Connect with us

Cinema

Documentario: i Nastri Luce Cinecittà

luce cinecittà
Ivan Scinardo

Published

on

In un anno in cui il Cinema è stato centrale nella società, per l’impossibilità di accedere nelle sale, e per il bisogno collettivo di racconti per immagini, un produttore e distributore storico come Istituto Luce-Cinecittà ha avvertito il compito di tenere stretto il patto tra il cinema e i cittadini. Lo ha fatto rivolgendosi maggiormente alle tecnologie digitali da un lato, e dall’altro proponendo delle dichiarazioni d’amore a quest’arte. I Nastri d’argento 2021 per il Documentario, il più antico Premio del cinema italiano assegnato dal Sindacato Giornalisti Cinematografici – SNGCI, premiano questa linea di resistenza di una passione, con i riconoscimenti a film coprodotti o distribuiti da Luce-Cinecittà. Film belli e importanti in un anno difficile.

A cominciare dal Nastro d’argento per il Miglior documentario su ‘Cinema Spettacolo e Cultura’ assegnato a The Rossellinis di Alessandro Rossellini, coprodotto dal Luce che vi partecipa anche con il suo grande Archivio. Evento speciale della Settimana della Critica a Venezia 2020, una irresistibile storia di cinema e famiglia che parte dal padre della modernità cinematografica e dal suo primo nipote, per un racconto insieme spassoso e commovente, che da personale riesce a farsi universale.

Una storia della famiglia del cinema è anche quella narrata da La verità su La dolce vita di Giuseppe Pedersoli, che ottiene una Menzione speciale nella categoria ‘Docufiction’, riannodando la vicenda del nonno del regista, il grande produttore Giuseppe Amato, e di come rischiò di non esistere il film italiano più famoso al mondo. Una lettera d’amore al cinema molto apprezzata da stampa e pubblico sin dalla sua presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia.

Già annunciato dal Sindacato Giornalisti Cinematografici il Nastro dell’Anno 75 a Notturno di Gianfranco Rosi, candidato agli Oscar per il Miglior Documentario, che mostra la capacità del più alto cinema italiano di saldare visione poetica e realismo, commozione e intervento. Uno dei film internazionali dell’anno, di cui il Luce è orgogliosamente coproduttore.

Si segnalano doverosamente i titoli entrati nelle Cinquine finaliste dei Nastri. A cominciare da Molecole di Andrea Segre, finalista nella cinquina di ‘Cinema del reale’, presentato in apertura del Festival di Venezia con uno sguardo poetico sul primo lockdown in Italia e sui rapporti familiari e personali. Nella categoria Docufiction La legge del terremoto, il sorprendente esordio alla macchina da presa di un attore amato e popolare come Alessandro Preziosi, che ha unito un’esperienza personale a una storia intima del nostro Paese, con raffinatezza e cuore. E La storia vergognosa di Nella Condorelli, che racconta con riprese originali e uno stupefacente materiale d’Archivio l’epopea della migrazione italiana nelle Americhe. Una storia immensa, mai abbastanza narrata dal cinema. Ancora, nella cinquina per i film su Cinema Spettacolo e Cultura, Alida di Mimmo Verdesca, selezionato dal prestigioso Cannes Classics e poi alla Festa del Cinema di Roma, che per la prima volta racconta attraverso i diari privati e un cast stellare, la carriera e la vita di una delle Muse dello schermo, Alida Valli. Questi ultimi tre titoli sono in attesa di prossima uscita.

Ricordando infine un titolo finalista ai Nastri di quest’anno, La rivoluzione siamo noi di Ilaria Freccia, presentato all’ultimo Torino Film Festival e che racconta il meraviglioso decennio dell’arte italiana tra il 1967 e il ’77, e condividendo i risultati e il lavoro con tutti gli autori, i produttori, le squadre dei film presentati, Luce-Cinecittà ringrazia il Sindacato Giornalisti Cinematografici per i Premi e menzioni, e soprattutto per l’attenzione concreta con cui da sempre accompagna il Documentario. Uno dei generi nel codice della storia del nostro cinema, in cui l’Italia ha fatto scuola nel mondo, e che è oggi forse quello che dà le spinte più originali e inventive al settore.

Un cinema che Luce-Cinecittà ha portato anche quest’anno con forza con tanti titoli su tutti i canali, le sale, la Rete, le TV, l’home video, sapendo che ciò che conta di un film è l’incontro con gli spettatori. L’impegno è quello di farlo ancora ogni giorno, proponendo con passione un cinema di qualità ed emozione al pubblico. L’augurio per tutti è che si torni a farlo presto in sala, dove l’incontro è più intenso e memorabile.

 

Cinema

Totò Cascio, la gloria, la prova e il suo Nuovo C. Paradiso

Ivan Scinardo

Published

on

Totò Csscio e Felice Cavallaro

Totò Cascio e la sua rinascita

Nell’ambito degli appuntamenti di “Libri in piazza” organizzati dalla “Strada degli scrittori” nell’ambito del progetto Global Learning III ideato dal Consorzio universitario Empedocle di Agrigento.
Dopo il successo dell’incontro in presenza al liceo classico di Agrigento  per la presentazione del libro di Mario Avagliano Sciuscià, paisà e segnorine, il 5 maggio, a Ribera, al cine-teatro “Lupo”, è stato presentato il libro: La gloria e la prova di Salvatore Cascio, il piccolo Totò del celebre film Nuovo Cinema Paradiso.

Ivan Scinardo

Il libro, pubblicato da Baldini+Castoldi, è stato presentato da Felice Cavallaro, giornalista e scrittore, direttore della “Strada degli scrittori” e da Ivan Scinardo, direttore della sede Sicilia del  Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, alla presenza dello stesso autore che in queste ultime settimane sta girando tutt’Italia proprio per presentare questo libro scritto con Giorgio De Martino (e con la prefazione di Giuseppe Tornatore è la postfazione di Andrea Bocelli).

L’incontro, coordinato da Salvatore Picone dello staff della “Strada degli scrittori”, è stato introdotto dal sindaco di Ribera Matteo Ruvolo, dal presidente Ecua Nenè Mangiacavallo e da Antonia Triolo, dirigente dell’istituto “F. Crispi”.

Nel corso della manifestazione, sono intervenuti gli alunni dell’istituto, che hanno realizzato un bel collage di immagini tratte dai film a cui ha partecipato Totò Cascio e l’orchestra da camera del Conservatorio “Toscanini” di Ribera diretto dal Maestro Alberto Maniaci.

Continue Reading

Cinema

Lo sciacallo di Dan Gilroy, e il giornalismo spettacolo

Ivan Scinardo

Published

on

Lo sciacallo di Dan Gilroy (2014)

“Se fatti cruenti e sanguinosi non accadono, basta farli accadere” è il motto di un ladruncolo che, trovandosi per caso sul luogo di un incidente stradale decide di riprenderlo in tutti i suoi particolari più cruenti.

Quando vede che dei reporter free-lance lo stavano già facendo decide di intraprendere quella carriera e iniziare così a inanellare successi di audience. E’ la sua produttrice che intuisce le sue potenzialità e lo spinge sempre più a osare.

Lo scenario del film è la notte, passata tutto il tempo dall’uomo, un bravo Jake Gyllenhaal, che, come uno sciacallo, attende la tragedia per filmarla.

L’ascolto della radio della Polizia

Si mette in ascolto delle comunicazioni radio della Polizia in attesa che succeda qualcosa. Ottimo esordio alla regia per Gilroy, che sceglie di mostrarci il lato più cinico e meschino del fotoreporter in chiave moderna, ponendo al centro della vicenda un ragazzo venuto dal nulla con un passato di disprezzi e umiliazioni.

I punti di forza del film oltre alla regia e alla sceneggiatura anche la fotografia di Robert Elswit e la colonna sonora di James Newton Howard.

Acquista il libro

Ci vediamo la scena del colloquio in cui Lou Bloom l’attore Jake Gyllenhaal fa il colloquio a Rik, Rizwan Ahmed, conosciuto anche come Riz MC,  un attore e rapper britannico di origini pakistane che lo assume come suo assistente

 

 

Continue Reading

Cinema

L’inventore di favole di Billy Ray (2003)

Ivan Scinardo

Published

on

L’inventore di favole di Billy Ray, un racconto onirico del giornalismo

Quinto Potere, Prima Pagina o Dentro la notizia, potrebbero essere i titoli dei film che più si avvicinano alla sceneggiatura di questo film che racconta la storia vera di Stephen Glass, un giovane di 23 anni entrato come redattore nell’autorevole rivista di politica e cronaca, The New Republic dopo un percorso da freelance in riviste del calibro Rolling Stone, Harper’s e George.

Alla metà degli anni 90, gli articoli di Glass avevano fatto di lui uno dei giovani giornalisti più ricercati di Washington, ma una strana catena di eventi bloccò dall’oggi al domani la sua brillante carriera.

Il protagonista del film L’inventore di favole è l’attore Hayden Christensen

Aquista il libro

MymoviesMymovies

Andrea Chirichelli su Mymovies scrive: “Ne L’inventore di favole parla non sono della ascesa e della caduta di uomo, ma anche e soprattutto della libertà di stampa.

Colpisce anche l’etica nel giornalismo, valore essenziale, ma spesso dimenticato, in un mondo dominato dalla comunicazione”.

“L’America costruisce molti miti ed altrettanto facilmente li distrugge. Epifanica di questo processo è la storia di Stephen Glass, giornalista di grande successo agli inizi degli anni 90′, caduto giustamente in disgrazia alla scoperta che buona parte dei suoi “scoop” erano inventati di sana pianta”.

L’inizio del film

Continue Reading

In Tendenza