Connect with us

Editoriali

Laurearsi, e poi?

Published

on

Chissà quante volte i giovani universitari frequentando i diversi corsi di studi si sono ripetuti questa frase. E chissà quante volte avranno chiesto ai loro docenti un orientamento concreto per trovare subito lavoro. L’incubo disoccupazione assilla la generazione dei 20 – trentenni che non riescono a vedere prospettive di crescita e di occupazione. L’Italia si riconferma  uno dei paesi che non riesce a stare in linea con l’Europa e il suo tasso di occupazione. Colpisce anche il dato secondo il quale l’incidenza delle assunzioni con contratto a tempo indeterminato è solo del 19%. Se si parla di giovani laureati che riescono a trovare lavoro dopo la laurea, la situazione è ancora più sconfortante; basti pensare che in tutto il territorio nazionale solo il 5% dei laureati riesce a trovare lavoro contro una media dell’80,5% dell’Unione Europea. Una parabola discendente che si riverbera sulle iscrizioni all’università. Solo il 30% dei giovani appena diplomati si iscrive ad un corso di laurea e solo 3 ragazzi su 10 lo fanno nei tempi previsti, vale a dire appena conseguito il diploma. Questo dato è la diretta conseguenza del calo dell’occupazione, che preoccupa i giovani studenti e scatena una reazione di rifiuto allo studio. In realtà un numero sempre più alto di aziende richiedono, tra i vari requisiti per un’assunzione, il possesso di una laurea. Entrando nello specifico della richiesta, la maggior parte delle volte il titolo di studio richiesto non è la laurea triennale ma la laurea specialistica. Quest’ultima garantisce l’acquisizione di competenze più specifiche e di conoscenze più approfondite rispetto alla triennale. Recentemente ho letto le ultime dichiarazioni del governatore della Federal Reserve, ossia la banca centrale degli Stati Uniti. Il termometro dell’economia mondiale fa registrare temperature da febbre da cavallo; spesso si è rischiato il  tracollo delle borse mondiali. L’Italia, da sempre fanalino di coda in tutte le classifiche, registra un calo dopo l’altro. Le banche vanno in affanno, i rubinetti del credito si chiudono, le aziende faticano a ripagare i debiti e il popolo dei consumatori, presagendo una nuova crisi, inizia a tagliare i consumi. Scenari davvero inquietanti alla luce  del vergognoso risultato della settimana scorsa relativo al referendum sulle trivelle. In un solo giorno lo stato ha bruciato 330 milioni di euro. Tanto è costata la macchina elettorale per tenere i seggi aperti in una calda domenica di metà aprile con presidenti, scrutatori e forze dell’ordine a presidiare scatoloni inutili, contenenti schede da barrare Si o No  che comunque hanno dato un risultato plebiscitario nullo.  Ma con oltre 600 miliardi di vecchie lire quanti disoccupati si sarebbero potuti impiegare un tempo?

 

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Editoriali

Il lavoro che c’è! I dati Istat

Published

on

L’Istat ha diffuso in questi giorni le stime mensili su occupati e disoccupati. Il calo dell’occupazione registrato nel confronto trimestrale si associa alla diminuzione delle persone in cerca di lavoro e alla crescita degli inattivi. Politici e opinionisti in tv sembrano avere la ricetta “magica” per fronteggiare l’alto tasso di disoccupazione giovanile.

Sembra prevalere la tesi che il problema sarebbe quasi esclusivamente riconducibile alla crisi economica che ha messo in ginocchio il sistema produttivo dello stato e di conseguenza abbassato il livello occupazionale.

C’è uno studio che fa da contraltare; lo ha condotto l’agenzia McKinsey & Company indagando sul rapporto “sistema scolastico-mondo produttivo” al fine di cercare le ragioni che stanno al base del costante aumento di disoccupazione. Secondo la ricerca, negli ultimi vent’anni, la probabilità per un giovane sotto i 30 anni di essere disoccupato è risultata essere stabilmente 3,5 volte superiore alla popolazione adulta (la media europea di attesta intorno al 2). Secondo lo studio, il problema lavorativo italiano nascerebbe dal difficile rapporto tra il sistema scolastico e i reali bisogni del sistema produttivo italiano. Molte aziende faticano a trovare giovani lavoratori adatti alle mansioni da svolgere, in primis per carenza di ragazzi formati in determinati ambiti e con le adeguate competenze.

Nel prendere la decisione, solo il 38% degli studenti intervistati conosce le opportunità occupazionali offerte dai vari percorsi scolastici. Il risultato è un disallineamento tra domanda e offerta, evidente in particolare per i diplomati tecnici e professionali. Ma anche per gli studenti universitari lo sbocco professionale resta in secondo piano: “meno del 30% degli universitari sceglie l’indirizzo di studi sulla base degli sbocchi occupazionali, mentre il 66% è motivato dall’interesse e dalle attitudini personali. Da evidenziare anche che solo il 42% delle imprese italiane ritiene che i giovani che entrano per la prima volta nel mondo del lavoro abbiano una preparazione adeguata.

Nel 47% dei casi, rispetto alla media europea del 33%, le aziende italiane reputano i giovani appena entrati nel mondo del lavoro, inadatti a svolgere le mansioni richieste loro. Secondo il rapporto inoltre stage e tirocini hanno una durata inferiore a un mese in quasi il 50% dei casi nella scuola superiore e in circa il 30% dei casi all’università, e coinvolgono solo la metà degli studenti d’istruzione secondaria e terziaria. Il rapporto fa emergere anche un aspetto grave e cioè che la fonte primaria per conoscere le opportunità di lavoro per i giovani italiani tra i 15 e i 29 anni sono gli amici e i parenti. I canali istituzionali come i centri per l’impiego si rendono utili solo all’1% dei giovani del nostro paese. Soltanto per fare un esempio, in Germania, per esempio, gli uffici di collocamento sono il mezzo principale di ricerca di occupazione nell’80% dei casi.

Continue Reading

Editoriali

Bonus psicologo, le nuove regole

Published

on

La Commissione Europea ha diffuso nei giorni scorsi dati preoccupanti; lo riporta Famiglia Crstiana: su 300.000 domande, oltre il 60%, pari a 180.000, proviene da cittadini sotto i 35 anni: il 43,55% riguarda giovani tra i 18 e i 35 anni, mentre il 16,62% è a favore di minori (0-18 anni. Pandemia, guerra, inflazione, caro-bollette sono tutti fattori che sicuramente incidono, ma anche lo stress lavorativo, il timore di perdere il lavoro in un periodo di incertezze, i cambiamenti subentrati nei luoghi e negli orari adibiti all’ambito lavorativo hanno avuto conseguenza, soprattutto sui più giovani, su quello che è il benessere psicologo.

A condurre l’indagine ADP Research Institute, su un vasto campione di 33.000 lavoratori in 17 paesi, di cui circa 2000 in Italia. Dalla ricerca emerge che uno su cinque (il 21%) dichiara di non essere attualmente soddisfatto del proprio lavoro. Il primo motivo (44%) è dato dalla mancanza di possibilità di crescita professionale e quindi mancanza di prospettive, il 32% pensa di avere un ruolo poco impegnativo, poco motivante, mentre il 25% è scontento perché l’aumento delle responsabilità corrisponde raramente a un aumento in busta paga. Solo il 6% dichiara come la pandemia gli abbia fatto pensare di abbandonare il mondo del lavoro.

Un particolare disagio lo subiscono i giovani genitori: il 47% pensa che essere genitore sia ancora un ostacolo alla carriera. Oggi non è solo lo stipendio a muovere il giovane lavoratore, non basta la promessa di una paga alta. Il 18% dei lavoratori della fascia 18-34 afferma inoltre di sentirsi giornalmente sotto pressione. Si sente stressato più volte a settimana il 34% degli intervistati, mentre l’11% solo due o tre volte al mese. Causa principale di questa pressione, per un lavoratore su quattro, è l’aumento delle responsabilità subentrato con la pandemia (ma appunto non seguito da un aumento di stipendio o da un salto di carriera), le spesso infinite ore di lavoro giornaliero (22%) ma anche la paura di perdere il lavoro: il 21% non si sente sicuro, è preoccupato.

ro risenta negativamente dei propri problemi psicologici e umore. Il 22% ha inoltre dichiarato come la propria azienda non stia facendo nulla in proposito, non dimostrando interesse nell’incentivare azioni per aiutare i lavoratori psicologicamente più fragili. La scadenza per ottenere il bonus è stata a fine ottobre, le graduatorie sono attese entro il 7 dicembre, poi dall’8 si potranno prenotare le sedute. La misura è stata introdotta nel luglio scorso. Le domande sono state oltre 300mila, per il 60% provenivano da persone con meno di 35 anni. I fondi, aumentati da 10 milioni a 25, sono comunque considerati pochi: potranno soddisfare il 12% circa delle esigenze

Continue Reading

Editoriali

Scuola, giovani e lavoro

Published

on

E’ stato molto apprezzato il discorso che il nuovo premier Giorgia meloni ha fatto per l’insediamento alla Camera dei Deputati. Al centro dell’agenda politica 3 temi fondamentali: la scuola, i giovani, il lavoro. Ecco uno stralcio:

“Serve colmare il grande divario esistente tra formazione e competenze richieste dal mercato del lavoro, con percorsi formativi specifici, certamente, ma ancora prima grazie a una formazione scolastica e universitaria più attente alle dinamiche del mercato del lavoro. L’istruzione è il più formidabile strumento per aumentare la ricchezza di una nazione, sotto tutti i punti di vista. Il capitale materiale non è nulla senza capitale umano. Per questo la scuola e l’università torneranno centrali nell’azione di governo, perché rappresentano una risorsa strategica fondamentale per l’Italia, per il suo futuro e i suoi giovani”.

Al di là dei discorsi più o meno costruiti e che attendono sempre la piena realizzazione la speranza è che il nuovo ministro dell’istruzione possa concentrare la massima attenzione sulle fasce più deboli della popolazione in particolare nei confronti di tutte quelle famiglie che hanno molte difficoltà a mantenere i figli a scuola. Quest’anno si celebra il centenario della nascita del Maestro Mario Lodi, celebre la sua frase: “La scuola promuove, punto!” chiaro il riferimento alla scuola di tutti e per tutti.

Tornando al discorso di Giorgia Meloni, il governo non può non tenere conto degli ultimi dati delle ricerche sui Neet (Not in Education, Employment or Training), cittadini di età compresa tra i 15 e i 29 anni che non lavorano (disoccupati o “inattivi” e  non frequentano corsi formali d’istruzione o di formazione), uno su due è alla ricerca di lavoro da almeno un anno (il 51,6%, una quota più alta di quella del 2020, 44,9%). Lo rileva l’Istat nel report ‘Livelli di istruzione e ritorni occupazionali’. Nel 2021, con la ripresa del mercato del lavoro diminuiscono i NEET disoccupati e quelli appartenenti alle forze di lavoro potenziali: aumenta dunque tra i NEET la quota degli inattivi che non cercano un impiego e non sarebbero disponibili a lavorare (35,9%, +2,7 punti), più frequentemente di genere femminile, con responsabilità familiari di cura e assistenza a bambini o adulti non autosufficienti.

Continue Reading

In Tendenza