Connect with us

Eventi

Scuola primaria europea a Catania, nel nome di Dewey

Giuseppe Adernò

Published

on

Tra i cartelloni pubblicitari delle principali vie di Catania si legge della prima scuola ad indirizzo internazionale che prenderà avvio a settembre nella sede della “Fondazione Valdisavoia” nei pressi della Facoltà di Agraria, e fruisce di ampi spazi esterni e impianti sportivi.

Il progetto sperimentale di “Scuola Primaria Europea”  secondo le indicazioni dell’Outodoor education” nel nome del grande pedagogista John Dewey,  coniugando gli obiettivi della scuola democratico-progressiva con la “scuola green” orientata ad una coscienza  sensibile  e aperta verso gli altri e verso alla natura .

La scuola Primaria  si pone in continuità didattica con la scuola dell’Infanzia “Il Castello”, coordinato da Martina ed Elisa Formosa e consente ai bambini di  cominciare il percorso del ciclo scolastico di primo grado, fruendo di un  servizio didattico nel segno di una  “Scuola del pensiero intelligente” , coordinato dal preside Giuseppe Adernò.

Il Progetto offre altresì un accurato pacchetto formativo linguistico in collaborazione con la scuola “Yeschool formazione linguistica , diretta da Maria Grazia Puglisi.

Nel corso della settimana scolastica, che prevede un servizio di “tempo prolungato”, dalle ore otto alle ore diciassette, i bambini avranno l’opportunità di esercitare le abilità e le competenze di un apprendimento efficace  conforme  alle Indicazioni nazionali, e di  acquisire, con la guida di docenti qualificati per le diverse discipline, specifiche competenze comunicative in inglese, spagnolo, tedesco  e francese.

Nella gradualità ed in modo creativo  i bambini svilupperanno specifiche competenze linguistiche e a conclusione del  ciclo di scuola primaria conseguiranno le certificazioni  linguistiche conformi alle differenti età.

L’offerta formativa si presenta ricca  di una varietà  di attività laboratoriali e  di progetti didattici che saranno svolti anche all’aperto, a contatto con la natura nei vasti giardini della Fondazione.  I bambini  saranno così aiutati a crescere  in maniera armonica, sviluppando un percorso di formazione integrale come  persone e come futuri cittadini.

Il costruire  solide basi didattiche, con abilità esercitate che diventano competenze, adatte allo sviluppo evolutivo di crescita e di formazione  caratterizza l’impegno dei docenti e degli operatori dell’Istituto Dewey, che si proietta verso uno sviluppo di ampliamento.

Nel logo  che raffigura il libro, segno tradizionale di cultura, è stata proposta l’immagine della lampadina che fa luce sulle bandiere  dei Paesi Europei ,  come simbolo di intelligenza brillante e luminosa.

Il messaggio di Einstein: “Non considerare lo studio come un dovere, ma come un’invidiabile opportunità”, accompagna e motiva la scelta del progetto didattico di avanguardia, proiettato verso la dimensione internazionale.

Scegliere una  scuola che fornisca  preparazione e formazione più consone alle esigenze dell’oggi e del domani, rappresenta il migliore e il più sicuro investimento che una  famiglia possa fare, a favore dei propri figli, a garanzia di un  solido futuro, in una società che si caratterizza  per i rapidi cambiamenti,  sempre più proiettata verso una globalizzazione linguistica e culturale, aperta all’Europa e al mondo.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Un successo la prima edizione del Barbablù festival

Ivan Scinardo

Published

on

La rassegna appena nata chiude a tremila spettatori  e applaude l’Orchestra di Piazza Vittorio. Samonà: “Un grande successo per il territorio” Dipasquale e Peria: “Sono ritornati a lavorare gli artisti” Per l’anno prossimo annunciati Francesco De Gregori e Renato Zero

Due settimane fitte di teatro, musica e incontri che il territorio ha mostrato di gradire: e una grande chiusura con Leo Gullotta e l’Orchestra di Piazza Vittorio che ieri sera ha fatto risuonare i suoi ritmi multiculturali. Il Barbablù fest chiude i battenti nell’area archeologica di Morgantina (EN) con un risultato di tutto rispetto, soprattutto per una rassegna ai suoi primi vagiti: tremila spettatori, molti turisti, che hanno raggiunto questo angolo di Sicilia lontano dalle tradizionali rotte di viaggio.

Ma già si pensa al futuro visto che l’ideatore della rassegna Pietrangelo Buttafuoco ha annunciato che per la prossima edizione, hanno già promesso la loro presenza Renato Zero e Francesco De Gregori, mentre si sta già mettendo mano al cartellone teatrale per intercettare le produzioni.

In Sicilia non ci sono periferie: noi abbiamo portato teatro e musica a Morgantina, ulteriore passo della politica del Governo Regionale che mira a valorizzare tutte le aree della nostra isola” dice l’assessore regionale ai Beni Culturali Alberto Samonà che ha fortemente voluto questa rassegna. “Un programma intenso che il pubblico ha gradito molto e ci fa già pensare al futuro” interviene il direttore artistico Giuseppe Dipasquale mentre per il produttore Andrea Peria, “Barbablù fest ha permesso a tanti artisti e tecnici dello spettacolo di tornare finalmente a lavorare, senza contare la ricaduta sul territorio”.

Insomma, si pensa al futuro, ma si tirano già le somme: venerdì sera Leo Gullotta ha riempito il teatro con il suo Minnazza, ieri sera il pubblico ha ballato sulle note dell’Orchestra di Piazza Vittorio con i suoi musicisti che sono un vero melting pot culturale. Nelle scorse settimane, dopo l’entusiasmante apertura con Lello Analfino e i Tinturia, sono arrivati a Morgantina, Viola Graziosi, Roberto Cacciapaglia, Juri Camisasca e i Radiodervish, Salvo Piparo, Roberto Nobile, Mario Incudine, Ninni Bruschetta, solo per citarne alcuni. E tutti sono stati un successo.

Continue Reading

Eventi

Il territorio ennese alla ribalta televisiva grazie ad Aci Storico

Ivan Scinardo

Published

on

Pergusa (En) 30 agosto 2021 – Bellissime auto dal fascino intramontabile, la storia agonistica dell’autodromo di Pergusa e quella culturale del borgo rupestre di Sperlinga annoverato tra i Borghi più Belli d’Italia.

Sono questi gli ingredienti della nuova tappa siciliana appena conclusa di Ruote nella Storia, la kermesse di Aci Storico che dopo lo svolgimento di questo fine settimana, porterà alla ribalta nazionale la provincia di Enna e le sue bellezze.

Ruote nella Storia ha come obiettivo quello di promuovere il territorio nazionale e la sua cultura insieme al fascino delle vetture che hanno fatto la storia dell’automobilismo attraverso una sessantina di appuntamenti in tutto lo stivale.

L’evento siciliano organizzato dall’Automobile Club di Enna, in collaborazione con C.A.St.En.1989 A.S.D. (Club Auto Storiche Enna) e l’Ente Autodromo di Pergusa, ha avuto un momento sportivo, con prove di abilità di avvicinamento alla disciplina della regolarità, ed un momento culturale con percorso e visita a Sperlinga e il suo splendido castello.

Le vetture che hanno sfilato, circa una ventina, sono tutte auto storiche immatricolate prima del 1 gennaio 1991 e autorizzate alla circolazione su strada aperta al traffico ed i modelli inseriti nella “Lista di Salvaguardia” emanata da Aci Storico.

Il servizio televisivo sulla manifestazione sarà trasmesso nel “magazine Aci Storico” ogni due settimane il mercoledì alle ore 23.00 su su Aci Sport TV (canale 228 di Sky) e decine di televisioni in convenzione sul digitale terrestre. Questa domenica (29 agosto) i partecipanti si sono dati appuntamento all’Autodromo di Pergusa e dopo una prova di abilità, sono partiti alla volta di Sperlinga lungo un percorso di 53 km attraverso le assolate strade e i paesaggi mozzafiato dell’entroterra siciliano. Una volta a Sperlinga, gli equipaggi hanno visitato il borgo rupestre costituito da antiche grotte, organizzate su più file sovrapposte, a loro volta collegate da corridoi e scale intagliate nella roccia. A fine manifestazione gli equipaggi si sono ritrovati a Nicosia per uno scambio di doni, premiazioni ed un momento conviviale secondo le più rigide norme anti covid.

Continue Reading

Cultura

Green Expo del Mediterraneo, custodi del creato

Giuseppe Adernò

Published

on

GREEN EXPO DEL MEDITERRANEO 2021 I ragazzi sindaci “Custodi del creato

Nel giorno conclusivo della “Green Expo del Mediterraneo 2021”, presso il Complesso Fieristico “Le Ciminiere”, alla quale dal 14 al 16 luglio hanno partecipato 170 espositori, istituzioni, enti ed associazioni, ha avuto luogo un incontro sul tema: “Quanto c’è di ambiente nel PNRR” che ha coinvolto attori di età competenze diverse.

Hanno partecipato, infatti, gli aderenti delle associazioni “Futurlab Costruiamo il futuro”; la Fondazione “Sorella Natura” Amici del Creato; il Lions Club “Catania Brancati”; il Parlamento della Legalità Internazionale ed i Ragazzi; i Ragazzi sindaci con i componenti dei Consigli Comunali dei Ragazzi, accompagnati dai  docenti e genitori.

I saluti istituzionali sono stati presentati da Antonio La Ferrara, Presidente dell’associazione ”Futurlab”; Roberto Leoni, Presidente Nazionale Fondazione Sorella Natura; Santo Primavera, delegato regionale Fondazione Sorella Natura; Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale: Per motivi di salute non è potuto intervenire Cesare Pecora, Presidente del Lions Club Catania “Brancati”, che ha offerto le targhe ai Relatori e ai Ragazzi Sindaci.

Nella magistrale relazione il Dott. Francesco Tufarelli, Dirigente Generale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha illustrato con chiarezza e puntualità le fasi operative del Recovery Plan- Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che è indirizzato ai giovani .

Il Next Generation EU (NGEU) è, infatti, un fondo approvato nel luglio 2020 dal Consiglio europeo al fine di sostenere gli Stati membri colpiti dalla pandemia di COVID-19.

Ha inoltre responsabilizzato i giovani e le associazioni ad essere propositori d’idee e di progetti orientati ad un futuro migliore per la società nel cammino di transizione ecologica e digitale che la Comunità Europea sta coordinando.

Rosario Liuzzo di Futurlab ha evidenziato come in questo Piano appare moto evidente il divario tra Nord e Sud e quanto sia necessario il dialogo tra ambiente e socialità che costituiscono le linee guida dei progetti di educazione ambientale nella scuola.

In collegamento streaming Antonella Argenti, Sindaco di Villa del Conte (PD), segnalata fra i 12 finalisti dell’Edizione 2021 del premio “Miglior Sindaco”, organizzato annualmente dalla City Mayors Foundation di Londra, ha presentato la sua esperienza di concreta attuazione dei progetti di difesa dell’ambiente realizzati nel suo comune. L’introduzione degli assessorati alla solitudine e alla gentilezza ha coinvolto in maniera attiva anche i ragazzi del CCR protagonisti di cittadinanza e come ha detto Nicolò Mannino del Parlamento della Legalità “esploratori, in cerca di terreni fertili dove piantare nuovi fiori di bontà”.

Alle voci dei relatori che hanno dato un contributo sostanziale secondo le proprie competenze ed esperienze specifiche, hanno fatto seguito le voci degli studenti dei Consigli Comunali dei Ragazzi dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” di Catania, “S. Maria della Mercede” di S Agata Li Battiati, degli Istituti comprensivi “G. D’Annunzio” di Motta S Anastasia; “Ariste Gabelli” di Misterbianco, “Giovanni Paolo II” di Piano Tavola- Belpasso; “M. Pluchinotta” di S Agata Li Battiati; “E. De Amicis” di Tremestieri Etneo, i quali hanno illustrato le attività svolte, lasciando sfuggire solo qualche briciola di emozione, orgogliosamente imbrigliata.

Per un disguido tecnico non è stato possibile visionare il video realizzati dai Ragazzi Sindaci del Veneto che, riuniti per una convention regionale dall’Associazione “Amici del villaggio” hanno aderito all’Expo Green del Mediterraneo ed hanno ricevuto anch’essi di titolo di “Custodi del Creato“ assegnato dalla Fondazione Sorella Natura ai CCR presenti e ai ragazzi del CCR di Zevio e Palù in provincia di Verona.

A conclusione dell’evento, magistralmente diretto e coordinato dal preside Giuseppe Adernò, Salvatore Sardisco, Vice Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale ha consegnato l’attestato di Ambasciatrice Della Fratellanza a Noemi Salinaro dell’Istituto “Giovanni Paolo II “ di Piano Tavola-Belpasso e l’Attestato di Riconoscimento in memoria del Prof. Antonio Bordi, medico cardiochirurgo, recentemente scomparso, il quale si è molto dedicato ai progetti educativi per i giovani.

Il coro interscolastico di voci bianche “Vincenzo Bellini” diretto dal M° Daniela Giambra, ha coronato con dei canti in francese e con l’inno di Sicilia “Madre Terra” di Vincenzo Spampinato, l’Expo Green del Mediterraneo 2021.

Continue Reading

In Tendenza