Connect with us

Cinema

Gus Van Sant, per Gucci ho sfidato la pandemia

Published

on

I vestiti liberati dai luoghi della moda e tornati nella vita quotidiana, gettati da una finestra o usati per andare in bicicletta o fare yoga. E’ un po’ la filosofia di OUVERTURE of Something that Never Ended, la miniserie di sette episodi ideata dal direttore creativo di Gucci Alessandro Michele e diretta dal maestro del cinema indipendente americano, Gus Van Sant, cantore di adolescenze inquiete e derive a volte inquietanti a volte poetiche.

A presentare il progetto, difficilmente etichettabile, inserito in un GucciFest di moda e cinema digitale che si svolgerà dal 16 al 22 novembre, una conferenza zoom che ha collegato Italia e resto del mondo in una conversazione su temi ricorrenti nell’immaginario contemporaneo con sempre maggiori “travasi” dall’haute couture al cinema d’autore (Garrone gira per Dior, Guadagnino per Valentino…).

Gus Van Sant torna a Roma quasi trent’anni dopo Belli e dannati per girare i minifilm incentrati sulla fisicità lunare dell’attrice e performer Silvia Calderoni (Last Words di Jonathan Nossiter, la serie Romulus) che vediamo nel primo dei racconti At Home, al risveglio in una grande casa molto vintage. Il suo corpo efebico e slanciato si muove nelle posture yoga mentre la tv trasmette un’ode alla liberazione dagli stereotipi del gender che sembra rivolta proprio a lei. Il tutto condito dalla collezione Gucci indossata da attori e modelli in gesti quotidiani e al tempo stesso surreali e inaspettati o languidi. In scena amici della maison tra cui Paul B. Preciado, Achille Bonito Oliva, Billie Eilish, Darius Khonsary, Lu Han, Jeremy O. Harris, Ariana Papademetropoulos, Arlo Parks, Harry Styles, Sasha Waltz e Florence Welch. 

Belli e dannati – spiega lo stilista – mi ha fatto capire chi ero in maniera delicata e ruvida, spiazzante. Da quel momento, era il 1991, nasce la mia passione per questo regista che diventerà anche un amico”. Per il cineasta, autore di opere come Elephant e Last Days, che definisce affini a questo progetto per il modo di lavorare spontaneo e in progress: “La serie è stata una sfida eccitante in un momento di pandemia e impossibilità di viaggiare, abbiamo lavorato in modo veloce, sperimentale, come avevo già fatto in altre fasi della mia carriera, girare durante il coronavirus, in luoghi spesso semivuoti, tornare a Roma, dove ero stato trent’anni fa, tutto ha avuto un significato particolare. A Roma ci sono i set di Fellini e di Pasolini e il luogo dove è stato ucciso Pier Paolo”.

Quanto alle location di OUVERTURE, “sono luoghi semplici, legati alla vita quotidiana di Silvia: un teatro, un caffè, e nessuna chiesa”. Van Sant, che ha passato il lockdown a scrivere una nuova sceneggiatura, senza cambiare di molto le sue abitudini solitarie, allarga il discorso: “Oltre alla pandemia, negli Stati Uniti abbiamo anche notevoli problemi politici, stanno succedendo tante cose”. Sul rapporto tra cinema e alta moda, è Alessandro a rispondere: “Non mi sono sentito né invasore né invaso. Sono arrivato con una storia e con gli abiti che dovevano essere sciolti dalla trappola per sprigionare il loro grande potere. Gus ha aggiunto altri spunti e molto è nato sul set. La moda ha sempre commissionato lavori a grandi registi, non è una cosa nuova, ma io mi sono preso il rischio del cambiamento, in questo momento c’è bisogno di rallentare, c’è bisogno di poesia e quindi sperimentare e fondere i linguaggi era importante. Ma tutto questo non nasce perché siamo sotto scacco con il Covid, era una mia idea da sempre vedere i vestiti diventare persone”, spiega il direttore creativo, che a settembre ha rinunciato a far sfilare la collezione primavera-estate 2021.

Il designer racconta di essere cresciuto con film della vecchia Hollywood e del neorealismo. “Ho visto 20 volte La rosa tatuata con Anna Magnani insieme a mia madre, che lavorava nel cinema. Da lì nasce la mia passione, tanto che volevo fare il costumista e per questo ho studiato all’Accademia di costume e moda. E forse sono davvero più costumista che stilista”.

I sette episodi – che annoverano tra i contributi la fotografia di Christopher Doyle e il montaggio di Marco Spoletini, verranno trasmessi quotidianamente nel corso del festival in esclusiva su YouTube Fashion, Weibo, Gucci YouTube e inseriti nel sito dedicato GucciFest.com, rivelando gradualmente la nuova collezione giorno per giorno. Come anticipato da Alessandro Michele lo scorso maggio, in occasione della pubblicazione del suo manifesto Appunti dal silenzio, la presentazione della collezione “è una nuova narrazione gioiosa e a cadenza irregolare, non più vincolata dalla vecchia nozione di stagionalità, ma più vicina alla sua vocazione espressiva e raccontata fondendo regole e generi, nutrendosi di nuovi spazi, codici linguistici e piattaforme di comunicazione”. Oltre alla serie OUVERTURE of Something that Never Ended, GucciFest proporrà anche fashion film che celebrano le creazioni di quindici giovani stilisti indipendenti (Ahluwalia, Shanel Campbell, Stefan Cooke, Cormio, Charles De Vilmorin, JordanLuca, Mowalola, Yueqi Qi, Rave Review, Gui Rosa, Rui, Bianca Saunders, Collina Strada, Boramy Viguier e Gareth Wrighton), tutti scelti dal direttore creativo. 

Fonte: Cinecittà news

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cinema

Chiusa la 44^ edizione di Efebo d’oro

Published

on

EFEBO D’ORO
Festival Internazionale di Cinema e Narrativa

44a edizione / Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa
5 – 12 novembre 2022

100 minutes – Ivan Denisovich (Russia, 2021) di Gleb Panfilov,  vince l’Efebo d’Oro per il Miglior Film tratto da un’opera letteraria. A OBEŤ (Sacrificio) di Michal Blaško (Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania 2022) va l’Efebo Prospettive per opere prime o seconde.

Si è chiusa la 44a edizione dell’Efebo d’Oro che quest’anno ha premiato con l’Efebo d’Oro alla carriera – Banca Popolare Sant’Angelo Silvio Soldini, regista lontano dal glamour dei tappeti rossi, coerente e rigoroso nelle scelte registiche, attento a un cinema fatto di tensioni esistenziali troppo spesso irrisolte. L’Efebo d’oro Nuovi linguaggi – Città di Palermo è stato assegnato ai registi Tizza Covi e Rainer Frimmel, rigorosi autori di cinema documentario.

La giuria presieduta da Egle Palazzolo (presidente del Centro di Ricerca per la Narrativa e il Cinema) e composta da João Botelho (regista e sceneggiatore), Robert Cahen (artista visivo), Emanuela Martini (critica cinematografica e direttrice della rivista Cineforum) e Nadia Terranova (scrittrice) ha consegnato l’Efebo d’Oro per il miglior film tratto da un’opera letteraria a 100 minutes – Ivan Denisovich (Russia, 2021), ultimo lavoro del regista russo Gleb Panfilov, con la seguente motivazione: «I film sono storie; il cinema è qualcos’altro, è il modo in cui racconti le storie. Panfilov è un maestro del cinema. ha filmato solo l’essenziale. Il film, adattamento del romanzo Una giornata di Ivan Denisovič di Aleksandr Isaevič Solženicyn, porta con sé una poesia eterna dove sofferenza, libertà e umanità si incrociano e in cui la direzione degli attori è eccezionale. La distruzione di un fragile essere umano da parte di una dittatura è difficile da capire. Un eccellente libro sarà sempre un eccellente libro e un grande film sarà sempre un grande film. Viva Panfilov, viva il cinema».
Menzione speciale a Daughters (Germania, Italia, Grecia 2021) di Nana Neul e menzione speciale per l’interpretazione a Marina Foïs, attrice del film Ils sont vivant (Francia, 2021) di Jeremie Elkaïm .

La giuria dell’Efebo Prospettive per opere prime o seconde, composta da Antonio Bellia (regista e direttore artistico del SiciliAmbiente Documentary Film Festival), Selene Caramazza (attrice) e Daniele Vicari (regista, sceneggiatore e scrittore), ha premiato OBEŤ (Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania 2022) di Michal Blaško e motiva così la scelta: «Una opera prima complessa, matura, che racconta i conflitti sociali senza pietismi né manicheismi, con slancio. La storia della madre single ucraina, che vive in una piccola città ceca con suo figlio vittima di violenza, diviene la cartina di tornasole di una malattia sociale in procinto di esplodere, la xenofobia tra comunità di immigrati in lotta tra loro. Una regia compiuta, molto calibrata. Una scrittura che rende il racconto sorprendente e imprevedibile, con una tensione narrativa forte e crescente».

Il Premio ANDE Palermo Cinema Donna è invece andato a Miss Viborg (Danimarca, 2022) di Marianne Blicher «Per aver affrontato con i toni rassicuranti dei colori verde/azzurro, in maniera originale, il tema della vecchiaia e di come non sia facile accettarla, della solitudine e di come la diffidenza nei confronti del prossimo, causata dalla consapevolezza della propria fragilità, possa essere superata grazie all’amicizia, anche la più imprevedibile».
Menzione speciale a Sabrina Sarabi, regista di No one with the Calves (Germania, 2021).

La giuria degli studenti premia ad ex aequo Miss Viborg e Onoda (Francia, 2021) di Arthur Harari; menzione speciale per la fotografia a Atlantide (Italia, 2021) di Yuri Ancarani.

Continue Reading

Cinema

European journey – film festival

Published

on

bblica Maria Konopnicka di Bystrzyca Stara (Polonia); SCOALA GIMNAZIALA, SFANTA VINERI” di Ploieiti (Romania); 32 SUsizuchavane na chuzhdi ezici “Sv.Kliment Ohridski” di Sofia (Bulgaria) hanno incontrato il direttore Ivan Scinardo, per conoscere i processi produttivi di un film documentario.

Per una settimana la Scuola Thomas More sta ospitando, dal 9 al 15 Ottobre, le delegazioni, accompagnate dalla coordinatrice dei progetti Erasmus+ Aurelia Schera e gli insegnanti di Storia, Salvatore Pirrone (Storia), di inglese, Lloyd Melbourne, e di spagnolo Mercedes Rivera Quentana.

Fra gli obiettivi del progetto gli studenti stanno ricercando e preparando i temi dei film che riguardano l’ambiente naturale, il patrimonio culturale e le opere letterarie nazionali delle regioni partner.

Tutto ciò amplierà le loro conoscenze; attraverso il lavoro di squadra, aumenterà la loro autostima, la fiducia, le capacità di comunicazione e la creatività.

 

Continue Reading

Cinema

La “luce” del grande artista Nicola Scafidi”

Published

on

Il volume

E’ stato presentato nei giorni scorsi nel prestigioso salone del circolo canottieri Lauria di Mondello il libro” Set cinematografici siciliani” (Mohicani editore di Pietro Scaglione), curato dalla figlia di uno dei più importanti fotografi di scena italiani Nicola Scafidi.

Angela ha curato un volume che contiene le foto scattate da suo padre nei più importanti set allestiti nell’isola. Alla presentazione moderata dalla giornalista Claudia Mirto ho partecipato anch’io assieme ai colleghi Daniele Billitteri e Mimmo Rizzo.

Lo sguardo curioso e attento di Nicola Scafidi, fotoreporter e collaboratore del quotidiano palermitano “L’Ora”, restituisce momenti di vita delle maestranze e degli attori impegnati nella realizzazione di opere filmiche entrate nella storia del cinema: dal “Gattopardo” di Luchino Visconti alla trilogia sui misteri italiani di Francesco Rosi (“Salvatore Giuliano”, “Il Caso Mattei”, “Lucky Luciano”); da “Viva L’Italia” di Roberto Rossellini a “Il Viaggio” di Vittorio De Sica, da “Vulcano” di William Dieterle a “I racconti di Canterbury” di Pierpaolo Pasolini”; dal “Giorno della Civetta” di Damiano Damiani al “Mafioso” di Alberto Lattuada.

Un estratto

Ecco un estratto dal titolo: La “luce” del grande artista Nicola Scafidi” che ho voluto dare come contributo personale al libro

Le foto di scena di Nicola Scafidi, come vetrina di un film, che raccontano il complesso processo di immagine attorno al quale poi venivano costruiti i trailers e tutto il packaging, da intendersi chiaramente come impalcatura estetica. Scafidi ha lavorato tantissimo nella sua lunga carriera di fotografo di scena, incarnando un ruolo, che va sicuramente annoverato fra i mestieri più affascinanti e discreti del cinema. Gli scatti, rigorosamente in bianco e nero, rappresentano ancora oggi un punto di vista diverso che non si allontana mai dal set. Scafidi se ne stava spesso in penombra, quasi a diventare invisibile; non era illuminato dalla key light  che generalmente sta sempre puntata  sugli attori.   La passione per la fotografia di Nicola Scafidi, ereditata dal padre, non lo ha mai abbandonato; il lavoro certosino di ricostruzione e catalogazione che sta facendo la figlia Angela è un vero e proprio atto d’amore, per mantenere viva la memoria di un grande uomo che con i suoi migliaia di fotogrammi è da considerarsi a pieno titolo nella storia del nostro tempo. Il termine fotografia deriva dalla congiunzione di due parole greche: luce (φῶς, phṑs) e grafia (γραφή, graphḕ), ne deriva che fotografia significa “scrittura di luce”. Quest’opera è “Luce!”

Continue Reading

In Tendenza