di culture, di etnie, di ragioni e di religioni. Palermo la meticcia, dove i campanili convivono con decorazioni orientali e cupole islamiche. Nata fenicia, poi greco-bizantina, prima che nell’anno 831 i saraceni ne facessero una della loro capitali: “Al Aziz”, la splendida, ricca di 300 moschee.

Nella puntata  di Città Segrete, Corrado Augias ci accompagna in una narrazione della sua Palermo: dall’epoca di Federico II, fino ai giorni nostri con l’omicidio di Pino Puglisi. In una lettura dei luoghi e delle vicende che è certamente storica, artistica, ma anche politica, per ricostruire il senso più profondo che alcuni monumenti e storie hanno avuto per il nostro vivere civile.
Augias conduce lo spettatore non solo sui luoghi e le vie della città, ma tiene il filo del racconto anche in uno studio virtuale, una sorta di grande “terrazza” affacciata su Palermo, tra oggetti 3D e mappe virtuali.

 

Continue Reading

In Tendenza