Connect with us

In Evidenza

Piccolo fiore, monologo sull’essenza dell’attore

Ivan Scinardo

Published

on

La scena

La scena si apre con l’ultimo spettacolo di Fiorenzo; applausi e poi buio in sala. Lo stesso buio che prova dentro chi cade nella depressione. Per l’attore forse è ancora peggio, perché quando si spengono i riflettori è come scivolare in un pozzo oscuro e senza fondo. La luce si fa più fioca mentre il pozzo diventa sempre più profondo ed oscuro. La bravura di un attore si misura quando riesce a fare piangere e ridere il pubblico.

Il debutto

La prima assoluta  di “Picccolo Fiore” produzione del teatro Ditirammu di Palermo, andata in scena nel suggestivo teatrino di Spazio Franco realizzato da Babel  ai Cantieri culturali alla Zisa, ha fatto registrare il tutto esaurito. One man show, mattatore assoluto l’attore di cinema e teatro il palermitano Rosario Terranova.

Piccolo fiore

Tutto nasce da un ricordo, quello della regista Elisa Parrinello, che quando era bambina, l’indimenticabile Vito, suo padre, le fece ascoltare la canzone di successo Piccolo fiore, cantata dai Teppisti dei sogni nel 1975. Il testo della canzone faceva:”…piccolo fiore dove vai, perché vai in giro per il mondo, se ti fermassi solo un momento, ti accorgeresti che c’è qualcuno,
qualcuno che ti vuole amare..” Difficile non amare questa performance messa in piedi in soli 15 giorni, con una drammaturgia ancora da migliorare ma con l’efficacia da parte di Elisa di avere scelto l’attore giusto.

Rosario Terranova

Rosario tiene la scena per quasi due ore portando lo spettatore dove lui vuole, (sagge parole di un tempo di Ignazio Buttitta). E così si alternano momenti di sonore risate, con le incursioni macchiettistiche infarcite  di  frasi comuni dialettali a momenti di intensa recitazione, annebbiata dal male oscuro che spinge il monologo a un momento in cui l’attore decide di farla finita avvelenandosi. Si accascia sulla scrivania e rinviene urlando la frase “neanche a Hollywood riescono a simulare una morte cosi”. Ci sono momenti nello spettacolo in cui Terranova assume la risata di Joker, uno dei tratti più memorabili e agrodolci del film. Come Joaquin Phoenix, l’attore che interpreta Arthur Fleck (poi ribattezzato Joker) anche lui ha lavorato molto sui muscoli facciali ottenendo un indubbio impatto sul pubblico. Ci ricorda la frase:  “La mia risata vi farà piangere”.

La mia risata vi farà piangere

Scavando in profondità in questo apprezzabile  lavoro di Elisa Parrinello con i testi di Salvo Rinaudo, estratti dalla raccolta di storie vere “I topi non avevano nipoti”, viene in mente l’indimenticato attore, Robin Williams, premio oscar con il film Will Hunting, morto suicida proprio a causa della depressione. Chi lo direbbe mai che all’apice del successo, inizia un lento declino che porta gli artisti alla solitudine e ai pensieri di morte. E quante volte gli attori, quelli che ci credono veramente nella professione, sentono dire in primis dai genitori e  dalla gente “ma che lavoro fai?” Terranova è bravo a interpretarlo questo malessere, facendosi portavoce di una categoria che meriterebbe maggiore rispetto e autorevolezza. La scena del provino è quello più emblematica, quando si conclude sempre con la frase “le faremo sapere” che il protagonista ritrova anche da morto. E quando tutto sembra irrimediabilmente compromesso, arriva spesso la svolta con uno squillo di telefono. Non a caso torna la luce diretta a illuminare il buio intorno. (Foto di copertina Peppe Scozzola)

 

Continue Reading
1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Mille Steensen

    12 Gennaio 2020 at 15:10

    Il teatro ispirato dalla Storia della nostra terra. Ulderico Pesce ripropone, nel borgo lucano sulla valle del Sauro “Enotro da Guardia Perticara all’Italia”, lo spettacolo basato sulle scoperte archeologiche dell’area e le leggende locali. Un’intensa Eva Immediato e Siri. La Principessa – figlia di Enotro – ritrovata nella tomba numero 69 della necropoli di Guardia Perticara. Il suo abbigliamento e lo stesso con cui era stata sepolta. L’abito da sposa ornato da monili di ambra e bronzo, con un copricapo e una larga cintura, visibile su un manichino al Museo della Siritide di Policoro. Siri – si immagina nello spettacolo – che avrebbe dovuto sposare il greco suonatore di arpa Melanippe, mori’ nel giorno del matrimonio. Il suo corpo giace nelle acque del Sauro, in cui amava bagnarsi e giocare. Una storia basata sulle risultanze archeologiche del ritrovamento enotrio piu importante del sud, di cui Guardia era capitale. Voce narrante di questa antica civilta pre greca – che risale al XVII secolo a. C. – e un pastore al servizio del re Enotro – interpretato da Ulderico Pesce – testimone del cambiamento nella storia, nella civilta, nell’arte. L’Enotria aveva anche una regina, qui con un abito rosso – violaceo a simboleggiare la ricchezza delle viti e della produzione del vino, per cui i greci – arrivati sulla costa ionica nel VII secolo avanti cristo chiamarono questo lembo di terra oi notria, terra del vino. sulla scena e Lara Chiellino. Enotro ha anche un figlio, Italo innamorato di Siri. Non corrisposto va via per fondare l’Italia, come si legge nell’Eneide. Uno spettacolo che fa rivivere un pezzo di storia. Ancora piu suggestivo nella piazza del piccolo borgo, che fu al centro di queste vicende

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Al «Meli» di Palermo lezione di legalità con Giuseppe Antoci

Giuseppe Adernò

Published

on

Il Liceo Classico “Giovanni Meli” di Palermo, dove si è diplomato il magistrato Paolo Borsellino, da 40 anni è impegnato in iniziative che favoriscono e stimolano la cultura della legalità ed un concreto impegno «etico» per la costruzione di una società migliore.

In occasione della giornata della legalità lo scorso maggio, ha riunito gli studenti di 60 scuole e cinque università da tutta Italia che in collegamento diedero vita al convegno «Il mutamento della mafia e le Terre Liberate» al quale ha partecipato il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, il comandante del Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri, generale Pasquale Angelosanto, e la ministra degli Interni Luciana Lamorgese, e a conclusione dei lavori è stato ricordato l’attentato mafioso che, ha colpito il 18 maggio 2016, Giuseppe Antoci e gli uomini della sua scorta.  La mafia dei pascoli è uno dei tanti aspetti della galassia della malavita, che oggi ha ridimensionato i segni esteriori di violenza sanguinaria, che ha caratterizzato la stagione delle stragi ed  ora, quasi in atteggiamento silenzioso e riservato, ha indossato il vestito del commercio della droga e degli investimenti economici di palazzi, negozi, aziende, imprese, cogliendo l’occasione della crisi economica determinata dalla pandemia Covid-19

Per dare un segnale chiaro a tutta la comunità del “Meli” e al tutto il territorio, e consolidare il processo di formazione di cittadini responsabili che vivano ogni giorno all’insegna della legalità, la Dirigente Scolastica. Cinzia Citarrella, ha invitato per l’inaugurazione dell’anno scolastico il Cav. Giuseppe Antoci e la sua testimonianza, essendo stato coinvolto in un attentato mafioso ha rilanciando un messaggio forte d’impegno e di cultura.

“Voi giovani non siete il futuro ma il presente del nostro Paese – ha detto Antoci agli studenti – agite con la consapevolezza di poter cambiare le cose e vedrete che le cose cambieranno. Fidatevi, ritagliatevi ognuno un pezzetto di responsabilità e soprattutto schieratevi dimostrando da quale parte stare. Ricordatevi che le persone perbene ed oneste siamo più numerosi dei mafiosi e disonesti, dobbiamo solo unirci e fare squadra.

Essere studenti del Liceo nel quale Polo Borsellino si diplomò e nel quale tanto s’impegnò da giovane studente scegliendo da subito da che parte stare, costituisce una lezione forte che v’impegna a camminare con la schiena dritta e a testa alta”.

La classe IIIB, è stata inserita tra i vincitori del progetto «Un giorno in Senato» bandito da Palazzo Madama e dal Ministero dell’Istruzione ed i ragazzi che hanno vinto il concorso, vivranno un’ulteriore esperienza formativa vivendo una giornata in Senato.

Il liceo «Meli» in piena «seconda guerra di mafia» che insanguinò le strade di Palermo, ebbe il coraggio di organizzare il 21 febbraio del 1984, al Teatro Politeama un evento nazionale per dire no ai boss a cui parteciparono migliaia di eventi e che fu aperta dai saluti dell’allora presidente della Repubblica, Sandro Pertini, e del presidente della Commissione parlamentare antimafia, Abdon Alinovi. Parteciparono i rappresentanti studenteschi di 35 istituti superiori che dettero un segnale forte di dissenso alla violenza di Cosa nostra.

Continue Reading

Cultura

All’Istituto John Dewey un robot come compagno di classe

Giuseppe Adernò

Published

on

I 17 bambini dell’Istituto John Dewey, scuola green, ad indirizzo internazionale, con la divisa bianca a blu, il primo giorno di scuola hanno  conosciuto un compagno speciale: il robot Nao, che ha dialogato con loro, dicendo di avere 12 anni,  di essere stato costruito e di saper fare tante cose: camminare, parlare, ballare.

Con la guida di Daniele e Marco Lombardo il piccolo robot ha risposto alle curiosità dei bambini, preferisce il colore rosso,  e come i suoi “fratelli” Pepper e Milo è appassionato di calcio. Inoltre ha promesso che ogni mese tornerà a scuola per  farsi raccontare  dai bambini cosa hanno imparato durante le lezioni in classe e all’aperto, quasi una verifica che assumerà la valenza di gioco e di dialogo con il robot.

I piccoli in classe hanno trovato il dono del libro ”Il mondo ti appartiene” di Kobi Yamada e Gabriella Barouc, Il quaderno delle conquiste ed insieme alla maestra Federica hanno preparato la “capsula del tempo” che contiene la foto di classe, il primo disegno che documenta le emozioni del primo giorno di scuola ed un nastrino dell’altezza di ogni bambino. La capsula, al termine della giornata scolastica, alla  presenza dei genitori, è stata interrata nel giardino della scuola e sarà ripresa al termine della quinta elementare e  registrerà la crescita  avvenuta.

La prossima settimana la giornata scolastica sarà più completa, fino alle ore 17, con 12 attività in lingua   inglese,  lezioni in tedesco e spagnolo con docenti madrelingua ed il pranzo biologico.  Una scuola da sogno, che man mano si avvera.

Giad

Continue Reading

Cultura

Gran  galà della legalità, La mafia non conviene

Giuseppe Adernò

Published

on

, formulato dall’associazione Viva Voce Social con la guida di Valeria Cinzia Barbagallo,  ha presentato un’immagine di fantasiosa ed elegante sfilata di personaggi, autori di libri, esperti in specifici problemi che riguardano la famiglia, i minori e la società.

L’abito di festa della legalità, che avrebbe dovuto attirare l’attenzione per la preziosità delle stoffe e degli ornamenti, in questo Gran galà ha presentato l’immagine della verità reale, quasi il vestito di cenerentola prima del grande ballo, con tanti strappi e toppe inadeguate.

La lettura della legalità oggi, presentata dagli illustri magistrati: Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica di Catanzaro; Sebastiano Ardita, componente togato del CSM; Pasquale Pacifico della procura di Caltanissetta, l’avv. Antonio Ingroia, l’ispettore Alessandro Scuderi, il giornalista Lirio Abbate dell’Espresso, ha messo in luce il volto della nuova mafia, che opera in taglio basso, nascosta e quasi invisibile.

La mafia oggi ha cambiato il vestito della forza, della potenza, della violenza sanguinaria indossato durante la stagione delle stragi ed ha ritagliato la sua sempre dinamica presenza nel silenzio della ribalta, immersa nel fiume carsico degli affari e dell’economia, attingendo alla cassaforte d’oro della droga e protesa agli investimenti di negozi, bar, ristoranti, immobili, ribaltando il negativo e difficile momento di crisi determinato dalla pandemia Covid-19 in un positivo sviluppo e facile guadagno.

Il welfare mafioso è oggi guidato dal latitante Matteo Messina Denaro, per il quale l’avv. Ingroia, provocatoriamente, si è offerto come legale, se questi decidesse di collaborare con la Giustizia.

La lettura del passato rimane ancora coperta dai misteriosi segreti che nascondono la verità dei fatti ed accanto ai “pentiti di Mafia”, che hanno consentito di scoprire i mandanti di alcune stragi, restano misteriosamente assenti i “Pentiti di Stato”, coloro che hanno gestito gli intrigati rapporti Stato-Mafia, come appare evidente da una molteplicità di coincidenze, dalle quali sono scaturite le stragi e le morti di magistrati, militari e civili, insanguinando le strade della Sicilia con le innumerevoli “vittime di mafia”.

Nel libro “Ad un passo da ProvenzanoGiampiero Calapà, giornalista de “Il fatto quotidiano” ricostruisce la storia dell’uccisione di Luigi Ilardo con evidenti segni di connivenza e depistaggi da parte degli “assassini di Stato” che ancora non si pentono e restano impuniti nell’ombra.

Il vestito della legalità appare ancor più fragile e logoro, pronto allo strappo, come afferma il Procuratore Gratteri, quando entrerà in vigore la norma dell’improcedibilità, per il superamento dei termini di durata dei giudizi d’impugnazione, punto cruciale della riforma Cartabia, con la conseguenza che, creando le condizioni per cui una domanda giudiziale non può aver corso a causa dell’inosservanza di prescrizioni della legge processuale, si limiterà il sovraffollamento delle carceri, ma usciranno fuori dal carcere tanti mafiosi, colpevoli di delitti e di malefatte, e la “giustizia” non sarà più raffigurabile come la “donna forte con la bilancia”.

Andrà ad accrescersi la disaffezione dei cittadini dai valori della legalità, non sentendosi tutelati dalla magistratura, e continuerà sempre più l’emergenza mafia, anche se di colore diverso e con un volto apparentemente pulito, a volte anche protagonista di segni di benevolenza e di solidarietà.

All’eventuale dubbio circa la convenienza della mafia, il presidente Sergio Mattarella il 23 maggio nel ricordo della strage di Capaci, ha invitato tutti a “fare delle scelte” ad indicare “da quale parte stare” e gli studenti di diverse scuole della Sicilia che hanno partecipato al Gran Galà hanno già deciso e ne sono convinti.

L’incontro si è finito con la consegna del “Leone della legalità” che il Sindaco di S Agata Li Battiati. Marco Nunzio Rubino, con una delegazione comunale, ha consegnato al procuratore Nicola Gratteri, magistrato e saggista, per il suo tenace impegno di promozione tra i giovani della cultura della legalità, che non è solo un dovere civico, ma uno stile di vita.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

In Tendenza