Caricamento

Digita per cercare

In Evidenza InSalute (Dott.E.Alagna)

Nel cuore delle Madonie le ceneri del Milocca Hotel e Resort

Enrico Alagna
Condividi

Mi recavo spesso in quei luoghi, durante l’inverno, con la mia famiglia; nei weekend di Gennaio, Febbraio. Eravamo numerosissimi, come tanti erano anche i rifugi presenti in quella zona, Piano Zucchi, nel cuore delle Madonie.

Oggi esistono solo gli scheletri di quelle strutture, le ossa e le ceneri. Fantasmi al posto dei turisti. Soggiornare a Piano Zucchi è quasi impossibile. Delle storiche strutture ricettive rimangono solo ricordi e calcinacci, foto sparse qua e là. La Montanina e il rifugio Orestano sono il simbolo di un territorio ricco di risorse, che però stenta a decollare, in attesa dell’agognato rilancio grazie ai nuovi impianti di risalita di Piano Battaglia.

A questi si aggiunge l’Hotel Milocca, situato in Contrada Piano Castagna a Castelbuono. Sul sito internet del Milocca Hotel e Resort vi sono ancora le immagini di come era, di come avremmo dovuto conservarlo, vi sono le indicazioni di come avremmo dovuto custodire un luogo che oggi cade a pezzi. Piante infestanti avvolgono l’edificio, lesionato in più punti e totalmente vandalizzato. All’interno lo spettacolo è ancora più triste: mobili distrutti, specchi e vetri in frantumi, sedie e poltrone sparse ovunque, termosifoni divelti. E ancora sanitari rotti o rubati, le porte sfondate, l’immondizia che ricopre il pavimento, i quadri elettrici manomessi e perfino un televisore vecchio modello che giace riverso per terra, un paio di scarpe di chissà chi, un materasso i cui lati sul pavimento esterno sono avvolti da un’erbetta, segno che la Natura in quei luoghi esiste ed è ancora viva.

L’edificio appare in più punti a rischio crollo. Alcune tende si agitano fuori dalle finestre come un richiamo alle famiglie che lo abitavano. All’interno dell’Albergo, un tempo, vi erano 52 camere e tre suite su cinque piani, per un totale di 115 posti letto, dotate di tutti i comfort. Sempre al suo interno trovava posto una completa struttura per la “cura” del corpo: un’attrezzatissima palestra, cabina sauna, vasca idromassaggio, e per gli amanti della musica anche una discoteca.

Insomma, il Milocca resort era un gioiello all’interno di un bosco incontaminato che avrebbe tutte le carte in regola per essere la meta preferita di turisti e visitatori ma che oggi, a chi ne varca l’ingresso, si presenta in tutt’altro modo.

Adesso la struttura sembra poter venir giù da un momento all’altro, con le finestre che si staccano sotto i colpi del vento. La struttura adesso è una cattedrale nel deserto.

Unica traccia di vita in quella che un tempo era la piscina del resort: due rospi che hanno scelto quel perimetro per costruirvi una dimora. Immersi in una fossa d’acqua putrida, stagnante, tra due salvagenti ed un carrello portavivande. A futura memoria, resistono anche i cartelli turistici presenti nella zona, che indicano ancora ai pochi passanti la presenza degli alberghi.

Si è tanto discusso di questo hotel negli anni. Dopo il suo abbandono si sarebbe dovuto trasformare in un’accademia della cucina, e invece oggi è un’accademia delle arti vandaliche.

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *