Connect with us

Religione

Monsignor Lorefice si racconta a Soul

Ivan Scinardo

Published

on

Monsignor Corrado Lorefice è abituato a sentirsi chiamare don Corrado. E’ arcivescovo di Palermo, da poco, per nomina diretta del papa, nomina che davvero non aspettava. Era parroco a Noto, seguiva i seminaristi, alternava studio teologico al compito di educatore e pastore. Ora è a guida di una città, e che città, troppe volte ferita, strumentalizzata, abbandonata, descritta sempre e solo al negativo.
 
Ma don Corrado sa dove trovare le risorse per smuovere il torpore e l’indifferenza, spesso l’omertà. Ha un maestro e amico che non è più su questa terra, ma vigila, e col suo esempio continua a dare testimonianza. Padre Pino Puglisi è il nome e il volto cui si riferisce, nella carità e nella fermezza, per non essere collaterali, per non essere tiepidi o troppo prudenti, ma anche per continuare testardamente ad essere positivi, colmi di speranza per il bene che Dio ha donato agli uomini. Siamo alla vigilia di una festa un tempo religiosa, oggi diventata pagana, ma come troppe altre feste.
 
Halloween come il Santo Natale, trasformato in occasione di sperpero e soggezione culturale, in colonizzazione economica. Eppure proprio a Palermo, come in gran parte della Sicilia, i doni ai bambini li portano i Morti, da sempre, e non si aveva paura di questi cari in comunione con noi, nell’eterna comunione dei santi. Altro che nostri zombie e streghe. Altro che horror dilagante con cui tentiamo malamente di esorcizzare la paura della morte, che relegata lontano dalla nostra vista rispunta snaturata e grottesca, senza che il nostro cuore sappia più farle fronte, attingendo alla forza della fede e della tradizione.
 
Ecco l’intervista di Tv 2000  da parte di Monica Mondo conduttrice di Soul

 
 
 
 
 

Religione

50 anni dalla COMMUNIO ET PROGRESSIO

Giuseppe Adernò

Published

on

Istruzione pastorale  sugli strumenti della Comunicazione Sociale

Porta la data del 23 maggio 1971  l’Istruzione Pastorale “Communio et progressio”  pubblicata per  disposizione del Concilio Vaticano II  in occasione della V Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali.

Per meglio approfondire il ruolo dei comunicatori cattolici,  in occasione di un incontro regionale dei Presidenti UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana), della Sicilia,  il consulente ecclesiastico Don Paolo Buttiglieri, ha illustrato  i segni epocali di cambiamento ed ha  aperto lo scrigno prezioso della “Communio et progressio” ricco di profetiche enunciazioni  che risultano ancor oggi attuali e significative per meglio comprendere e dare attuazione concreta alla “politica delle comunicazioni sociali” oggi dominata dal Web.

Il documento pontificio, articolato in tre capitoli con introduzione e conclusione,  prende in esame gli strumenti di comunicazione: stampa, cinema, radio, televisione, ed oggi possiamo aggiungere i social e l’universo del web,  indirizzandone le finalità verso  la comunione  e il progresso della società.

Nel testo sono condensati i principi dottrinali e i suggerimenti operativi per un’azione pastorale  efficace e funzionale al cammino di fede, che coinvolge l’uomo nella sua esperienza esistenziale.

La comunicazione sociale,  si legge nel testo,  tende a far sì che l’uomo, moltiplicando gli scambi vicendevoli, raggiunga una maggiore consapevolezza nell’impegno comunitario della vita” che coinvolge diverse persone  e “gli strumenti della comunicazione possono certamente dare un grande apporto al rafforzamento delle relazioni umane”.

E’ necessario che vengano rispettati i valori morali e sociali che qualificano le relazioni umane, perché nell’atto comunicativo si concretizza un gesto di “donazione”, di trasmissione di notizie, di informazioni e di idee.

“Dare voce a chi voce non ha” è  un’espressione di carità, di attenzione e di rispetto verso gli altri, senza strumentalizzazioni e secondi fini.

All’art. 17 solo elencati come “requisiti di  ogni comunicazione:  la sincerità, l’onestà, la veracità.”, considerati come fattori essenziali che afferiscono alla “moralità” della singola persona e dell’intera comunità civile.

Nella seconda parte,  il documento prende in esame  il contributo delle comunicazioni sociali  al progresso umano, e nei due capitoli vengono analizzati gli influssi delle comunicazioni nella società al fine  della formazione dell’opinione pubblica.

Analizzando gli ambiti dell’educazione, della cultura,  e delle espressioni artistiche  si evidenzia come  gli strumenti della comunicazione assumano  oggi un ruolo sempre più esteso e determinante per la diffusione delle  attrezzature  audio-visive, le registrazione sonore e visive, gli apparecchi radiofonici e televisivi,  sono diventati ordinari sussidi didattici degli insegnanti ed oggi possiamo aggiungere le nuove tecnologie informatiche dell’universo di internet che invade i social ed una “comunicazione globale”.

Come recita la preghiera del giornalista, le comunicazioni sociali investono oggi la cultura contemporanea e influenzano le masse. Le notizie, infatti,  “possono costruire e distruggere, orientare e disorientare, rendere felici e infelici”.

Le espressioni artistiche: il cinema, il teatro, l’uso prudente della  pubblicità   contribuiscono  oggi a migliorare  il tenore di vita, ma sono indispensabili  gli interventi di formazione dei comunicatori e l’Ucsi si prefigge appunto di offrire tale servizio per un’informazione efficiente, di qualità e di verità, in contrapposizione  a quella approssimativa e faziosa o alle fake news che si diffondono sempre più .

La formazione non può limitarsi soltanto  all’ambito  tecnico, ma  deve investire  anche la sfera culturale, Proprio perché  i mezzi di comunicazione sono al servizio dell’umanità, “i comunicatori devono sentire l’impegno di servire l’uomo; tale disponibilità al servizio potrà nascere soltanto in coloro che cercano di comprendere e di amare veramente l’uomo”. La bellezza della  professione dei comunicatori, infatti, “è orientata all’essere apportatrice di sempre nuovi benefici alla società”.

Il documento prende in esame  nello specifico anche  i compiti e i doveri  dei “comunicatori” e dei “ricettori”.

Sono elementi e segni di qualità professionale la capacità del dialogo, il saper rispondere ai bisogni  degli altri e  il  soddisfare le esigenze oneste del pubblico, l’attenzione all’osservazione alla verifica dei fatti, come suggerisce il tema della 55^ giornata delle Comunicazioni sociali “Comunicare incontrando le persone come e dove sono”. Consumare le suole delle scarpe e raccontare la vita vera”.

E’ dovere dei comunicatori “non solo attenersi alla verità dei fatti, ma dare risalto, con i loro commenti, a quelli più importanti e significativi, spiegarne il significato, metterne in luce i rapporti e i nessi di causalità.

Al paragrafo 75 si legge: “Coloro che trasmettono le notizie sono obbligati, per dovere di ufficio, ad una tensione continua e ad una ininterrotta osservazione del mondo esteriore, stando sempre alla finestra aperta sul mondo, vincolati a scrutare i fatti, gli avvenimenti, le opinioni, le correnti d’interesse e di pensiero”.

Il Magistero della Chiesa raccomanda  di “essere fedeli alla  vocazione intellettuale ed artistica” e poi ancora di  “tenere presente nello stesso tempo il formidabile potere, che tale vocazione comporta, di condurre cioè gli uomini alla felicità e al progresso, e di coglierne i gravi doveri, che ne derivano”

 Sono queste le  regole e i principi dai quali non si deve mai derogare  per assicurare all’esercizio della professione di giornalisti e comunicatori la valenza di servizio pubblico e  di promozione sociale, garanzia di un reale progresso civile e morale.

L’Istruzione, preparata della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali, presieduta da Mons. Martin G. O’Connor, Arcivescovo di Laodicea di Siria, coinvolge anche i “ricettori” delle notizie, disponibili ad  istaurare un “vero e autentico colloquio”, non accettando le notizie in modo passivo, ma imparando a saper selezionare con prudenza e spirito critico  le notizie.

La legislazione deve anche garantire al cittadino il pieno diritto di critica pubblica nei riguardi di tutta la gestione dei mezzi di comunicazione,.

La libertà di stampa e di comunicare, riconosciuta dall’art. 21 della Costituzione , sollecita “un responsabile autocontrollo” e citando il Concilio Vaticano II viene ribadito che “la libertà umana deve essere , con tutte le forze, rispettata e difesa”. Si sollecita ancora  “la necessità di leggi che proteggano la libertà di comunicazione e il diritto all’informazione perché l’una e l’altro siano salvaguardati da pressioni di ordine economico, politico, ideologico che ne possono impedire il libero esercizio”.

Devono essere inoltre salvaguardate dalla legge la fama, la dignità e i valori culturali degli individui e dei gruppi e  dovrà essere garantita  la libertà religiosa nell’uso di questi strumenti.

Anticipando quanto  verrà dichiarato dalla Carta di Treviso del 5 ottobre 1990, documento che disciplina i rapporti tra informazione e infanzia, a tutela dei diritti dei minori,   l’Istruzione pontificia  dichiara  che “le disposizioni legislative, con tutta la loro forza, dovranno difendere i giovani dai gravi danni di ordine psicologico e morale, che essi possono ricevere da certe trasmissioni, con pericolo di traumi permanenti”.

Anche la produzione di film e le trasmissioni televisive  dedicate ai ragazzi vengono suggerite come opportune e necessarie.  C’era una volta la “Tv dei ragazzi”, oggi la pluralità di canali e di strumenti social non consente il controllo e la guida selettiva adatta alle esigenze evolutive dei ragazzi e dei giovani.

I bambini di oggi, sono indifesi davanti alla dittatura dei social. Gli adolescenti di oggi rappresentano la prima generazione digitale, ed il 96,6% di essi  dichiara di possedere uno smartphone e l’88,8% ha un computer.   Inoltre il 69%  trascorre la giornata su Instagram e WhatsApp ed ha  un profilo social falso, confermando così, come nell’era liquido-moderna, l’inganno sia diventato centrale nei processi di comprensione del reale, e la distinzione tra vero e falso non sia più percepita.

Nei quattro capitoli della  terza parte dell’Istruzione  viene tracciato il percorso dell’apporto dei cattolici alla comunicazione sociale, orientata alla “trasmissione dei valori dello spirito”, alla dignità della persona, alla ricerca del bene comune.

Si evidenzia inoltre, la necessità dell’assistenza pastorale necessaria per un compito così  impegnativo e difficile. La necessità di una “guida spirituale” ed il costante richiamo alla dottrina sociale della Chiesa e ai valori dell’uomo qualificano la professione dei comunicatori nell’espletare un servizio alla società

Con saggezza e lungimiranza la Commissione pontificia, aprendo spiragli di grande profezia,  raccomanda che: “I genitori e gli educatori, i sacerdoti e i dirigenti delle associazioni cattoliche non esitino a indirizzare verso una delle professioni della comunicazione sociale quei giovani che dimostrino di avere una spiccata inclinazione e siano provvisti delle necessarie qualità intellettuali”, utilizzando anche borse di studio  e finanziamenti per la formazione tecnico-culturale degli aspiranti alla professione di giornalisti.

Il messaggio profetico enunciato cinquant’anni fa : “I sacerdoti  i religiosi e le religiose dovrebbero saper seguire attentamente il sorgere della sensibilità e dell’opinione pubblica per sintonizzarsi con il modo di reagire della gente di oggi, giacché l’annuncio della Parola di Dio deve essere rivolto ai nostri contemporanei e le comunicazioni sociali offrono un validissimo contributo a tale annuncio” ha avuto realizzazione durante  l’imprevisto lockdown e la crisi pandemica e le Chiese chiuse sono diventate un segno di   presenza e  di vicinanza  alla gente mediante i media e i canali social.

Oggi  persino la “dottrina”    viene  insegnata e trasmessa mediante l’uso del “Videocatechismo”, disponibile anche sulla piattaforma LearningGod.

Si ritiene che la conoscenza dei fondamenti della fede debba essere maggiormente vicina al gusto estetico e alla contemplazione audiovisuale. L’occhio e lo spirito, come afferma Merlau-Ponty sono fortemente coinvolti in un dialogo stretto tra capacità critica e interpretativa. Il Videocatechismo, inoltre ha un ruolo essenziale per lo sviluppo dell’intelligenza emotiva.

Il dialogo fra la Chiesa e il mondo  ha dimensioni universali e impegna a “saper leggere i segni del tempo”  e i bisogni del mondo contemporaneo.

Riguardo ai singoli strumenti di comunicazione: la stampa, il cinema, le trasmissioni radiofoniche e televisive, gli spettacoli teatrali, nel documento ne vengono elencati  i pregi e i rischi , indicando le strategie opportune per indirizzarli al comune traguardo del miglior bene della singola persona e dell’intera comunità.

La conclusione dell’Istruzione pastorale precisa alcune direttive teoriche e pratiche  di ordine generale

Precorrendo i tempi è stato scritto: “con il progresso scientifico e con l’evoluzione della tecnologia, che ha lanciato i satelliti artificiali, non mancherà molto che tutta l’umanità riceverà contemporaneamente radiocronache e telecronache da tutto il mondo. I suoni e le immagini potranno essere registrate in svariatissimi ricevitori e riprodotti a volontà con intento culturale o ricreativo, favorendo cosi un più stretto collegamento fra gli uomini, un aumento della cultura e il rafforzamento della pace.”

L’auspicio di un progresso annunciato viene oggi concretizzato, ma spesso  vengono  usate le false monete di apparenti conquiste civili, che di fatto negano e uccidono la “dignità dell’uomo che ha la vocazione di essere figlio adottivo di Dio”.

Alla concezione cristiana della vita,  che comporta dei principii immutabili, fondati sul messaggio d’amore, nel quale s’identifica il “lieto annuncio” evangelico  si contrappone nella prassi della modernità  la cultura laica dominata dal relativismo imperante che pervade interamente le sfere della vita sociale.

L’ esortazione finale di  rendere gli strumenti della comunicazione veramente utili al progresso dell’uomo e alla gloria di Dio condensa il titolo dell’Istruzione “Communio et progressio”, approvata dal Papa Paolo VI , il quale ha indirizzato “con immensa fiducia lo sguardo al futuro”,  per tessere la trama della Storia orientata verso la “promettente  nuova era spaziale delle comunicazioni sociali”.

Giuseppe Adernò

 

 

Continue Reading

Famiglia

Quale cultura di genere? Interrogativi aperti nella società

Giuseppe Adernò

Published

on

Con il pretesto di combattere l’omofobia, sempre più spesso i mass media promuovono l’ideologia gender, come nuova normalità e la fluidità di genere come un fatto acquisito o un modello di modernità.

Spot commerciali e sociali persino con il patrocinio della Presidenza del Consiglio presentano in TV lesbiche che si baciano con passione.

La proposta legislativa è conosciuta come “legge Zan”, perché prende il nome dal deputato del Partito Democratico Alessandro Zan che l’ha presentata con il titolo “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”.

In alcune  scuole, senza attendere l’eventuale approvazione del DDL Zan, sono stati  organizzati corsi di formazione sull’argomento   in vista della “Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia, la transfobia”  Per l’occasione  è stata diramata dall’ufficio scolastico della Regione Lazio, una circolare dal titolo  “Linee guida per la scuola: strategie di intervento e promozione del benessere dei bambini e degli adolescenti con varianza di genere”,  poi ritirata a seguito delle proteste dei genitori.

Le linee guida annunciate preparano una scuola a prova di bimbi transessuali ed elencano alla luce della “bibbia gender” “buone pratiche”, “misure per il gruppo classe”, strumenti per far sì che tutti gli studenti possano “apprendere” sentendosi “al sicuro.

Il 17 maggio, data che ricorda il triste anniversario della conferma referendaria della legge 194 sull’aborto, (1981) dovrebbe diventare secondo l’art. 7 del decreto Zan la “Giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia“.

Chi c’è dietro?

Imprese nazionali e multinazionali fanno della “diversity & inclusion” una bandiera da sventolare e la promozione di questa ideologia in Italia e nel mondo sta raggiungendo livelli mai eguagliati prima.

Mentre nei recenti Stati Generali sulla Natalità è stato dichiarato il dato drammatico della diminuzione delle nascite ed è stato illustrato dal Presidente del Consiglio e da Papa Francesco “l’inverno demografico freddo e buio”, in Parlamento si sostiene l’omosessualità, minimizzando il fatto che una coppia omosessuale non può generare figli.

La comunità LGBT ha iniziato il suo lungo percorso alla conquista della pari dignità a partire dai moti di Stonewall del 28 giugno 1969, quando le prime rivendicazioni sono diventate, un emblema di libertà con la sacrosanta richiesta di non essere discriminati.

Il ddl Zan che sancisce la non discriminazione va oltre ed entra nel merito dell’identità percepita in contrapposizione all’identità biologica, dando seguito a quanto Frederick Jaffe, vice-presidente dell’International Planned Parenthood Federation, nel 1969 redasse per l’Organizzazione Mondiale della Sanità.  Il suo piano strategico aveva l’esplicito obiettivo di diminuire la fertilità umana: «Ristrutturare la famiglia, posticipando o evitando il matrimonio; alterare l’immagine della famiglia ideale; educare obbligatoriamente i bambini alla sessualità; incrementare percentualmente l’omosessualità».

Crolla così anche in Italia il matrimonio, già indebolito dalle leggi sul divorzio e si corrode la cultura della vita, già soffocata dalle norme che si riferiscono all’aborto e all’eutanasia.

COSA DICE LA CHIESA

Papa Francesco, sempre osannato dai media quando sostiene la necessità di accogliere gli omosessuali nella comunità cristiana, viene censurato quando afferma che il gender è “La forma più specifica in cui si manifesta il male oggi. L’ideologia gender nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso, e svuota la base antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina. L’identità umana viene consegnata a un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo.

Adesso non basta soltanto proporre di “correggere” o apportare modifiche al DDL Zan, occorre, invece, trovare la forza di portare la croce e andare contro corrente, difendendo con ferma volontà e convinzione il valore della famiglia, l’unione di un uomo e di una donna, la dignità di un essere umano che nasce maschio o femmina, come da sempre la Chiesa e la legge  naturale hanno insegnato, senza artifici e trasformazioni. La Chiesa non può rinnegare la verità.

Papa Benedetto XVI nel suo ultimo discorso alla Curia Romana, il 21 dicembre 2012,  ha spiegato che la teoria del “gender” segna il rovesciamento dell’ordine della Creazione come voluta da Dio e questa «nuova filosofia della sessualità» è una ribellione a Dio: «Dove la libertà del fare diventa libertà di farsi da sé, si giunge necessariamente a negare il Creatore stesso e con ciò, infine, anche l’uomo quale creatura di Dio, quale immagine di Dio viene avvilito nell’essenza del suo essere. Nella lotta per la famiglia è in gioco l’uomo stesso. E si rende evidente che là dove Dio viene negato, si dissolve anche la dignità dell’uomo. Chi difende Dio, difende l’uomo».

Il rispetto delle diversità che viene richiamato nel decreto è un dovere di tutti e già la Costituzione ne sancisce l’obbligo, senza necessità di norme prescrittive e di ulteriori penalizzazioni.

LA COLONIZZAZIONE IDEOLOGICA

L’aver cancellato anche dai documenti scolastici la dicitura “Padre e Madre”, con la formula neutra di “Genitore 1 e Genitore 2” è da considerare un’innovazione insignificante, o meglio pretestuosa per conseguire traguardi occulti.

La colonizzazione ideologica  indossa ora il manto della “dittatura della tolleranza” collegata al sempre più asfissiante clima politically  correct.  Qualsiasi opinione contraria all’ortodossia libertaria si scontra con una forma di tolleranza zero che etichetta chi la esprime come razzista, omofobo o transfobico. In realtà si registra che i gruppi di minoranza stanno imponendo i loro valori e i loro stili di vita a tutti gli altri e tutto ciò mette le basi per la distruzione della società.

Al binarismo sessuale, maschio e femmina, s’intende sovrapporre lo ”spettro di genere” che prevede “un’infinita varietà di forme, dimensioni e tonalità”.

L’identità sessuale, secondo la teoria gender, è stabilita unicamente dalla soggettiva percezione di ciascun individuo, che sarà libero di assegnarsi il genere percepito, orientando” la propria sessualità secondo i propri istinti e le proprie mutevoli pulsioni.

L’antropologia tratteggiata orienta ad un’identità sessuale poliedrica indefinita, e presenta un miscuglio di concetti ed un cocktail ideologico.

Viene, inoltre strumentalizzata la nobile causa dell’inclusione, di cui la scuola si è sempre fatta garante, prevedendo “l’assegnazione di un’identità provvisoria, transitoria e non consolidabile» allo studente che manifesti la volontà di cambiare «genere» e l’allestimento di bagni e spogliatoi «non connotati per genere» dedicati agli studenti trans.

La nuova legislazione vuole intronizzare come modello sociale assoluto ciò che un tempo era considerato devianza, isolando invece come devianza e anormalità la difesa dei principi naturali e cristiani. Quando le leggi negano l’ordine naturale si afferma inesorabilmente la dittatura del relativismo più volte denunciata da Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI.

Uno dei più accreditati teorici del gender, il canadese Christopher Dummit, oggi censurato dai media mainstream afferma:Mi sono inventato tuttoPer questo sono così sconfortato nel vedere che i punti di vista che sostenevo con tanto fervore, ma senza fondamento, sono stati accettati da così tanti nella società di oggi”.

Questa dichiarazione induce a pensare, a riflettere a meglio comprendere l’aspra battaglia d’idee oggi in corso.  Sulla base dei princìpi filosofici e morali professati e vissuti, si potrà vincere invece la battaglia culturale del nostro tempo. L’approvazione del decreto Zan sarebbe il trionfo del caos valoriale che presenta come buone le relazioni omosessuali.

Occorre tornare a ragionare, rispettando ogni opzione di vita sessuale, ma evitando di favorire e promuovere quelle che s’ispirano a ideologie insostenibili per la sopravvivenza della specie umana.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Religione

Una maglietta e una camicia  raccontano amore e perdono

Ivan Scinardo

Published

on

La camcia e e la maglietta due simboli del martirio

La camicia azzurra insanguinata che Rosario Livatino indossava il 21 settembre del 1990, quando fu ucciso dai sicari della cosca mafiosa “Stidda” è  dal 9 maggio, giorno della beatificazione, una preziosa reliquia da venerare e “il suo sangue diviene seme di cambiamento, trasformazione e rinascita” per la terra di Sicilia.

La maglietta bianca insanguinata che Karol Józef Wojtyła indossava il 13 maggio 1981, quando Mehmet Ali Ağca alle ore 17,17 in piazza San Pietro sparò due colpi di pistola per ucciderlo, è stata custodita dall’infermiera dell’Ospedale Gemelli, Anna Stanghellini.

Suor Maria Rosaria Matranga, superiora della casa Regina Mundi, che ospita suore anziane e ammalate, ove le Figlie della Carità offrono un servizio di mensa per i poveri, accolgono mamme e bambini in difficoltà e immigrati in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio, racconta del dono ricevuto dalla signora Anna Stanghellini, la quale, infermiera nella sala operatoria del Gemelli il 13 maggio 1981, quando vide a terra, tagliata, la maglietta del Papa, intrisa di sangue la raccolse come preziosa reliquia, l’avvolse in una garza e poi in un asciugamano, custodendola devotamente a casa.

Nel 1996, quando era anziana e sola ha bussato  alla porta della casa Regina Mundi per chiedere ospitalità e rimanere tra le suore che aveva conosciuto nella sua giovane età. “La comunità ha aperto le porte ad Anna con grande affetto e con grande cura”.

Nel 2000, in occasione del Giubileo, Anna chiamò la superiora della casa, suor Beatrice Priori, ora Superiora provinciale della Congregazione delle Figlie della Carità, dicendole che aveva un dono da fare alla Comunità, consegnandole l’involucro contenente la maglietta ed un foglietto in cui dichiarava i motivi per i quali era in possesso di quella reliquia di Giovanni Paolo II.

La reliquia

Nel 2004, dopo la morte di Anna la preziosa reliquia è stata incorniciata e, con le autorizzazioni del Vaticano, è ora esposta nella Chiesa del quartiere Boccea, meta di pellegrini che invocano la benedizione del Santo Papa polacco.

Intensa la partecipazione dei fedeli il 13 maggio, in occasione del quarantesimo anniversario dell’attentato di  San Giovanni Paolo II.

Le due reliquie, intrise di sangue, raccontano un grande evento, testimoniano l’ardore del martirio, e nel silenzio parlano di fede, amore e perdono

Giuseppe Adernò

Continue Reading

In Tendenza