Connect with us

Eventi

La Scugnizza, operetta musical al teatro Al Massimo

Ivan Scinardo

Published

on

schermata-2016-10-27-alle-12-48-43Sembra tutta una sceneggiata napoletana, che il re delle operette, Umberto Scida mescola abilmente nelle tre forme più alte di espressione: recitazione, canto e danza. Dopo “La vedova allegra” messa in scena questa estate, nella straordinaria cornice del teatro antico di Taormina, Scida e la  compagnia del Teatro Al Massimo, magistralmente guidata  dal direttore artistico Aldo Morgante,  debuttano a Palermo  con “Scugnizza” la popolarissima operetta, scritta da Mario Costa, una delle grandi firme della canzone napoletana, e rappresentata per la prima volta al Teatro Alfieri di Torino nel 1922.  

Il debutto la settimana scorsa e le repliche fino a domenica fanno registrare il tutto esaurito. Il libretto, nella sua versione originale era ricco di spunti che ricordavano l’opera verista e la dominante vena melodica partenopea, caratteristiche abilmente mantenute, con una straordinaria contaminazione tra generi musicali diversi.

Umberto Scida ha voluto la sua “Scugnizza” come “Operetta musical”, infatti l’allestimento è da musical e nell’accezione americana l’operetta è teatro musicale. Ma se da un lato Scida ha ampiamente dimostrato straordinarie doti di regista, definirlo “bravo” come attore è riduttivo; Daltronde “brave” in inglese significa coraggioso. La sua bravura si misura in questo bellissimo spettacolo  in relazione proprio al coraggio di avere messo  in scena oltre 3 ore di divertimento puro.

Il target degli spettatori del teatro Al Massimo è medio alto ma siamo certi che questo spettacolo piacerebbe moltissimo ai giovani perché si ride, si riflette sul senso della vita, sul valore dei soldi e sulle meraviglie naturali come il sole e il mare di Napoli che nessuno può comprare. Non è un caso che Scugnizza nasca proprio quando nasce la sceneggiata napoletana  tra gli anni venti e quaranta del novecento; un genere di rappresentazione popolare, che alterna il canto con la recitazione e il melologo drammatico, nato e sviluppatosi proprio a Napoli. 

La regina della scena  è lei Salomè, il soprano palermitano Maria Francesca Mazzara.  La sua voce incanta il pubblico ed esce fuori con grande impeto in un ventaglio di straordinari suoi colleghi provenienti dalla lirica come il tenore Spero Biongiolatti, lui valtellinese, parla in Napoletano convinto.

Sempre brava Isadora Agrifoglio, Miss Gaby Gutter, figlia di Mr. Gutter. Quest’ultimo è lo strepitoso Cesare Biondolillo, ormai maturo nel doppio senso del ruolo. Veste i panni del miliardario, mister Toby per ritrovarsi in un turbinìo continuo di colpi di scena. Ivano Falco è Don Pasquale, Amico di Mamma Grazia. La sua figura ricorda un po’ il “guappo” celebrato per decenni nella sceneggiata napoletana;  ma lui è sempre più simile a quel grande guappo che fu Eduardo De Filippo ne: “Il sindaco del rione sanità”. Rispetto a molte altre rappresentazioni, Scida, nel ruolo di Chic, segretario di Mr. Toby Gutter e poeta a tempo perso, in questo musical nella parte iniziale non entra subito in scena, ma lascia il corpo di ballo, della bravissima Stefania Cotroneo, e gli attori,  muoversi come farfalle  sulle musiche del maestro Diego Cristofaro,  che suona per quasi 3 ore dal vivo il pianoforte con i suoi nove musicisti.

Una meraviglia il suono che esce dai violini, e dai fiati e che si espande in sala. 170 cambi di costumi della sartoria teatrale Arrigo Milano. La scenografia è di Marco Giacomazzi e la direzione organizzativa di Maria Teresa Augugliaro. Menzione speciale a Laura Geraci lei è mamma Grazia, zia di Salomè.  Ottiene sicuramente il maggiore numero di applausi per le sue performance da donna caciarona e tragediante. Brava anche Giorgia Migliore (Carmelina), Cocò Gullotta (Paluzzo Cameriere dell’Hotel “Bellavista”), con un monologo, tra una scena e il finale, nei panni della tradizionale maschera napoletana, Pulcinella. Divertenti  Vincenzo Favet e Roberto Fabra gli scugnizzi Ciro e Ciccio. Dopo Palermo, numerose date nei teatri italiani per questa produzione che vanta il maggiore numero di siciliani.

Immagini (Blogsicilia montaggio Ivan Scinardo)

14717201_10154319293398751_6625469883483616815_n

20161027_201238-120161027_195718-120161027_202045-1   20161027_194412-1 20161027_202045-120161027_191910-1 20161027_190536-1 20161027_184324-1 20161027_183417-1 20161027_181653-1 20161027_180132-1 20161027_175908-1 20161027_175811-1 20161027_175640-1 20161027_175541-1 20161027_172820-1

Eventi

“Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare”

Ivan Scinardo

Published

on

Si è tenuta stamattina nell’aula Magna “Vincenzo Li Donni” del Dipartimento di Scienze Economiche, dell’Università di Palermo, l’incontro “Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare” organizzato, in collaborazione con la Polizia di Stato, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Dopo il saluto del Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Massimo Midiri, ha preso la parola il Questore Leopoldo Laricchia, che ha voluto ricordare le tutele per le vittime ei procedimenti penali per chi abusa. Interessante l’intervento della Prorettrice all’Inclusione, Pari Opportunità e Politiche di Genere Beatrice Pasciuta, le ha fatto eco il professore Gioacchino Lavanco, Direttore del Dipartimento di psicologia, promotore dell’iniziativa. Ha concluso Licia Adalgisa Callari, docente di Letteratura Teatrale Italiana, organizzatrice dell’audiovisivo presentato in anteprima dal titolo: “Sciarpe rosse. Il dovere di cambiare”, realizzato dal Dipartimento SPPEFF-Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione, per la  regia di Ruben Monterosso. Al termine della manifestazione è stato inaugurato il murale “Di rose e d’amor fendente” opera dell’artista Daniela Balsamo. La Polizia di Stato ha partecipato con il camper con una équipe di operatori specializzati che hanno fornito informazioni alla comunità studentesca.

Continue Reading

Cultura

UCIIM  Tremestieri, inaugurazione dell’anno sociale

Giuseppe Adernò

Published

on

Con una cerimonia semplice e significativa è stato inaugurato a Tremestieri l’anno sociale delle attività della sezione UCIIM  (Unione Cattolica Insegnanti, Dirigenti, Formatori, Educatori)

La presidente della sezione , Agata Pennisi, ha introdotto l’incontro che ha avuto luogo nella Chiesa Madre “S. Maria della pace” dopo la S. Messa.

La presentazione del volume “Non vedo l’ora”, edito da “La Voce dell’Jonio” di Acireale ha coinvolto il direttore del settimanale diocesano Giuseppe Vecchio nella narrazione dell’origine del libro,che raccoglie le poesie spontanee di ragazzi, giovani, docenti, professionisti e anziani, scritte durante i mesi  del lockdown per il Covid-19.

In quei giorni di solitudine e di chiusura il sentimento ha trovato voce nella scrittura di versi, immagini metafore che, socializzate, trovano condivisione nel lettore e nel pubblico.

La prof.ssa Rita Messina che ha curato la prefazione ha coordinato la lettura delle poesie declamate dagli stessi autori, intercalata dai brani musicali  a cura del gruppo orchestrale  “Onde Verdi 72”, coordinato dal dott. Vincenzo Caruso.

L’intreccio di poesia e musica, versi poetici e melodie hanno coronato l’avvio delle attività di formazione che l’UCIIM intende realizzare nel corso dell’anno sociale.

Nella foto: La presidente della sezione Agata Pennisi al centro con Rita Messina, Giuseppe Vecchio e don Gaetano Sciuto – I soci della sezione UCIIM di Tremestieri

Il presidente emerito dell’UCIIM di Catania, Giuseppe Adernò, nel suo intervento ha sottolineato come il post pandemia segna un’epoca di ricostruzione e di rinnovamento sociale e culturale, sollecitando l’esercizio dell’arte di “saper scrivere dritto su righe storte”, valorizzando il positivo e non perdere di mira i riferimenti ideali e valoriali.

Il Parroco don Gaetano Sciuto ha evidenziato come questo evento si inserisce nel cammino sinodale dell’ascolto che diventa attenzione verso gli altri e costante ricerca dell’essenziale.

Nel saluto finale ai Soci presenti la presidente Pennisi ha ringraziato per la partecipazione la presidente della sezione UCIIM di San Giovanni La Punta, Antonella Lupo

 

Continue Reading

Cinema

Documentaria, il festival, da Noto a Palermo

Ivan Scinardo

Published

on

Arriva per la prima volta a Palermo, dal 6 al 12 novembre, Documentaria, il festival internazionale di cinema documentario. Registi, proiezioni, incontri, dibattiti, concerti e premi per una settimana di eventi ai Cantieri Culturali della Zisa dedicati al cinema del reale. Nata nel 2014 da un’idea del collettivo di registi e fotografi FrameOff, la rassegna giunge alla sua sesta edizione.

“Il festival si svolgeva a Noto – spiega il regista e direttore artistico Joshua Wahlen – per cinque anni ha popolato la città barocca di occasioni di incontro attorno al cinema del reale. Adesso arriva a Palermo e per noi è una grandissima emozione”. Ricchissima la programmazione.

“Visioni doc Italia”, il concorso principale di Documentaria, vedrà sei film in gara per la miglior produzione documentaristica nazionale. “Un uomo deve essere forte” di Elsi Perino e Ilaria Ciavattini; “Pozzis – Samarcanda” di Stefano Giacomuzzi; “Disco Ruin” di Lisa Bosi e Francesca Zerbetto; “Io resto” di Michele Aiello; “Il secondo principio” di Hans Liebschner di Stefano P. Testa e “The second life” di Davide Gambino. I film della sezione principale verranno proiettati, uno ogni sera, al cinema de Seta, con la presenza dei registi in sala.
Tra le novità di quest’anno le sezioni internazionali: “Visioni dal mondo” e “Visioni Etnografiche”. La prima dedicata ai migliori mediometraggi esteri, la seconda al documentario etnografico. Focus di quest’anno il cinema africano, con una selezione di pellicole realizzate da antropologi e registi nei Paesi Africani di Lingua Ufficiale Portoghese (PALOP). Altra novità il “Premio Ambiente” a cura di ARPA Sicilia, che premierà il lungometraggio che indaga nel miglior modo il rapporto uomo-natura.

Tanti i riconoscimenti previsti, tra cui Miglior Documentario internazionale, Miglior montaggio, e il Premio Documentaria, che quest’anno verrà conferito a Silvano Agosti, presente al festival. Spazio agli approfondimenti tematici, a cura di esperti e professionalità artistiche. Numerosi i workshop e seminari rivolti al pubblico del festival, ai professionisti del settore e agli allievi degli istituti formativi regionali. E ancora proiezioni speciali, retrospettive e concerti.
Ampio spazio verrà dato anche alla formazione attraverso seminari, focus, retrospettive, tavole rotonde e workshop rivolti al pubblico di Documentaria e agli studenti degli Istituti formativi dell’Isola. Tra le tante attività in programma, il seminario “Dall’impotenza alla creatività” del regista Silvano Agosti, già Nastro d’Argento alla carriera e il cineconcerto del compositore tedesco Peter Wegele, in collaborazione con il Conservatorio A. Scarlatti e il Goethe Institut.

«Per la prima volta a Palermo un grande evento che conferma l’attrattività internazionale della città di Palermo – dichiara il primo cittadino, Leoluca Orlando – In un luogo, i Cantieri culturali alla Zisa, ormai riconosciuto come importante punto di riferimento per artisti di fama mondiale».

«Creatività e visione sono nutrimento per l’anima – afferma Alberto Samonà, assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – Riempiono la quotidianità di una nuova energia, ci rimandano alla dimensione dell’essere e alla possibilità di pensare a una città nuova, rinnovata, trasformata. Una dimensione creativa che tiene conto anche della formazione e dei ragazzi. C’è tutto questo in Documentaria, molto più che un festival, ma un progetto di futuro».

Fonte: https://palermo.gds.it/video/cinema/2021/11/04/cinema-a-palermo-arriva-documentaria-una-settimana-di-incontri-dibattiti-e-premi-1bb21129-cf59-42ba-9117-9dd423f06a35/

Maria Vera Genchi

 

Continue Reading

In Tendenza