Connect with us

Eventi

La fragilità che genera lo svilippo: il calendario

Marco Milazzo

Published

on

Enna è il capoluogo più alto d’Italia e fa parte di uno dei territori più depressi della nazione, quel Centro Sicilia descritto dai recenti dati Istat, e non storia di quest’anno, in regressione. Il fatto è che spesso, dove esistono gravi problemi, le idee che nascono da un bisogno, diventano progetti prima e importanti attuazioni dopo, al punto da restarne stupiti.

Vi parlerò di un’associazione di volontariato fondata nel 2013 da 6 famiglie che hanno figli con la sindrome di Down, di cui faccio parte. Per alcuni versi è una realtà anomala, perché essa non si occupa direttamente di bimbi e giovani portatori del “cromosoma in più”, ma piuttosto di chi vive attorno ad essi, della loro comunità cittadina, attraverso un’opera di sensibilizzazione volta a creare occasioni di conoscenza reale e profonda fra persone abili e persone disabili.

Uno dei punti di forza dell’associazione è il lavoro nelle scuole, attraverso programmi inseriti nell’offerta formativa. Il titolo dell’ultimo è assai significativo: “Armonie di relazioni”. In esso i volontari di “Vita 21 Enna” portano avanti il principio, nel quale credono fermamente, dell’“inclusione al contrario”: gli studenti normodotati vengono condotti “dentro” la disabilità dei loro compagni di classe, “alla scoperta di chi, per inconsapevolezza, timori e pregiudizi, troppo spesso consideriamo “diverso” da noi “presunti normodotati”, finendo con il privarle persino della loro dignità umana.” Queste ultime sono parole di chi ha ideato Kairos, uno dei moduli del programma, un progetto che è partito da un papà con figlio disabile del Veneto e che è stato diffuso in tutta Italia dal Lions club.

Calzanti le parole della dottoressa Giulia Di Piazza, di Palermo, Economista ed esperta in politiche per il Terzo settore, che da pochi mesi, insieme ad altri, collabora con noi nel portare avanti il progetto per la costituzione di una Fondazione di Comunità: “La disabilità, che può costringere ad una vita faticosa e talvolta assai drammatica, si può tradurre in dono solo attraverso la comprensione di un disegno superiore, meglio se vissuta all’interno di una comunità attenta e inclusiva. Solo così essa può essere vissuta come una resurrezione le cui ferite visibili non fanno più paura a chi le vede dall’esterno, divenendo così segno e motivo di fraternità”.

Antonio Di Natale (pubblicitario) e Marco Milazzo (Pres.Ass.Vita21)

Per lanciare l’idea, che coinvolge anche il territorio di Caltanissetta, le famiglie di Vita 21 Enna hanno realizzato un calendario, i cui post su Facebook hanno avuto, nel giro di pochi giorni, oltre ventiduemila visualizzazioni. Lo hanno definito “I dodici mesi più belli dell’anno” e riporta sette capolavori d’arte reinterpretati, in foto, da piccoli e meno piccoli con la sindrome di Down: dall’Uomo vitruviano alla Madonna del Granduca, da Il primo bacio a I Putti, passando per La creazione di Adamo, il Tondo Doni e L’ultima cena. Sfogliandolo si resta colpiti dalla bellezza e l’originalità dell’idea e dallo sguardo di quei primi attori, involontariamente provocatorio.

Attraverso quest’opera desideriamo condividere la nostra idea di bellezza, di perfezione e di armonia nelle relazioni. Sono immagini piene di quell’umanesimo che i nostri figli ci hanno rivelato e che ci ha reso sensibili per tutte le fragilità che presenta il nostro territorio.

Da questa idea nasce il progetto per la Fondazione, i cui interventi saranno rivolti e, qui sta il bello, non solo a chi ha una disabilità, ma anche a tutti coloro che vivono anche altri disagi: chi è senza un lavoro dignitoso, chi subisce la frustrazione che scaturisce dal volere avviare un’attività produttiva senza possedere i mezzi necessari o chi sente il bisogno di un’offerta culturale assente all’interno del territorio.

Le Fondazioni di Comunità sono strumenti privilegiati, in tal senso, perché espressione dell’Economia civile, di sviluppo partecipato, di condivisione di bisogni e, per questo, mezzi per favorire la coesione sociale, principi tanto in linea con il discorso di fine d’anno del Capo dello Stato.

E quel “bimbo vitruviano”, in qualche modo, li compendia tutti: la sua manina che non raggiunge il lato del quadrato, diversamente dall’originale in cui tutto è perfezione, indica il vuoto che può essere riempito da chiunque creda che, insieme, si possano raggiungere molti obiettivi, superare i limiti, spendersi per il Bene comune e, perché no, invertire le tendenze. Per approfondire e conoscere dove il calendario è disponibnile vi invito a visitare la pagina  www.facebook.com/vita21enna.

Marco Milazzo – ass.vita21enna@gmail.com

Guarda la Photogallery a cura di Antonio Di Natale

Cultura

Tremestieri: Premiqazione del concorso di poesia

Giuseppe Adernò

Published

on

Le giurie delle diverse sezioni: poesie, disegni, libro edito, coordinate dal Segretario del Premio, dott. Vincenzo Caruso, hanno esaminato gli elaborati presentati ed hanno stilato una graduatoria di merito.

La cerimonia di premiazione ha avuto luogo venerdì 7 gennaio  presso la Chiesa Madre di Tremestieri, con la partecipazione del Parroco, don Gaetano Sciuto e del Sindaco Santi Rando.

Sono stati premiati: Maricla Di Dio Morgano di Calascibetta; Angelo Battiato di Misterbianco; Rosa Maria Di Salvatore di Catania; Mariolina La Monica di Casteldaccia .La lettura delle poesie premiate, alcune lette dalla prof.ssa Milly Bracciante, ha consentito al pubblico di apprezzare  la ricchezza dei sentimenti espressi. “La poesia, parola dell’uomo ha la medesima dignità della parola di Dio, entrambe salvano”.

Per la sezione scuola secondaria di primo grado, con la partecipazione della presidente dell’UCIIM di Tremestieri, Agata Pennisi, hanno ricevuto il diploma di merito gli alunni della “Raffaello Sanzio” di Tremestieri: Viviane Crisalle, Andrea Gigante, Giorgia Chierieleison, mentre Rachele Mangano ha ricevuto Targa “Rosetta Zaita”: e  Giuseppe Felice la Targa “Cinzia Parisi”.

Ospite d’onore della XXXIII edizione è stato il prof. Marco Pappalardo, docente di lettere al Liceo “Maiorana-Arcoleo” di Caltagirone, scrittore e giornalista, autore di oltre trenta saggi di carattere educativo e agiografico.

Nel messaggio rivolto ai poeti premiati e ai ragazzi ha evidenziato l’impegno personale nel credere a ciò che si fa e nel testimoniare nella concretezza del quotidiano i valori irrinunciabili. La ricerca dell’essenziale diventa guida e garanzia di successo e di gratificazione personale.

Nel corso della manifestazione il presidente dell’UCSI di Catania, Giuseppe Adernò ha consegnato la Targa “Salvo Nibali” al direttore de “La Voce dell’Jonio”, Giuseppe Vecchio, il quale ha presentato una poesia sul Natale ed ha illustrato le finalità del settimanale diocesano di Acireale, che dà voce e notizie che aiutano a crescere nella ricerca del bene comune.

Continue Reading

Cultura

2022 nel segno di Falcone e Borsellino 30 anni dalle stragi

Giuseppe Adernò

Published

on

A maggio “Festival della legalità e della gioia”.

“Ancora capaci di non dimenticare” è lo slogan coniato dal Parlamento della legalità internazionale in preparazione agli eventi celebrativi delle stragi di Capaci (23 maggio 1992) e di Via D’Amelio (19 luglio 1922).

Il costante ricordo dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ha stimolato e guidato innumerevoli progetti di legalità che hanno reso gli studenti protagonisti attivi nella modifica del modo di pensare, di sentire e di agire il fenomeno  mafioso e la mentalità di ottenere tutto col minimo sforzo.

A gennaio è entrata in vigore la moneta di 2 euro con l’effige di Falcone e Borsellino

E’questo un omaggio della Zecca dello Stato ed un segno di particolare attenzione nei confronti degli uomini simbolo della lotta alla criminalità mafiosa.

Il disegno realizzato dall’incisore Valerio De Seta ripropone la celebre fotografia dei due giganti della lotta alla Mafia, sorridenti l’uno accanto all’altro, scattata da Tony Gentile proprio in quel 1992 prima di un convegno sui rapporti tra politica e malavita organizzata.

Per i tanti giovani studenti che non hanno vissuto quegli anni i loro nomi sono diventati “simboli” e icone degli “araldi e campioni di legalità”, lezione di vita e messaggio da tradurre nella prassi ordinaria di una vita rispettosa delle regole e attiva nella ricerca del bene comune

In casa Parlamento della Legalità Internazionale si cominciano a programmare le attività, invitando gli studenti che aderiscono alle “Ambasciate” a scrivere i loro pensieri, che saranno pubblicati nel volume con la copertina: “Capaci di non dimenticare”

Come hanno scritto i promotori, Nicolò Mannino e Salvo Sardisco, sarà “Un libro che inizia a dare armonia a tanti battiti di cuore, mentre dal Lazio, Basilicata, Campania, Puglia, Sicilia, già si fissano date e tappe per riaccendere la “speranza” e organizzare momenti di confronto con la partecipazione di magistrati, cantautori, uomini delle forze dell’ordine, principalmente tanti giovani pronti a dare il loro contributo perché questo XXX anniversario dalle stragi del ’92 abbia l’importanza che merita”

Nei giorni 20 e 21 Maggio a Monreale in occasione del “Festival della Legalità e della Gioia” è previsto il grande raduno nazionale delle Ambasciate con momenti musicali, confronti letterari e scambi di esperienze tra studenti di regioni diverse.

Una staffetta di giovani si recherà sulla tomba di Giovanni Falcone e in Via D’Amelio per esprimere affetto e gratitudine agli “Araldi della legalità”.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Cultura

Tremestieri, la premiazione del concorso di poesia

Giuseppe Adernò

Published

on

Giunto alla XXXIII edizione il Premio Natale di Tremestieri, organizzato dalla Parrocchia Chiesa Madre Santa Maria della Pace coinvolge ogni anno poeti, artisti, scrittori e studenti e diventa occasione e spazio per valorizzare i talenti.

Le giurie delle diverse sezioni: poesie, disegni, libro edito, coordinate dal Segretario del Premio, dott. Vincenzo Caruso, hanno esaminato gli elaborati presentati ed hanno stilato una graduatoria di merito. La cerimonia di premiazione avrà luogo venerdì 7 gennaio alle ore 19,30 presso la Chiesa Madre di Tremestieri, con la partecipazione del Parroco, don Gaetano Sciuto e del Sindaco Santi Rando.

Ospite d’onore della XXXIII edizione è il prof. Marco Pappalardo, docente di lettere al Liceo “Maiorana-Arcoleo” di Caltagirone, scrittore e giornalista.

Nel corso della manifestazione il presidente dell’Ucsi di Catania, Giuseppe Adernò consegnerà la targa “Salvo Nibali” al direttore de “La Voce dell’Jonio”, Giuseppe Vecchio

Continue Reading

In Tendenza