Connect with us

Eventi

La vedova allegra incanta Taormina

Ivan Scinardo

Published

on

Lo scenario è di quelli mozzafiato, il teatro antico di Taormina; il pubblico si è emozionato nel rivedere quest’opera dopo dieci anni e vivere così l’ebrezza di un evento che ha tutti i numeri per entrare nei circuiti internazionali. Quasi dieci minuti di applausi, a fine spettacolo, per rendere i giusti onori a questa imponente produzione del teatro “Al Massimo” di Palermo, guidato dall’instancabile e vulcanico Aldo Morgante. La sua è una mossa vincente nel confermare al “re delle operette” Umberto Scida anche quest’opera. Interpreta il ruolo di Njegus, è lui che è riuscito a fare debuttare, per la compagnia palermitana che vanta il novanta per cento di attori e ballerini siciliani, la straordinaria Susie Georgiadis  che veste i panni di Hanna Glavari. Entrambi si muovono sul palco con grande sicurezza e maestria. Scida è un grande mattatore; il pubblico ride alle sue battute esilaranti e spesso si ha la sensazione che esca fuori dal copione per modularsi sulle frequenze della platea citando addirittura Sofocle, Eschilo ed Euripide, riferendosi in maniera originale al vento, alle uscite del teatro e alle scale ripide della gradinata. Riesce addirittura a interrompere la scena e fare cantare il pubblico, per poi riprendere la sua performance con straordinaria bravura. La vedova allegra, scritta e rielaborata da Scida arriva dopo un lungo e complesso percorso di successi di precedenti lavori come:  La principessa della Czarda, Ballo al Savoy e la Duchessa del Bal Tabarin. Sul palco un bravissimo Spero Bongiolatti, lui è il Conte Danilo, mentre si conferma il talento del soprano palermitano Isadora Agrifoglio, dando voce alla baronessa Valencienne. Accanto a lei Francesco Tuppo nei panni di Camile de Rossillon. Il duetto tra Njegus e il barone Mirko Zeta, interpretato dal bravissimo Ivano Falco, nel secondo atto, è da incorniciare per l’esilarante siparetto di equivoci e ambigui doppisensi. La vedova allegra, scritta per la prima volta nel 1905,  era l’operetta preferita di Adolf Hitler, ma i  librettisti erano ebrei, Léon e Stein, che ovviamente non venivano mai menzionati durante le rappresentazioni al tempo della dittatura nazista. Il regista Umberto Scida ha scelto oltre centocinquanta lussuosi e colorati abiti di scena, patrimonio della sartoria teatrale Arrigo di Milano. Le coreografie magistrali sono di Stefania Cotroneo,  con un corpo di ballo strepitoso; mentre le scene, scritte da Marco Giacomazzi cambiano nei tre atti grazie alla squadra di Antonio Piazza. Allo spettacolo erano presenti, il vicepresidente dell’Assemblea regionale siciliana Giuseppe Lupo i sindaci di Catania Bianco e di Taormina Giardina.   “La Vedova Allegra”, l’operetta di Franz Lehar, coprodotta da Taoarte nell’ ambito della rassegna “Anfiteatro Sicilia”, promossa dagli assessorati regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e Beni culturali con il sostegno di Sensi Contemporanei. (Foto profilo Fb Bibi Augugliaro)

photo-maria-luisa-ferraro-©-VEDOVA-ALLEGRA-SCIDA-DANGELO-19-624x300

 

14046104_10206388289816627_3602664835579911303_n

 

14046071_10208161114678091_3066440816853034926_n

 

13962529_10208161116278131_1786563406442834297_n

 

13873111_10208161114558088_530352389524078334_n

 

13962485_172088566547844_233310373210609271_n

 

14089448_10207501133711431_534909000_n

Il soprano Isadora Agrifoglio

 

14102027_10207501135311471_1552545997_n

Cultura

Le Fotografe, una docu-serie di Sky arte

Ivan Scinardo

Published

on

9 mesi di produzione nell’anno più difficile della storia recente dell’umanità, da Lunedì 24 maggio esce la nuova ultima fatica di Francesco Raganato: LE FOTOGRAFE, la prima docu-serie dedicata all’arte e ai racconti di 8 fotografe italiane. Raganato, autore del film Digital, è molto soddisfatto di questa importante produzione fortemente voluta dal direttore di rete Roberto Pisoni.

8 episodi

Otto diversi episodi in cui la fotografia è la chiave che ci permette di esplorare temi complessi, ma anche leggeri e delicati. Tutto attraverso lo sguardo delle fotografe

I nomi delle protagoniste

Ecco i nomi delle super protagoniste delle otto puntate: Guia Besana, Ilaria Magliocchetti Lombi, Sara Lorusso, Carolina Amoretti Carolina PetitAmour, Maria Clara Macrì, Roselena Ramistella, Zoe Natale Mannella, Simona Ghizzoni.

Da lunedì 24 maggio, alle 21.15 su Sky Arte.

Continue Reading

Cultura

Conversos, inquisitori e vescovi tra Spagna e Sicilia

Ivan Scinardo

Published

on

inquisitori

Seconda conferenza in streaming, con Fabrizio D’Avenia, dal titolo: Conversos, inquisitori e vescovi tra Spagna e Sicilia (secc. XV-XVII)

Nell’ambito delle attività in programma per il “Maggio di Seta”, l’Instituto Cervantes di Palermo presenta la seconda conferenza dal titolo “Conversos, inquisitori e vescovi tra Spagna e Sicilia (secc. XV-XVII)”, tenuta dal professore Fabrizio D’Avenia.

Giovedì 6 maggio, alle ore 17:00, D’Avenia, tratterà della vasta geografia della Monarchia spagnola degli Asburgo, ormai da tempo considerata uno spazio storiografico di grande interesse.

È qui che si incrociano fenomeni tanto di integrazione o esclusione di gruppi sociali e religiosi, come nel caso dei “conversos”, quanto di circolazione di prelati impegnati nel controllo delle istituzioni ecclesiastiche, come vescovi e inquisitori. 

La Sicilia fu parte integrante di questo “scambio” di gruppi e individui che, con il sostegno delle rispettive reti familiari e clientelari, contribuirono alla costruzione del composito e policentrico impero spagnolo.

Fabrizio D’Avenia

è professore associato di Storia del Cristianesimo e della Chiese presso il Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo. 

Suo attuale campo di ricerca è la storia religiosa e politico-ecclesiastica, su cui ha tra l’altro pubblicato la monografia La Chiesa del re. Monarchia e Papato nella Sicilia spagnola (secc. XVI-XVII) (Carocci, 2015). 

Dal 2013 è membro del Laboratorio de Estudios Judeoconversos dell’Universidad di Córdoba e nel 2018 è stato visiting professor presso l’Université Paris-Sorbonne e Directeur d’Etudes Associés della Fondation Maison des Sciences de l’Homme.

L’incontro, che si svolgerà in lingua italiana con traduzione simultanea in spagnolo, a partecipazione gratuita, sarà fruibile in streaming attraverso la piattaforma Zoom. 

Per iscriversi è necessario registrarsi al seguente link: https://forms.gle/etyv4T9nEEShXFuVA. La mattina stessa dell’incontro verranno inviate le indicazioni per connettersi. Si prega di registrarsi entro le ore 12.00 di giovedì 6 maggio.

Ufficio stampa Istituto Cervantes Palermo

Rosa Guttilla +39 333 77 60 130

Continue Reading

Editoriali

Basta sputare sentenze, lasciate lavorare i giudici!

Ivan Scinardo

Published

on

i ragazzi dell'associazione 360

Giudici al lavoro sulla delicata inchiesta che vede coinvolto un sacerdote ennese a capo di una associazione  che non può e non deve disperdersi. 

Il caso del sacerdote ennese Giuseppe Rugolo, nei confronti del quale la Procura di Enna ha emesso una ordinanza di custodia cautelare per i reati di violenza sessuale e atti sessuali con minorenni, continua a turbare l’opinione pubblica ennese.

Solidarietà alle vittime e alle famiglie

Sono le famiglie delle vittime e di centinaia di giovani, assieme ai loro genitori, che si sentono traditi e disorientati, nell’apprendere accuse.

Accuse che saranno accertate solo ed esclusivamente in un aula di tribunale e non certamente dalla gogna mediatica dei social.

In una comunità locale così piccola, la notevole esposizione pubblica, avvenuta negli ultimi anni, da parte del giovane sacerdote, attraverso anche il “Progetto 360” con centinaia di adolescenti coinvolti, ha fatto esplodere profonda indignazione. Ma come si può avere il sospetto che questi ragazzi così gioiosi ed entusiasti siano omertosi di una verità ancora da accertare? Il o singoli casi non possono macchiare una comunità!

i ragazzi dell'associazione 360

Inaugurazione grest enna 2019

Il progetto 360

Basta entrare nel sito dell’Associazione per respirare un’aria di gioia; i ragazzi che l’hanno fondata scrivono a chiare lettere il loro obiettivo (oggi cosa rara): “la nostra è un’associazione giovanile senza scopo di lucro, che si fonda su una già esistente realtà giovanile della Chiesa Madre di Enna, si occupa di fornire un centro aggregativo ai giovani della città e di organizzare eventi di ogni genere, con lo scopo primario di donare ai giovani ennesi una visione ampia della società in cui viviamo, senza ovviamente tralasciare l’elemento del divertimento che da sempre ci caratterizza”.

Focus

Se solo si volesse tenere un riflettore accesso su questa mission, probabilmente molti improvvisati e inferociti commentatori, che passano nell’immaginario collettivo, anche come persone autorevoli, potrebbero un attimo fermare, ad ogni “alert” di un nuovo post,  i loro spasmodici polpastrelli, battenti incessantemente, notte e giorno, sulle tastiere dei pc, e riflettere su quanto di bello hanno costruito negli ultimi anni questi giovani, in termini di aggregazione sociale,  in una realtà come quella ennese, ultima in tutte le classifiche nazionali.

I “leoni da tastiera”

Per questi “leoni da tastiera” a nulla vale la nota stampa, intrisa di dolore e turbamento del vescovo Gisana che si è subito messo a disposizione della magistratura (l’unica e sola a fare indagini), ed esprimere totale vicinanza alle vittime, auspicando piena luce su questa torbida vicenda.

Il caso di padre Rugolo va isolato e indagato! Non si può generalizzare e mettere in alcun dubbio la reputazione e la credibilità di tutti i sacerdoti onesti che si spendono ogni giorno per gli altri.

Gli “opinionisti/giustizieri” addirittura stanno promuovendo una petizione per fare sospendere il vescovo, quando ancora l’indagine è in corso. Forse bisognerebbe lasciare lavorare i magistrati senza troppe pressioni mediatiche?

Articolo 27 comma 2 della Costituzione

Va ricordato l’articolo 27 comma 2 della Costituzione che recita: “La responsabilità penale è personale. L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

La cronaca ci insegna che il tormento di chi subisce violenza o minacce, persone a cui va la totale solidarietà, protezione e tutela, (trattandosi di minori), quasi sempre esplode, in famiglia prima e nelle denunce poi, è solo questione di tempo!

Da giornalista mi sono sempre imposto un limite invalicabile oltre il quale non si può e non si deve andare per deontologia professionale, ma ritengo davvero grave che qualcuno abbia già emesso sentenze, sostituendosi a un giudice, che sia di un Tribunale civile, penale o ecclesiastico!

(Foto: apertura Grest 2019)

Continue Reading

In Tendenza