Connect with us

Famiglia

Femminicidio e maschicidio

Ivan Scinardo

Published

on

C’è un fenomeno che rischia di aumentare in maniera esponenziale, è il “Maschicidio”,  la tendenza da parte delle donne a prevaricare sull’uomo anche con casi di violenza eclatanti. Ne ha parlato nel corso di un seminario, riservato ai giornalisti, all’università Kore di Enna, la criminologa Iva Marino. Invitata dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, Riccardo Arena e dal segretario provinciale dell’Assostampa di Enna,  Josè Trovato, l’esperta in scienze forsensi, si è soffermata a lungo sui fatti dell’attualità,  circumnavigando sul tema: “casi di violenza alle donne,  i limiti della notizia”. La premessa appare quasi scontata, vivamo in una società narcisistica, dove è esplosa una multiculturalità, che spesso sfocia in violenza per mancanza di rispetto verso l’altro. Il narcisisimo, duque, declinato in tutti i suoi aaspetti, da quello più innocuo, definito anche sano, con atteggiamenti che non danneggiano gli altri al narcisisimo patolologico.  La donna come proprietà privata da parte dell’uomo. “Il  femminicidio, ha detto la crimonologa, è sempre frutto di un narcisisimo patologico che si instaura nell’ambito di una relazione perversa. Il profilo dell’uomo che esercita violenza sulla donna è stato ampiamente  studiato su un piano multidisciplinare dalla vittimologia, dalla crimonologia e dalla psicologia. Non è un caso che negli ultimi anni si siano iscritte migliaia di donne alla facoltà di Psicologia di Enna con l’obiettivo di fare nella vita  le criminologhe. Alla domanda da parte di un giornalista in sala, sul perchè questo interesse attorno alla materia, la crimonologa ha risposto che c’è sempre stata l’attrazione verso il male, e si richiama al fenomeno osservato dagli  psicologi sociali denominato: “effetto finestra sul cortile”, tral’altro ampiamente teorizzato nel libro, “Il fascino del male” da Alessandro Meluzzi. “C’è quasi sempre indifferenza emotiva nell’uomo che esercita una violenza; tenta continuamente  di confondere la vittima,  disorientarla,  magari dismostrandosi a volte gentile ma poi irrimediabilmente violento”. La criminonologa ha parlato di dominio, sopraffazione , sindrome ossessivo – comulsiva. I criminolgi da qualche anno a questa parte studiano non solo la vittima, ma anche  gli uomini che esercitano violenza.  Esiste infatti il  C.A.M., acronimo di:  Centro – ascolto –  uomini maltrattanti, un luogo dove  si cerca di recuperare alla vita normale  recupearti gli uomini  che hanno usato violenza sulle donne. La lezione sul femminicidio è servita ai giornalisti anche a ripercorrere molti titoli di giornali sbagliati, ripercorrendo gli omicidi eclatanti di Sara Scazzi, Samuele Lorenzi, Meredith Kercher, con messaggi a volte  diseducativi. Da qui l’invito della professoressa Marino a evitare gli stereotipi e le frasi fatte come “amore perverso, follia d’amore, I media hanno l’obbligo di  portare avanti una battglia che sia prima di tutto culturale, da qui il concetto di mediatizzazione, ossia quel complesso ruolo di avvicinamento/ distanziamento che i media esercitano da sempre nelle società cui appartengono. Durante il seminario si è parlato anche del decorso giudiziario di molti processi  influenzati dai media. L’esperta in scienze forensi ha poi affrontato il tema della “Alessitimia” come un disturbo che consiste in un deficit della consapevolezza emotiva, palesato dall’incapacità di riconoscere e descrivere  i propri e gli altrui stati emotivi. Viene attualmente considerato anche come un possibile deficit della funzione riflessiva del Sé. Per la crimonologa oggi è più che mai fondamentale curare e prevenire i fenomeni. Un accenno anche alla droga da stupro, sostanze ipnotiche che possono essere inserire nel cibo o nell’alcool e provocare un totale perdita di memoria da parte della vittima. Il seminario si è concluso con degli interrogativi da parte della professionista che ha ricordato a se stessa di ricercare sempre la verità;  rivolgendosi ai giornalisti ha chiesto: Esiste una morale dei giornalisti? Come cambianno i valori della deontologia profesisonale? Il dibattito è aperto.

foto 3 foto 2 foto 1

Cultura

Covid-19 e bambini. “Bonus psicologo” non accordato

Giuseppe Adernò

Published

on

Lunedì 17 gennaio anche in Sicilia riapriranno le scuole dopo la prolungata pausa delle festività natalizie, che ha creato non pochi problemi.

Si registra che la variante Omicron provoca effetti e sintomi lievi sui bambini di età inferiore ai 5 anni e secondo lo studio condotto negli Stati Uniti che ha coinvolto circa 80.000 bambini contagiati dal Covid la variante Omicron è “intrinsecamente lieve”, con un’infezione che provoca “effetti significativamente meno gravi” rispetto alla variante Delta, Tra i bambini contagiati da Omicron, circa l’1% ha avuto bisogno del ricovero.

Le ansie e le preoccupazioni dei genitori, dei docenti e dei dirigenti che devono organizzare la complessa macchina della ripresa delle lezioni, sono di enorme quantità.

Molti bambini e adolescenti vivono una fase di crescente incertezza che genera in loro ansia e depressione e spesso anche le preoccupazioni trasmesse dai genitori contribuiscono a far crescere il desiderio di rimanere a casa e sentirsi protetti e “al sicuro”.

Tale sintomo definito: “ritiro sociale”, come spiega Maria Pontillo, psicologa e psicoterapeuta dell’unità operativa complessa di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, fa registrare gli effetti a lungo termine del periodo di isolamento e di chiusura delle scuole.  Nel 2021, è stata registrata una percentuale di diagnosi per depressione pari al 70% sul totale delle richieste di visita neuropsichiatrica urgente.

Il senso di smarrimento in adolescenza è uno dei primi fattori di rischio per le condizioni ansiose-depressive.

Molti bambini manifestano un aumento dell’ansia, hanno paura di separarsi dai genitori per il timore che si possano ammalare di Covid e non dormono più da soli.

A queste manifestazioni si aggiunge la gravità di alcuni casi particolari quando gli stessi genitori presentano disturbi psicologici, aggressività o violenza.

Molti genitori si sono trovati a dover affrontare la funzione genitoriale in maniera non supportata dalla scuola. Si sono sentiti soli davanti ai cambiamenti e incapaci a gestirli.

La psicoterapeuta Michela Pensavalli, coordinatrice dell’ Istituto di terapia cognitivo interpersonale (Itci) di Roma. ha evidenziato come nel nostro Paese “manca la cultura del benessere psicologico” e la proposta di inserire nella manovra finanziaria 2022   il “bonus psicologo” di 50 milioni è stata bocciata in Parlamento.

Ci si preoccupa tanto dei tamponi e dei vaccini e si trascura la salute mentale, “cenerentola della sanità”, mentre, la cultura del benessere psicologico è centrale per la vita di ogni persona e di ogni famiglia.

La scuola ha il compito di riconquistare non solo la funzione didattica, ma principalmente quella di qualificata “agenzia educativa”, capace di contribuire alla formazione integrale della persona, uomo, cittadino.

Giuseppe Adernò

 

Continue Reading

Cultura

Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica

Giuseppe Adernò

Published

on

Nell’auditorium del Centro Direzionale Nuovaluce della Città Metropolitana si è svolta il 30 novembre la solenne e sobria cerimonia della consegna delle Onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica concesse con decreto del Presidente della Repubblica del 2 giugno 2021 a coloro che si sono distinti per meriti verso la Nazione

Hanno ricevuto il riconoscimento di “Cavaliere Ufficiale” il Dott. Giuseppe Corrado Agosta funzionario direttivo della Procura della Repubblica, servizio Polizia Giudiziaria, N.I.L (Nucleo Ispettorato Lavoro), figlio del Maresciallo Maggiore dei Carabinieri Alfredo Agosta, ucciso dalla criminalità organizzata a Catania il 18 marzo 1982, al quale è intitolata l’Associazione Nazionale Antimafia ed il Ten. Col. Ottavio Chiarenza

Sono stati nominati “Cavalieri” il Dott. Antonio La Ferrara, presidente dell’associazione “Futurlab, costruiamo il futuro, il Col. CC SPE Piercarmine Sante Sica e il Sig. Gianfranco Truglio.

È stata consegnata al C.le Magg. Ca. Sc. VSP Sig. Davide Giovanni Grasso del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” di Catania la medaglia di “vittima del terrorismo” concessa con Decreto del Presidente della Repubblica in data 7 luglio 2021.

Nel corso della cerimonia, introdotta dal Sindaco di Catania e della Città Metropolitana, Salvo Pogliese, alla presenza delle Autorità civili, militari e religiose,  il Prefetto Maria Carmela Librizzi ha sottolineato come il riconoscimento dell’Ordine al Merito è segno di una provata “cittadinanza attiva e responsabile,  tappa di un percorso d’impegno e di dedizione al bene comune”, che continua nella testimonianza e nell’esempio nei confronti delle giovani generazioni.

Alla cerimonia hanno partecipato 12 piccoli violinisti della scuola “Malerba” accompagnati dalla Dirigente Scolastica, Agata Pappalardo, dalla maestra Maria Antonietta Giangrasso

Diretti dalla docente di musica M° Emilia Belfiore i piccoli violinisti hanno eseguito l’Inno d’Italia e brani de “La vita è bella” per salutare “gli eroi del quotidiano”.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Cultura

Giulia d’Asta quinto sindaco dei ragazzi

Giuseppe Adernò

Published

on

AGATA LI BATTIATI. Giulia D’Asta (nella foto), alunna della classe quinta B, dell’Istituto “S. Maria della Mercede” è stata eletta quinto sindaco della scuola. Il progetto, proposto dal preside Giuseppe Adernò, coordinatore dei Consigli dei Ragazzi, da alcuni anni fa parte integrante dell’offerta formativa dell’istituto. Progetto ben accolto dal collegio dei docenti, ha entusiasmato anche i genitori, lieti della significativa opportunità offerta ai ragazzi di fare l’esperienza dell’esercizio elettorale, esprimendo la personale preferenza al programma proposto e scegliendo il candidato da eleggere.

Con diligente impegno le maestre di classe: Marilena Indelicato e Antonella Menne, hanno coinvolto i bambini delle classi terze, mentre tra gli alunni delle classi quarte e quinte sono stati scelti i quattro candidati a sindaco: Leonardo Cinardi, Giulia D’Asta, Luigi D’Arrigo, e Federico Licciardello e gli undici  candidati a consiglieri.

Sono state composte due liste con i motti, una: “Tutti insieme per una scuola migliore” e l’altra “La scuola come bene condiviso”.

Molto coinvolgenti sono stati i programmi elettorali presentati ed esposti nei cartelloni a scuola e in classe nel rispetto delle norme Covid-19. 

Tra le attività proposte sono ricorrenti: l’organizzazione di una mostra d’invenzioni artistiche dal titolo “Archimede”, gare sportive e mini Olimpiadi; lezioni all’aperto, attività di giardinaggio, di riciclo creativo ed il giornalino scolastico, dal titolo “Diritti e Doveri”, tema didattico dell’anno.

Dall’esito delle elezioni, 82 votanti, 5 schede nulle, 39 preferenze alla prima lista e 38 alla seconda lista, il quinto Consiglio comunale dei ragazzi è costituito da Pietro Ruggeri, Benedetta Gulizia, Davide Lombardo e Maria Pia Sapienza della lista di maggioranza; da Davide Sanfilippo, Giorgia Petrillo e Giulia Giunta della lista di minoranza.

L’esito delle elezioni è stato comunicato dal Preside Adernò e dalla Direttrice Lina Di Caro nel cortile dell’Istituto nel rispetto delle norme di prevenzione del contagio ed è stato annunciato come primo progetto del neo sindaco la realizzazione di lavori creativi con materiale di riciclo anche per addobbare l’albero della Prefettura il prossimo 7 dicembre.

L’insediamento del nuovo CCR avrà luogo con la cerimonia di giuramento, prevista presso la sala consiliare del Comune di S. Agata Li Battiati e in quell’occasione la neo sindaco indosserà ufficialmente la fascia tricolore.

Seggio elettorale Scheda azzurra per eleggere i Consiglieri, scheda gialla per il Sindaco

Continue Reading

In Tendenza