Connect with us

Cinema

La spiritualità dell’Africa nel film di Pasquale Scimeca

Ivan Scinardo

Published

on

L’immagine di Amin seduto sulle rotaie del treno con il pallone scoppio è una delle più struggenti dell’ultimo lavoro filmico del regista di Aliminusa Pasquale Scimeca. L’anteprima al cinema Gaudium di Palermo ieri sera ha toccato momenti di grande emozione quando a fine film, dopo averlo visto al centro sala con accanto padre Giuseppe della Missione speranza e Carità, l’arcivescovo di Palermo, Monsignor Corrado Lorefice ha ricordato la sua esperienza di missionario in Congo nel 1990. Balon è un dono e ci fa ricordare quanto sia stupendo il continente africano, dove l’uomo bianco purtroppo ed è triste ricordarlo, ha saccheggiato tutto. E la ripete per ben due volte Scimeca la storia di un bimbo di un villaggio della Sierra Leone che dopo avere ricevuto una carezza è scoppiato in un pianto di paura, per quel colore della pelle, bianca, che l’innocente non aveva mai visto. Il film si apre con una preghiera in una moschea improvvisata, piena di mosche e polvere di un villaggio dell’Africa sub-sahariana, identico ad altri migliaia. La preghiera è una costante quasi un viaggio mistico che fa il regista con la sua troupe ridotta, coordinata dalla produttrice Linda Di Dio. Come tutte le terre straordinarie e affascinanti ci sono tante contraddizioni in Africa e l’autore riesce molto bene a raccontare. I pensieri e le emozioni si fondono e diventano preghiera, scanditi da lunghi silenzi  con un sonoro di sola presa diretta.  È un fiume in piena Scimeca nella parte di presentazione del film, assieme al dirigente dell’Ufficio speciale per il cinema della regione siciliana Alessandro Rais, all’inseparabile produttrice, a uno degli attori, Vincenzo Albanese, presenza costante in tutti i film del regista palermitano. E poi c’erano loro, i fratelli della missione  di Biagio Conte che hanno voluto offrire il pane che preparano con le loro mani; quasi un richiamo all’ultima cena. Scimeca era partito con una idea di film, ma gli oltre 6 mesi di permanenza in Africa,  lo hanno portato ad azzerare tutte le sue conoscenze sui linguaggi del cinema, mettendosi dietro la macchina da presa con gli occhi di un bambino. Ed effettivamente i bambini fanno la differenza; è incredibile come i due fratellini protagonisti, Amin e Isokè, che non hanno mai visto un film, si muovono davanti la camera con una naturalezza straordinaria. Fuggono dal loro villaggio dove i ribelli uccidono i loro genitori e tutti gli abitanti, fanno tesoro dei suggerimenti del nonno e iniziano una lunga marcia che li vede crollare nel deserto. Succede a migliaia di profughi che tentano di raggiungere la Libia con il sogno  di imbarcarsi in barconi di fortuna. Lo stesso che si vede allontanarsi nel finale del film.  Balon è un progetto con un alta finalità etica e sociale. Regista e produttrice stanno girando decine di istituti superiori, e lo faranno fino a dicembre per raccogliere fondi, attraverso la vendita dei biglietti in sala, per realizzare un nuovo pozzo d’acqua, un ambulatorio medico e soprattutto la scuola, perché è da li che parte tutto. L’immagine di un pallone tagliato e come il mondo ferito che rischia di colare a picco, dice nel finale Scimeca. In sala a Ottobre, per il mese dei missionario.

Tutto in questo lavoro ti colpisce come un pugno nello stomaco, ma ti rimane nel cuore  e nell’anima.

Da sinistra: Vincenzo Abanese, Alessandro Rais, Pasquale Scimeca, Linda Di Dio

  

Cinema

Premio Ermanno Olmi – 3ª edizione La serata di premiazione

Ivan Scinardo

Published

on

La serata finale della terza edizione del Premio Ermanno Olmi, destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi, si svolgerà il 2 dicembre in Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo a partire dalle 19.30.

Durante al serata saranno proiettate le 4 opere finaliste del concorso e la giuria, composta da Emanuela Martini (critico cinematografico), Annamaria Materazzini (Bergamo Film Meeting Onlus), Cecilia Valmarana (responsabile RaiMovie), Giuseppe Previtali (docente di cinema presso l’Università degli Studi di Bergamo) e Sara Luraschi (regista) assegnerà il Premio Ermanno Olmi e la menzione speciale all’opera più significativa che riflette sulla necessità di salvaguardare la Terra, tema oggi attualissimo e sempre caro al regista, che lo ha celebrato anche nel cortometraggio Il Pianeta che ci ospita, presentato in occasione di Expo 2015.

Alle 21.15 il Maestro Ermanno Olmi verrà omaggiato con la proiezione del film Il tempo si è fermato nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna, lungometraggio di esordio dell’allora ventottenne regista bergamasco costruito sui piccoli fatti quotidiani, sui gesti, i sorrisi, le mezze frasi, e sul difficile rapporto tra l’uomo e la montagna, e premiato nel 1959 con la Gondola d’oro alla X Mostra Internazionale del film documentario di Venezia.

I finalisti della terza edizione del Premio Ermanno Olmi

Continue Reading

Cinema

The Blue Planet, musica su immagini di G.Scinardo

Ivan Scinardo

Published

on

The Blue Planet

Short film inspired by The Blue Planet My entrance for Hans Zimmer Month Scoring Challenge #HansZimmerMonth #SpitfireAudio @Spitfire Audio @Hans Zimmer

Continue Reading

Cinema

Ad Ovest, andare o restare? Il film degli studenti di Marsala

Ivan Scinardo

Published

on

A leggere la sinossi  che accompagna la clip video inviata in tanti festival cinematografici e in particolare nei concorsi riservati alle scuole, si comprende subito che c’è tutta l’intensità di un lavoro complesso e intenso per la qualità del laboratorio di cinema, affidato, in termini di supervisione, a esperti esterni, come Alessio Piazza, regista e attore e Francesco Dinolfo che ha curato il montaggio;  hanno preso spunto dal libro: “Gomito di Sicilia” scritto dal giornalista  Giacomo Di Girolamo, per confezionare, assieme a insegnanti e studenti del Liceo Pascasino di Marsala, un audiovisivo di alto livello.

Un modello da proporre a tutte quelle scuole che purtroppo affodano la gestione dei laboratori extradidattici a insegnanti sprovveduti e per nulla formati sui nuovi linguaggi dell’audiovisivo, alle tecniche di ripresa e di montaggio. Questo progetto filmico, dal titolo “Ad Ovest”, sottotitolo “ Andare o restare?” è uno sprone per molti istituti superiori a imboccare la strada della qualità e della professionalità. Uno short film che riscatta i giovani da un lungo letargo forzato, costretti a stare a casa a causa della pandemia e che in questo caso, è come se il cinema li avesse liberati dal giogo della restrizione pandemica per esprimere la passione per la scrittura e le immagini.  Complici le insegnanti e la dirigente scolastica, Anna Maria Angileri, una  “illuminata” e che ha visione nella direzione dell’istituto di Marsala. Ma tornando alla sinossi è opportuno riportarla testualmente: “Hanno zii, amici, fratelli, a volte anche i genitori che lavorano e vivono fuori.

Anche loro sanno che, dopo la maturità, probabilmente dovranno andare al nord, per continuare gli studi, trovare un’occupazione. Sono le ragazze e i ragazzi di Marsala. Qui, gli studenti dell’Istituto Pascasino hanno deciso di confrontarsi con la domanda: andare o restare? Tra barche che scappano, montagne di sale, tramonti che tolgono il fiato, punti di vista inediti, momenti di delicata poesia, i giovani raccontano Marsala, senza stereotipi e senza rassegnazione, nei luoghi che diventano storia, nelle storie che diventano, per loro, punto di domanda. Hanno guardato l’anima profonda di Marsala negli occhi.

E adesso, quegli occhi, raccontano”. Il video ha vinto tanti premi e ottenuto importanti riconoscimenti di pubblico; è stato  selezionato come Miglior film dalla Giuria Young al festival Mente Locale, formata dai ragazzi degli istituti secondari di secondo grado. Un progetto, realizzato nell’ambito del Piano Nazionale

“Cinema per la scuola” del Ministero per l’Istruzione e del Ministero per i beni e le attività Culturali, originale e unico nel suo genere prodotto a Marsala, grazie anche al contributo della redazione giornalistica dell’emittente TP24 e di RMC 101. “Il Miur ha premiato ancora le idee e i progetti del Liceo Pascasino, ci dice la Dirigente Anna Maria Angileri;  gli studenti hanno affrontato un lavoro di scoperta del territorio ma anche di se stessi, sviluppando competenze attoriali e accrescendo la propria autostima.

Questo cortometraggio è soprattutto un dono che le nostre risorse, i nostri giovani, fanno alla città”. Il voice off dello speaker radiofonico crea un’atmosfera magica che si contrappone alle voci e i dettagli dei primissimi piani degli studenti. “Si sono messi in discussione, ci dice una delle insegnanti che li ha accompagnati in questo percorso, Rossella Nocera, senza stereotipi e  rassegnazione, nei luoghi a loro più cari che nel film diventano storia nelle storie e punto di domanda”.

Desirè Martinico, alunna dell’indirizzo DAMS, l’ha definita “una esperienza formativa e affascinante; non ci siamo messi soltanto nei panni dell’attore imparando a memoria brani molto lunghi e cambiando registro di recitazione continuamente ma abbiamo anche imparato a girare e montare”. E mentre rimane aperto il dilemma dopo il diploma se restare o andare via dalla Sicilia, gli studenti sono tornati volentieri a scuola in un giorno di chiusura, per partecipare un incontro organizzato dal direttore del festival 38° parallelo, Giuseppe Prode con i vertici della più importante casa di produzione e distribuzione cinematografica italiana, la Fandango, che con il suo video celebrativo dei 30 anni di attività e le testimonianze dei direttori generale e marketing, di un regista e un attore,  hanno raccontato la complessa macchina organizzativa e produttiva del cinema.

Continue Reading

In Tendenza