Connect with us

Cultura

“Ogni storia è una storia d’amore” D’Avenia racconta

Ivan Scinardo

Published

on

Teatro Biondo di Palermo gremito di giovani adolescenti che lo seguono ormai da anni. Lui, Alessandro D’Avenia, 40 anni,  sceglie come scenografia due ali di studenti che ironicamente richiamano la sua classe,  la sezione “A” del liceo classico Vittorio Emanuele e la sezione concorrente, la “B”. Per quasi 2 ore incolla alle poltrone quei ragazzi che lo hanno amato  nella lettura del suo romanzo d’esordio, “Bianca come il latte, rossa come il sangue” con oltre 1 milione di copie vendute e che dopo qualche anno diventerà anche un film prodotto da Rai cinema. Alla fine di questa “lezione dalla mente e dal cuore aperto”, il libro (pre-autografato): “Ogni storia è una storia d’amore” edito da Mondadori, va a ruba e  Alessandro D’Avenia, non trattiene la sua emozione iniziale per la dedica dello spettacolo alla madre in sala che proprio ieri compiva il compleanno. Il libro diventa dunque un nuovo racconto teatrale con la regia di Gabriele Vacis e il disegno illuminotecnico e sonoro di Roberto Tarasco. E così dopo aver raccontato Leopardi in tutta Italia, D’Avenia regala al pubblico una rilettura dei classici e non solo,  ossessionato dalla grande storia d’amore tra  Orfeo ed Euridice, nella elegante e al tempo stesso potente versione del poeta Ovidio. Davanti a lui, a bordo palco, 36 gomitoli di lana rossi, che con delicatezza tiene in mano dipanando i fili come facevano le antiche parche.  Il suo sguardo incrocia quello di giovani sul palco scelti a caso dalla platea pensando a un focolare con gli occhi in cielo a ammirare le stelle. Con lui una piccola scrivania in legno  con su il libro e un quaderno rosso; seleziona e narra  storie di donne che hanno provato ad amare artisti con esiti che vanno dal tragico della Elizabeth di Dante Gabriel Rossetti al comico della Giulietta di Fellini, dall’epico della Nadežda di Osip Mandel’štam al lirico della Fanny di Keats, dal cinematografico della Alma di Hitchcock al fiabesco della Edith di Tolkien. Lo spettacolo, gratuito, sta girando l’Italia e vale davvero la pena gustarselo come si fa con un libro di questo spessore.

(Nota dell’editore) L’amore salva? Quante volte ce lo siamo chiesti, avvertendo al tempo stesso l’urgenza della domanda e la difficoltà di dare una risposta definitiva? Ed è proprio l’interrogativo fondante che Alessandro D’Avenia si pone in apertura di queste pagine, invitandoci a incamminarci con lui alla ricerca di risposte. In questo libro incontriamo anzitutto una serie di donne, accomunate dal fatto di essere state compagne di vita di grandi artisti: muse, specchi della loro inquietudine e spesso scrittrici, pittrici e scultrici loro stesse, argini all’istinto di autodistruzione, devote assistenti, o invece avversarie, anime inquiete incapaci di trovare pace. Ascoltiamo la frustrazione di Fanny, che Keats magnificava in versi ma con la quale non seppe condividere nemmeno un giorno di quotidianità, ci commuove la caparbietà di Tess Gallagher, poetessa che di Raymond Carver amava tutto e riuscì a portare un po’ di luce nei giorni della sua malattia, ci sconvolge la disperazione di Jeanne Modigliani, ammiriamo i segreti e amorevoli interventi di Alma Hitchcock, condividiamo l’energia quieta e solida di Edith Tolkien. Alessandro D’Avenia cerca di dipanare il gomitolo di tante diversissime storie d’amore, e di intrecciare il filo narrativo che le unisce, in un ordito ricco e cangiante. Per farlo, come un filomito, un “filosofo del mito”, si rivolge all’archetipo di ogni storia d’amore: Euridice e Orfeo. Un mito che svolge la sua funzione di filo (e in greco antico per indicare “filo” e “racconto” si usavano due parole molto simili, mitos e mythos) perché contempla tutte le tappe di una storia d’amore, tra i due poli opposti del disamore (l’egoismo del poeta che alla donna preferisce il proprio canto) e dell’amore stesso (il sacrificio di sé in nome dell’altro). Ogni storia è una storia d’amore è così un libro che muove dalla meraviglia e sa restituire meraviglia al lettore.

Cinema

Premio Ermanno Olmi – 3ª edizione La serata di premiazione

Ivan Scinardo

Published

on

La serata finale della terza edizione del Premio Ermanno Olmi, destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi, si svolgerà il 2 dicembre in Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo a partire dalle 19.30.

Durante al serata saranno proiettate le 4 opere finaliste del concorso e la giuria, composta da Emanuela Martini (critico cinematografico), Annamaria Materazzini (Bergamo Film Meeting Onlus), Cecilia Valmarana (responsabile RaiMovie), Giuseppe Previtali (docente di cinema presso l’Università degli Studi di Bergamo) e Sara Luraschi (regista) assegnerà il Premio Ermanno Olmi e la menzione speciale all’opera più significativa che riflette sulla necessità di salvaguardare la Terra, tema oggi attualissimo e sempre caro al regista, che lo ha celebrato anche nel cortometraggio Il Pianeta che ci ospita, presentato in occasione di Expo 2015.

Alle 21.15 il Maestro Ermanno Olmi verrà omaggiato con la proiezione del film Il tempo si è fermato nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna, lungometraggio di esordio dell’allora ventottenne regista bergamasco costruito sui piccoli fatti quotidiani, sui gesti, i sorrisi, le mezze frasi, e sul difficile rapporto tra l’uomo e la montagna, e premiato nel 1959 con la Gondola d’oro alla X Mostra Internazionale del film documentario di Venezia.

I finalisti della terza edizione del Premio Ermanno Olmi

Continue Reading

Cultura

ADVS FIDAS premia i donatori di sangue settantenni

Giuseppe Adernò

Published

on

DA 70 ANNI DONATORI DI SANGUE

Nella splendida sala del Consiglio Comunale al Palazzo degli Elefanti ha avuto luogo il 25 novembre la cerimonia di consegna degli attestati a 15 donatori di sangue che hanno compiuto 70 anni e hanno cessato la missione di “donatori”.

Il loro lodevole esempio è stato apprezzato e riconosciuto come stimolo e modello di vera solidarietà e di concreta applicazione della cultura del dono.

La manifestazione, promossa dal Cav. Salvatore Caruso, presidente dell’ADVS-Fidas (Associazione Donatori Volontari di Sangue) in collaborazione con il Servizio Trasfusionale dell’Ospedale Garibaldi e con il patrocinio del Comune di Catania.

La manifestazione, nella celebrazione della straordinarietà del gesto, (la donazione è consentita fino all’età di 65 anni) ha sancito il doveroso riconoscimento ai donatori di sangue settantenni per il loro servizio di solidarietà generoso, gratuito e periodico, promozione della cultura del dono  servizio della comunità cittadina.

Dopo il saluto di accoglienza del presidente del Consiglio, Giuseppe Castiglione, nel messaggio augurale ai donatori il dott. Nuccio Sciacca direttore del Centro Trasfusionale dell’Ospedale “Garibaldi”, ha evidenziato l’importanza della donazione del sangue, servizio che non ha subito pause durante la pandemia e che merita di essere sempre più sostenuto e diffuso tra i giovani il dott, Enzo Caruso, dirigente Medico dell’ADVS-Fidas, ha valorizzato lo spirito di donazione dei premiati e ne ha apprezzato la generosa fedeltà e costanza; il presidente della sezione ANCRI di Catania (Associazione nazionale degli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica), Gr. Uff. Giuseppe Adernò, ha fatto riferimento alla scelta del Presidente della Repubblica, presidente dell’OMRI, il quale nel suo settennato ha privilegiato premiare i cittadini volontari e generosi modelli di solidarietà che sono distinti per il loro impegno di servizio pubblico e per il bene comune.

Sono intervenuti alla cerimonia la presidente regionale Fratres. Palmina Liliana Dipasquale; la dirigente del Centro regionale sangue dell’Assessorato alla Salute Luisa Ventura ed Elvira Amato in rappresentanza dell’Atog (pazienti con talassemia dell’ospedale Garibaldi)

I 15 donatori premiati: Gaetano Valenti, Franco Torrisi, Luigi Zappalà, Salvatore Contarino, Nunziatina Spanò, Antonino Rapisarda, Augusto D’Urso, Alberto Pesce, Antonina Palazzo, Vito Di Guardo, Salvia Tindaro, Carmelo Guarrera, Salvatore Scalia, Maria Nicosia, Alfio La Torre hanno testimoniato nel concreto, con il servizio della donazione del sangue il loro stile di vita di “essere un dono per gli altri”.

Il loro esempio sia imitato dai giovani e la cultura della donazione del sangue divenga una prassi ordinaria di cittadinanza nel costruire il bene comune e assicurare salute e benessere per tutti.

Continue Reading

Cultura

Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica

Giuseppe Adernò

Published

on

Nell’auditorium del Centro Direzionale Nuovaluce della Città Metropolitana si è svolta il 30 novembre la solenne e sobria cerimonia della consegna delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica concesse con decreto del Presidente della Repubblica del 2 giugno 2021 a coloro che si sono distinti per meriti verso la Nazione

Hanno ricevuto il riconoscimento di “Cavaliere Ufficiale” il Dott. Giuseppe Corrado Agosta funzionario direttivo della Procura della Repubblica, servizio Polizia Giudiziaria, N.I.L (Nucleo Ispettorato Lavoro), figlio del Maresciallo Maggiore dei Carabinieri Alfredo Agosta, ucciso dalla criminalità organizzata a Catania il 18 marzo 1982, al quale è intitolata l’Associazione Nazionale Antimafia ed il Ten. Col. Ottavio Chiarenza

Sono stati nominati “Cavalieri” il Dott. Antonio La Ferrara, presidente dell’associazione “Futurlab, costruiamo il futuro, il Col. CC SPE Piercarmine Sante Sica e il Sig. Gianfranco Truglio.

È stata consegnata al C.le Magg. Ca. Sc. VSP Sig. Davide Giovanni Grasso del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” di Catania la medaglia di “vittima del terrorismo” concessa con Decreto del Presidente della Repubblica in data 7 luglio 2021.

Nel corso della cerimonia, introdotta dal Sindaco di Catania e della Città Metropolitana, Salvo Pogliese, alla presenza delle Autorità civili, militari e religiose,  il Prefetto Maria Carmela Librizzi ha sottolineato come il riconoscimento dell’Ordine al Merito è segno di una provata “cittadinanza attiva e responsabile,  tappa di un percorso d’impegno e di dedizione al bene comune”, che continua nella testimonianza e nell’esempio nei confronti delle giovani generazioni.

Alla cerimonia hanno partecipato 12 piccoli violinisti della scuola “Malerba” accompagnati dalla Dirigente Scolastica, Agata Pappalardo, dalla maestra Maria Antonietta Giangrasso

Diretti dalla docente di musica M° Emilia Belfiore i piccoli violinisti hanno eseguito l’Inno d’Italia e brani de “La vita è bella” per salutare “gli eroi del quotidiano”.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

In Tendenza