Connect with us

Cultura

Oriente e Occidente. Viaggiare per raccontarlo

Ivan Scinardo

Published

on

Venerdì 23 marzo ore 18 presso l’auditorium della Rai di Palermo  sarà presentato il  libro di storie e fotografie  “Oriente e Occidente. Viaggiare per raccontarlo” della giornalista e scrittrice  Marcella Croce.

L’autrice

Dopo una laurea in letteratura inglese all’Università di Palermo e una borsa di studio Fulbright presso il Mt. Holyoke College (Mass. USA), Marcella Croce ha conseguito il dottorato di ricerca in letteratura italiana presso la University of Wisconsin-Madison (USA).Per oltre  venti anni è stata coordinatrice e docente del Programma Elderhostel (oggi Road Scholar) organizzato a Palermo dal Trinity College (Hartford CT. USA) per studenti americani della Terza Età. E’ docente e organizzatrice del semestre all’estero che gli studenti dello Union College (Schenectady NY. USA) frequentano a Palermo dal 2002. Per conto del Ministero degli Affari Esteri è stata docente di italiano all’Università di Isfahan (Iran) e all’Università Ritsumeykan di Kyoto (Giappone). Su queste esperienze ha pubblicato “Oltre il chador – Iran in bianco e nero” (Medusa, Milano – 1° Premio di scrittura femminile “Il paese delle Donne” Roma 2007) e “L’anima nascosta del Giappone” (Marietti 2009). Ha pubblicato vari libri sulle tradizioni popolari siciliane, tra cui “Eat smart in Sicily” (Ginkgo Press, USA) e “Guida ai sapori perduti – storie e segreti del cibo siciliano” (Kalòs, Palermo) che sono stati presentati negli Istituti Italiani di Cultura di Copenhagen, Malta, Haifa, Washington, San Francisco e Vancouver.  Le sue pubblicazioni più recenti sono  ‘Viaggio nella Sicilia profonda’  (Kalòs 2012) e ‘Chivalric Folk Traditions in Sicily’  (McFarland, USA 2014).Ha collaborato alla edizione palermitana del quotidiano La Repubblica dal 2000 al 2012. Dal maggio 2017 collabora al Giornale di Sicilia.
Dal settembre 2011 Marcella Croce è responsabile del Centro Studi Avventure nel Mondo di Palermo che organizza eventi culturali relativi alla cultura del viaggio.

Il libro

Un delizioso libro per bambini (“Un pesce è un pesce” di Leo Lionni) narra di un girino e di un pesce che vivono nello stesso stagno. Il girino, divenuto rana, va per il mondo in cerca di avventura; ritornato nello stagno, racconta tutto quello che ha visto al suo amico pesce, che non si è mai mosso da lì. Invano il pesce si sforza, attraverso le  dettagliate descrizioni dell’amico, di immaginare l’aspetto di mucche, farfalle, persone; per il pesce, come mostrano le illustrazioni, tutti gli altri esseri viventi hanno la bocca e le pinne di un pesce: inevitabilmente ognuno interpreta la realtà unicamente secondo la propria esperienza. Malgrado tanto tempo sia dedicato al cinema e alla televisione, abbiamo solo idee confuse e preconcette al di fuori della nostra esperienza diretta, e, a volte, anche quella basta a scalfire appena la realtà. Marcella Croce ha sentito il bisogno di toccare con mano e di andare “oltre la frontiera” secondo le parole di un grandissimo scrittore, Ryszard Kapuscinski, massimo interprete moderno del genere letterario chiamato “reportage letterario”, di cui Erodoto fu il primo rappresentante. (Fonte Alessandra Ribolini)

Marcella Croce, scrittrice

Cultura

Giulia D’Asta quinto sindaco dei Ragazzi dell’Istituto

Giuseppe Adernò

Published

on

Giuro di essere fedele alla Repubblica…. mi impegno a collaborare per  il bene della scuola, piccola città e per la crescita sociale e civile della comunità scolastica”

Recitando questa formula  con voce solenne, emozionata e consapevole, poggiando la mano sul testo della Costituzione, Giulia D’Asta, alunna della  classe quinta A, dell’Istituto “S. Maria della Mercede” di S. Agata Li Battiati  è diventata “sindaco” del  quinto Consiglio Comunale dei Ragazzi della “scuola piccola città”, progetto didattico promosso  e coordinato dal preside Giuseppe Adernò.

Alla presenza del Sindaco Nunzio Marco Rubino, dell’Assessore all’Istruzione, Fiorella Rosano,  della direttrice Lina Di Caro, delle maestre Marilena Indelicato e Antonella Menne, la cerimonia ha avuto luogo nella Sala consiliare del Comune con la partecipazione dei genitori e dei docenti delegati del Circolo Didattico , della Scuola Media Pluchinotta  e dell’Istituto “Grazia Deledda” di Catania.

I piccoli  “assessori e consiglieri”,  hanno recitato la formula di giuramento ed hanno presentato i loro programmi di iniziative e attività per rendere viva e dinamica la scuola, considerata una “piccola città”.

Nel discorso introduttivo le neo sindaco Giulia D’Asta ha citato la frase di Eleanor Roosevelt : “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei loro sogni” ed ha dichiarato che da cinque anni ha coltivato questo sogno, che ora diventa realtà.

Ha presentato la “squadra” degli assessori: Leonardo Cinardi alla Cultura, già autore del primo  giornalino d’Istituto “L’officina delle idee”; Salvo Tenerello allo Sport, promotore  di gare sportive e delle “mini olimpiadi”;  Elena Leanza alla solidarietà ha presentato una serie di iniziative che rendono i ragazzi protagonisti nella  realizzazione di manufatti che, messi in mostra nel mercatino, favoriscono benefici di solidarietà per i bisognosi; Giulia  Previti allo Spettacolo, ha scandito le fasi operative delle attività ricreative e culturali che la scuola propone; Luigi D’Arrigo all’Ambiente ha proposto la raccolta differenziata e la valorizzazione del verde dell’Istituto ed infine Gaetano Sarnataro , alla Salute e al benessere, ha enucleato le azioni in tempo di Covid per un efficace “star bene a scuola e nella società”

Il presidente del Consiglio, Pietro Ruggeri, dopo aver ricevuto dal Sindaco il campanello, ha illustrato i programmi della lista con il motto: ”Tutti insieme per una scuola migliore”. Sono stati eletti consiglieri: Giulia Giunta, Benedetta Gulizia, Davide Lombardo, Giorgia Petrillo, Maria Pia Sapienza, Davide Sanfilippo.

Avendo l’Istituto adottato come  tema didattico dell’anno  lo studio dei “Diritti e dei Doveri”  è stato introdotto nel CCR la figura dell’Ambasciatore dei Diritti e dei doveri,  compito  assegnato a Lorenzo Caruso, per  coordinare le attività in attuazione dei principi della “Carta dei Diritti del bambino”.

Nel saluto finale il Sindaco Rubino ha dato risposta alle richieste dei ragazzi facendo arrivare a scuola un contenitore per la raccolta delle pile e batterie da collocare all’ingresso della scuola, incentivando la cultura della raccolta differenziata.

Continue Reading

Cultura

Economia civile come umanesimo del mercato

Ivan Scinardo

Published

on

Presentato il libro di uno studioso, Antonio Di Natale.

Antonio Di Natale

I 6 gradi all’esterno non hanno scoraggiato i tanti ennesi ieri sera che si sono dati appuntamento a #Enna, alla sala Cerere per la presentazione di un volume innovativo, destinato a cambiare la visione del profitto di tante imprese in un’ottica di solidarietà diffusa. E’ ennese il professionista che ha scritto  un interessante libro dal titolo: “Economia civile, dal paradigma al buonsenso”; Antonio Di Natale, 25 anni di esperienza nel campo della pubblicità, svolta nel suo percorso professionale, qualche anno fa, quando si iscrive all’unica Scuola di economia civile, che ha sede a Loppiano Valdarno in Provincia di Firenze. A moderare un vivace quanto ricco di contenuti incontro,  dal taglio convegnistico, la   giornalista Mariangela Vacanti. Leggendo il manifesto che apre la missione della #SEC, si intuisce subito che le linee guida sono perfettamente coincidenti con la visione di tanti ricercatori, in testa #Zamagni e #Bruni, che rispondono già da tempo all’appello del Papa agli economisti riunitisi a Assisi. La scuola di economia civile insegna a guardare in modo nuovo l’uomo, il lavoro e l’ambiente. E’ una storia di persone che credono nell’impresa come luogo in cui si realizza pienamente la nostra umanità.

“L’economia civile, lo dice subito l’autore del libro, “è un percorso complesso e difficile; una sorta di cantiere sempre aperto”. Cita spesso uno dei padri fondatori, l’economista Stefano Zamagni a cui va il merito di aver riscoperto il valore e la modernità del pensiero di Genovesi e della Scuola italiana del Settecento. Ma cos’è esattamente l’economia civile? Lo spiega in parole semplici Antonio Di  Natale a una platea composta per lo più da studenti, guidati dal docente Vincenzo Di Natale che li aveva  sufficientemente preparati ai temi dell’incontro; “L’economia civile non è altro che un modo nuovo di pensare il sistema economico, che si sostiene grazie a tre paradigmi: la reciprocità, la gratuità e la fraternità. Concetti semplici che superano quella supremazia del profitto o del mero scambio strumentale che ha fatto la fortuna di tanti ricchi finanzieri. In sostanza rappresenta una possibile alternativa alla concezione capitalista del mercato. L’”homo oeconomicus” si deve sempre più nutrire di relazioni e fiducia, ecco perché l’attività economica ha sempre più bisogno di virtù civili, di tendere al bene comune più che alla ricerca di soddisfazioni individuali.

Era stato lo stesso papa Francesco a dire che: “Mai come in questo tempo sentiamo la necessità di giovani che sappiano, con lo studio e con la pratica, dimostrare che una economia diversa esiste. La pandemia non solamente ci ha rivelato le profonde disuguaglianze che infettano le nostre società: le ha anche amplificate. Dall’apparizione di un virus proveniente dal mondo animale, le nostre comunità hanno sofferto il grande aumento della disoccupazione, della povertà, delle disuguaglianze, della fame e dell’esclusione dall’assistenza sanitaria necessaria. Non ci dimentichiamo che alcuni pochi hanno approfittato della pandemia per arricchirsi e chiudersi nella propria realtà. Dobbiamo cercare nuove vie per rigenerare l’economia nell’epoca post-Covid-19 in modo che questa sia più giusta, sostenibile e solidale”.

Il pensiero del Santo Padre è stato ripreso dal prefattore del libro, il professor Paolo Rossi, conosciuto dall’autore proprio durante le lezioni alla scuola di economia civile. Consulente per la certificazione B Corp, è oggi responsabile dello sviluppo associativo delle ACLI Bresciane ed esperto sui temi dell’Innovazione Sociale per gli Enti del Terzo Settore. Il suo intervento incentrato sul passaggio fra economia reale e civile ha destato molta attenzione; ogni qualvolta un’impresa, un’organizzazione, un consumatore, una scelta individuale riesce a fare il “salto della gratuità” e suscitare rapporti di reciprocità, allora possiamo parlare di economia civile. Benessere, reciprocità e sostenibilità sono stati dunque i punti cardine della sua relazione.

Al tavolo dei relatori anche Vincenzo Di Natale, docente di materie economiche, psicologo cognitivo, ha parlato di comunicazione pubblica e in particolare di buone prassi, citando la Germania, dove il capitalismo è temperato da un’impronta sociale, che traduce la vicinanza a forme di solidarietà concreta, fondate sulla partecipazione e sull’associazione e che riducono il divario tra capitale e lavoro. Per i lavoratori tedeschi più tempo libero a disposizione e maggiore produzione.

Fra gli interventi anche quello di Giuseppe La Porta, nella qualità di consigliere comunale, ha portato le sue best practices da amministratore e ha parlato della validità del bilancio sociale.

Il presidente dell’Associazione Vita 21, Marco Milazzo, nella giornata internazionale delle persone con disabilità ha raccontato la sua straordinaria esperienza a partire dalla personale condizione, genitore di un bambino con la sindrome down e ha ricordato che i proventi del libro andranno proprio a favore dell’associazione, per portare avanti importanti progetti sociali.

Continue Reading

Cinema

Premio Ermanno Olmi – 3ª edizione La serata di premiazione

Ivan Scinardo

Published

on

La serata finale della terza edizione del Premio Ermanno Olmi, destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi, si svolgerà il 2 dicembre in Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo a partire dalle 19.30.

Durante al serata saranno proiettate le 4 opere finaliste del concorso e la giuria, composta da Emanuela Martini (critico cinematografico), Annamaria Materazzini (Bergamo Film Meeting Onlus), Cecilia Valmarana (responsabile RaiMovie), Giuseppe Previtali (docente di cinema presso l’Università degli Studi di Bergamo) e Sara Luraschi (regista) assegnerà il Premio Ermanno Olmi e la menzione speciale all’opera più significativa che riflette sulla necessità di salvaguardare la Terra, tema oggi attualissimo e sempre caro al regista, che lo ha celebrato anche nel cortometraggio Il Pianeta che ci ospita, presentato in occasione di Expo 2015.

Alle 21.15 il Maestro Ermanno Olmi verrà omaggiato con la proiezione del film Il tempo si è fermato nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna, lungometraggio di esordio dell’allora ventottenne regista bergamasco costruito sui piccoli fatti quotidiani, sui gesti, i sorrisi, le mezze frasi, e sul difficile rapporto tra l’uomo e la montagna, e premiato nel 1959 con la Gondola d’oro alla X Mostra Internazionale del film documentario di Venezia.

I finalisti della terza edizione del Premio Ermanno Olmi

Continue Reading

In Tendenza