Connect with us

Cinema

Ddl Franceschini, come cambia l’industria del cinema italiano

Published

on

Nuovo Fondo di 400 milioni di euro a fronte degli attuali 260 e abolizione delle commissioni ministeriali per l’attribuzione dei finanziamenti. Buone le premesse su carta, speriamo vengano mantenute

Lo scorso 8 ottobre, giorno in cui veniva presentato al mondo il nuovo film di Ron Howard Inferno, a Firenze è stato presentato ufficialmente il nuovo disegno di legge del Ministro dei beni e delle attività culturali Franceschini, che promette novità nel panorama dei finanziamenti per produzioni cinematografiche e audiovisive.

Il nuovo fondo

Approvato in prima lettura al Senato, il ddl prevede la creazione di un fondo autonomo per il sostegno dell’industria cinematografica e audiovisiva. L’aumento di circa 150 milioni l’anno per il fondo di finanziamento porta la quota a 400 milioni, un risultato che rappresenta una novità importante se consideriamo che alle erogazioni saranno affiancati strumenti automatici di finanziamento con incentivi per i giovani autori e per nuovi esercenti che decidono di aprire sale cinematografiche.

Questo provvedimento – ha dichiarato il ministro Franceschiniinterviene in modo sistemico sulla disciplina del settore cinematografico e della produzione audiovisiva, razionalizzando e introducendo un nuovo meccanismo di attribuzione degli incentivi statali con ingenti risorse in più.

Un intervento di riforma da lungo tempo atteso che riconosce il ruolo strategico dell’industria cinematografica come veicolo formidabile di formazione culturale e di promozione del paese all’estero”.

Il Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e l’audiovisivo, dunque, permetterà di sostenere gli interventi per il cinema e l’audiovisivo attraverso incentivi fiscali e contributi automatici che unificano quelli del Fus Cinema e del Tax Credit. Il modello viene preso in prestito dalla Francia a partire dal 2017, e prevede una percentuale fissa (11%) del gettito Ires e Iva di alcuni settori dello spettacolo producendo un meccanismo di “autofinanziamento” della filiera produttiva. Un ottimo incentivo a investire e innovare. 

Renzi ha tenuto ha precisare, durante la conferenza stampa tenutasi a Palazzo Vecchio, che verranno abolite finalmente anche le commissioni ministeriali per l’attribuzione dei finanziamenti che venivano concesse in base al cosiddetto ‘interesse culturale’, un sistema che lasciava non pochi dubbi rispetto ai meccanismi di finanziamento. Il premier ha dichiarato che questo sistema andrà a fermare le agevolazioni fatte ad “amici di amici” a favore di un sistema di incentivi che tiene conto dei risultati economici, artistici e di diffusione.

Dal punto di vista di “addetto ai lavori” posso certamente dire che se quanto detto sarà applicato, ciò permetterà davvero a tante nuove proposte di accedere ai finanziamenti, destinati spesso e volentieri a una ristretta cerchia di produzioni.

La novità più interessante introdotta dal nuovo ddl Franceschini è, a mio avviso, l’intervento a sostegno dei nuovi operatori del cinema. Difatti, il nuovo Fondo dedicherà ogni anno un massimo del 18% della quota a opere prime e seconde, giovani autori, start-up, piccole sale, contributi a favore dei festival, contributi per le attività di Biennale di Venezia, Istituto Luce Cinecittà e Centro sperimentale di cinematografia. Considerando l’alto numero di player nel mercato cinematografico viene da pensare se una quota dei fondi pari ad un massimo di 72 milioni l’anno riesca a soddisfare la domanda.

dario-franceschini-633x350

Se oggi penso a cosa significa fare cinema mi vengono in mente tre cose: innovazione tecnologica, educazione alla visione, storytelling transmediale.

Se facciamo l’esempio di festival come il Giffoni Experience che ogni anno ospita migliaia di ragazzi che imparano a conoscere e a fare del cinema la loro esperienza di vita, ci rendiamo conto di come sia importante finanziare quelle attività di divulgazione e di conoscenza della settima arte che permettono un processo educativo basato sul confronto con la nostra e altre culture dal mondo.

Per questo motivo, il disegno di legge ha previsto un’altra importante rivoluzione nel settore educativo: il 3% del fondo sarà riservato ad azioni di potenziamento delle competenze cinematografiche ed audiovisive degli studenti, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione e della ricerca scientifica. Se sono diventato un film maker è proprio perché a scuola ho avuto la possibilità di vedere film come Il Sorpasso di Dino Risi che hanno cambiato il mio modo di vedere il mondo.

Se vogliamo davvero fare grande il cinema italiano dobbiamo renderci conto di una cosa: non abbiamo l’industria, ma abbiamo le idee. Se lo Stato vuole aiutare la settima arte deve farlo con provvedimenti che portino a togliere l’alone di polvere su un vecchio modo di produrre contenuti. Oggi il cinema necessita di creare non soltanto il prodotto che vediamo in sala, ma una serie di prodotti collaterali atti a creare interesse nello spettatore. Aiutare le produzioni significa metterli nella condizione di entrare finalmente nella nuova generazione cinematografica, fatta di storie trasversali, second screen e approfondimenti online.

Quattrocento milioni l’anno sono tanti, la speranza è che vengano spesi nel modo giusto. (Livio Ascione)

Fonte: http://www.wired.it/play/cinema/2016/10/11/ddl-franceschini-cinema-400-mlioni-fondo-innovazione/

Dario Franceschini (ministro)

Cinema

L’attrice Claudia Gerini si racconta al festival Onair

Published

on

Abbiamo ripercorso 40 anni di carriera nel cinema e nella tv;  intervistare Claudia Gerini, attrice dotata di straordinario talento e umiltà, nell’ambito del festival on air season, creato da Simona Gobbi, è stato come fare un viaggio nel tempo attraverso tutti i suoi successi cinematografici. 86 film e tanti sogni nel cassetto di Claudia..

Continue Reading

Cinema

Netflix: “Abbiamo bisogno di storie italiane”

Published

on

Il co-ceo di Netflix ha incontrato alunni e studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia, presieduto da Sergio Castellitto

“Per certi versi è stato un momento storico: la scuola di cinema più antica del mondo ha incontrato il servizio streaming che ha rivoluzionato il consumo della forma cinema e della serialità”, così Sergio Castellitto, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia che ha accolto e introdotto il co-ceo di Netflix Ted Sarandos, all’incontro con i docenti e gli allievi dei corsi di regia, sceneggiatura, scenografia, recitazione, conservazione e restauro.

“Abbiamo bisogno di voi, lavorate sodo, non scendete a compromessi e raccontateci le vostre storie, storie che siano autenticamente italiane e in Italiano” ha detto Sarandos, che, dopo una conversazione in pubblico con il preside della Scuola Nazionale di Cinema, Adriano De Santis, ha risposto a domande sul rapporto di Netflix con il cinema indipendente e sulla Intelligenza Artificiale, sulla ricerca dell’originalità di alcune serie (come Baby Reindeer) e sulla scelta di location e scenografie.

“L’ambientazione è molto importante per noi: perché è il set che emana la narrazione. Dopo La legge di Lidia Poet, girata in una Torino dell’800, la città è diventata anche meta di un turismo che cerca alcune speciali location messe in scena”, ha detto Tinny Andreatta, vice presidente per i contenuti italiani in Netflix, presente all’incontro, insieme al Conservatore della Cineteca Nazionale Steve Della Casa.

The Squid Game, il nostro prodotto di maggiore successo, è profondamente radicato nella società e nel mondo coreano: sono proprio le storie che hanno un rapporto più stretto con il territorio nel quale cui nascono quelle che hanno più chance di essere condivise ovunque. Per questa ragione, abbiamo bisogno di quelle storie che nascono dal profondo del vostro cuore. Abbiamo bisogno di voi” ha concluso rivolgendosi agli studenti Sarandos che ha raccontato di essere da sempre un grande fan del cinema e soprattutto del cinema italiano di Visconti, Rossellini, De Sica: “Sono onorato di trovarmi qui a Roma – ha detto – nella capitale dello storytelling”. Alla fine dell’incontro Sergio Castellitto si è intrattenuto con Sarandos per stendere le prime linee di una partnership futura per una preziosa ricaduta sulla formazione degli studenti.

 

Continue Reading

Cinema

Premi David di Donatello 2024

Published

on

Centosettantuno film italiani di lungometraggio di finzione iscritti; 26 quelli diretti da registe donne; 61 le opere prime; 138 i documentari; 495 i cortometraggi. Questi i numeri della 69ᵃ edizione dei Premi David di Donatello 2024.

Anche quest’anno la Rai sarà a fianco della Fondazione Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello e di Cinecittà per raccontare, venerdì 3 maggio, la cerimonia di premiazione, in diretta in prima serata su Rai 1, condotta da Carlo Conti con Alessia Marcuzzi e tanti ospiti prestigiosi.

L’evento si svolgerà negli studi di Cinecittà, nel leggendario Teatro 5, “tempio” della grande cinematografia nazionale e internazionale, che diventerà per una notte la casa dei David. Una narrazione diffusa della nuova storia degli iconici studi, che includerà il residential stage del Teatro 14, un unico set che racchiude cinque ambientazioni, e il Teatro 18, il Volume Stage per la produzione virtuale, tra i più grandi d’Europa, che ospiteranno diversi momenti della cerimonia.

Cinecittà si racconterà come casa del talento e dell’ecosistema produttivo, cantiere sul futuro in continua evoluzione, simbolo della magia creativa del cinema e della sua capacità di rinnovamento

Nel corso della cerimonia saranno assegnati venticinque Premi David di Donatello e i David Speciali.

I PREMI DELLA 69ᵃ EDIZIONE
La Giuria dell’Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello assegna 20 riconoscimenti ai film usciti in Italia dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023 nelle sale cinematografiche, 1 Premio David per il cinema internazionale e 1 Premio David per il Miglior Documentario.

● 20 i Premi David per il cinema italiano: film, regia, esordio alla regia, sceneggiatura originale, sceneggiatura non originale (adattamento), produttore, attrice protagonista, attore protagonista, attrice non protagonista, attore non protagonista, autore della fotografia, compositore, canzone originale, scenografia, costumi, trucco, acconciatura, montaggio, suono, effetti visivi VFX.

1 Premio David per il cinema internazionale, destinato a una delle opere straniere distribuite in Italia.

1 Premio Cecilia Mangini per il miglior documentario di lungometraggio: una commissione formata da otto esperti in carica per due anni – Guido Albonetti, Pedro Armocida, Osvaldo Bargero, Raffaella Giancristofaro, Stefania Ippoliti, Elisabetta Lodoli, Pinangelo Marino e Giacomo Ravesi – ha il compito di preselezionare le quindici opere da sottoporre al voto della giuria per poi arrivare alla cinquina. Si intende in questo modo favorire una visione più sostenibile, informata e attenta del “cinema del reale” da parte della giuria. Il Premio David di Donatello per il Miglior Documentario è dedicato a Cecilia Mangini.

Una giuria nazionale di studenti degli ultimi due anni di corso delle scuole secondarie di II grado assegna 1 Premio David Giovani, destinato al miglior film italiano con temi vicini alle nuove generazioni.

Un’apposita commissione, nominata dal Presidente e composta da Domenico Dinoia, Mauro Donzelli, Marzia Gandolfi, Francesco Giai Via, Paola Jacobbi, Maria Grazia Mattei, Claudia Panzica, Marina Sanna, Maria Carolina Terzi, assegna 1 Premio David di Donatello per il Miglior cortometraggio.

Il David dello Spettatore è un premio che intende manifestare l’attenzione e il ringraziamento dell’Accademia ai film e agli autori che hanno fortemente contribuito al successo industriale dell’intera filiera cinematografica.Un David dello Spettatore viene assegnato al film italiano uscito entro il 31 dicembre 2023, che ha totalizzato il maggior numero di spettatori nelle sale cinematografiche calcolato entro la fine di febbraio 2024.

I David Speciali, designati da Presidenza e Consiglio Direttivo, saranno assegnati a personalità del mondo del cinema.

I Premi David di Donatello sono organizzati dalla Fondazione Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello e dalla Rai, in collaborazione con Cinecittà S.p.A. Piera Detassis è Presidente e Direttrice Artistica dell’Accademia, il Consiglio Direttivo è composto da Nicola Borrelli, Francesca Cima, Edoardo De Angelis, Domenico Dinoia, Francesco Giambrone, Valeria Golino, Giancarlo Leone, Luigi Lonigro, Mario Lorini, Francesco Ranieri Martinotti, Francesco Rutelli.

La 69ᵃ edizione della manifestazione si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il contributo del MiC Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e audiovisivo, d’intesa con AGIS e ANICA, con la partecipazione, in qualità di Soci Fondatori Sostenitori, di SIAE e Nuovo IMAIE.

Continue Reading

In Tendenza