Connect with us

Eventi

Storie di mare

Published

on

Tre concerti, protagonista l’Orchestra a Fiati Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina diretta da Lorenzo Della Fonte

Il mare è il leitmotiv dei tre concerti organizzati da Taormina Arte  per Anfiteatro Sicilia, la manifestazione culturale promossa dall’Assessorato regionale al Turismo. I protagonisti, i maestri dell’Orchestra a fiati del Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina, diretti magistralmente da Lorenzo Della Fonte, considerato un’autorità indiscussa nel mondo fiatistico mondiale. Tre appuntamenti da non perdere: 28 luglio al Teatro Antico di Tindari, 29 luglio al Teatro Antico di Morgantina e 11 agosto al Teatro Antico di Catania. Tre dei più bei teatri di pietra siciliani, spazi scenici e cavee suggestive, rinnovate da Taormina Arte e rese fruibili a spettacoli di alto livello per l’intera estate.

“…navigando sul mare color del vino verso genti straniere…”  come Omero narra il suo viaggio attraverso il mare così l’Orchestra a Fiati del Conservatorio Arcangelo Corelli, la cui professionalità ha da tempo conquistato un posto di diritto nelle stagioni concertistiche internazionali, guidata per queste occasioni da Lorenzo Della Fonte, ci propone un repertorio vasto e variegato con un tema simbolo della vita, l’elemento acqueo per eccellenza che lambisce ogni sponda, ogni riva, Per i tre concerti di Anfiteatro Sicilia l’Orchestra ha scelto di raccontare appunto il mare con  un programma che spazia da Giuseppe Verdi Il Corsaro a Nicolai Rimskij-Korsakov Shahrazad: Il mare e la nave di Sinbad; da John Philip Sousa Hands across the Sea a Francis McBeth Of Sailors and Whales, Cinque scene da Melville; da Ralph Vaughan Williams Sea Songs a John Mackey Wine dark Sea.

ANFITEATRO SICILIA è un progetto a cura della Fondazione Taormina Arte, frutto di una collaborazione tra l’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo e l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei.

Eventi

Gemellaggio culturale tra Gzira ed Enna

Published

on

Da oggi e fino a domenica 18 una delegazione di 70 ennesi guidata dalla Uisp, dall’amministrazione e dalla Casa d’Europa sarà a Malta. Cortei storici federiciani, workshop, forum pubblici sui legami tra i due comuni sotto il segno della multiculturalità e tanta convivialità

Enna, 16 settembre 2022

Saranno settanta gli ennesi che da oggi e fino a domenica saranno a Malta per sancire il gemellaggio culturale tra le città di Gzira ed Enna. Un legame che affonda le sue radici nel Mar Mediterraneo e nelle fortezze storiche che sono il simbolo dei due comuni (Fort Manoel e il Castello di Lombardia), oltre che sulla figura di Federico II, sulla cultura gastronomica e su prospettive di formazione e sviluppo condivise sotto il segno della multiculturalità.

Già partiti alla volta dello Stato più piccolo dell’Unione europea sono il vicesindaco di Enna Francesco Comito, l’assessore alla Cultura del comune di Enna Rosalinda Campanile, lo staff della Uisp (Unione italiana sport per tutti), i referenti della Casa d’Europa, staff, tamburi e figuranti della Settimana europea federiciana e l’interprete Laura Monastero.

In programma workshop e forum sullo sport, la cultura e le prospettive di sviluppo turistico dopo il Covid, ma anche cortei federiciani, scambi di doni e momenti di convivialità.

L’accordo tra le due città fu avviato oltre un anno fa dalla Uisp Sicilia assieme all’allora vicesindaco di Enna Francesco Colianni e scaturisce dal fondo sociale europeo Cultura e Sport.

La delegazione è guidata da Enzo Bonasera, presidente Uisp Sicilia, Riccardo Caccamo, presidente Uisp Enna, Silvestro Giamblanco, componente Uisp Enna, Adriano D’Angelo, coordinatore calcio Uisp Sicilia, Vincenzo Sapienza, coordinatore formazione Uisp Sicilia e Carlo Di Marco, consulente amministrativo Uisp. “Tutto è nato per mettere in contatto queste due realtà che hanno tantissimi punti in comune – spiega Giamblanco – ma anche tanta voglia di lavorare assieme, sia in ambito sportivo che in quello culturale”.

I referenti della Uisp negli ultimi mesi hanno voluto condividere la loro partecipazione con diversi attori ennesi, Casa d’Europa e staff della Settimana europea federiciana in primis. La referente federiciana Cettina Rosso ha coinvolto, a sua volta, il suo direttivo con Giuseppe Castronovo e Maria Renna e ben 50 figuranti, tra cui i tamburini del quartiere U Pupulu coordinati da Armendo Schillaci, la corte di Riccardo de Trentenaria (impersonato da Gaetano Libertino), la corte di Federico II (interpretato da Antonio Messina). La stessa Cettina Rosso, assieme a Michele Sabatino, segretario generale della Casa d’Europa, Antonio Messina, archeologo, Ivana Antinoro, referente dell’Officina medievale di Enna, e Silvana Virlinzi, artista, architetto e docente di Storia dell’Arte presenteranno rispettivamente delle relazioni su “La presenza federiciana nelle culture del Mediterraneo”, “Promuovere la cooperazione transnazionale per lo sviluppo socio-economico dei territori gemellat i”, “Storia del Castello di Lombardia di Enna”, “Le tradizioni popolari di Enna” e “Architetture storiche a confronto”.

Il restauratore Angelo Scalzo porterà la sua testimonianza sull’artigianato artistico e la pittrice Marcella Tuttobene (presidente del club Unesco di Enna) firma il manifesto artistico che verrà consegnato al sindaco di Gzira. La delegazione ennese offrirà inoltre in dono ai maltesi un dipinto di Silvana Virlinzi ispirato a Federico II.

L’organizzazione del viaggio è stata curata da Paolo Lodato, segretario del team federiciano.

“Con questo gemellaggio ribadiamo l’appartenenza all’Unione europea come comunità che attinge le radici nel Mar Mediterraneo e si fonda sui comuni valori di pace, solidarietà e rispetto del multiculturalismo – ha dichiarato Cettina Rosso – attraverseremo le strade di Gzira sfilando in abiti federiciani, messaggeri di pace e promotori di un’amicizia che parte da miti e storie condivise”.

Ufficio stampa Settimana europea federiciana
Mariangela Vacanti – giornalista pubblicista
320.8447033
mariangelavacanti@gmail.com

Continue Reading

Cultura

La festa estiva di Sant’Agata a Catania

Published

on

La festa estiva di Sant’Agata nel ricordo dell’896° anniversario del ritorno delle reliquie della Santa Martire  da Costantinopoli a Catania,  dopo la pausa della pandemia ha ripreso i suoi ritmi tradizionali ed ecco un ricco programma della festa estiva che intreccia  recitazione, musica, creatività  artistica.

Nella corte di Palazzo degli Elefanti sede del Municipio Catanese, alla presenza delle Autorità: S. E. Mons. Luigi Renna Arcivescovo Metropolita di Catania, Mariella Gennarino presidente del Comitato per i festeggiamenti Agatini, Federico Portoghese Commissario Straordinario della Città Metropolita, Giuseppe Arcidiacono Vice Sindaco, Cinzia Torrisi Assessore alla Cultura, Salvatore Cocina Direttore della Protezione Civile, ha avuto luogo un concerto eseguito  dall’ Orchestra da Camera Catanese diretta dal Maestro Fabio Raciti, presentando un repertorio da camera e sinfonico da Haydn a Bellini e Inni e canti dedicati alla Santa Patrona.

In apertura lo “Stans beata Agatha” composto da Paolo Cipolla nel 2009, un’ Antifona al Magnificat dei Vespri del 5 febbraio. Il testo liturgico interpretato dal Coro, ricorda il momento in cui la Martire, rinchiusa in carcere, ringrazia Gesù per averle dato la forza di resistere alle torture.

Attacchi ben calibrati e sicuri per l’ Orchestra diretta da Raciti hanno regalato ai presenti un’ interpretazione attenta e precisa nelle Sinfonie n 49 di Haydn detta ‘ La Passione’ ” e la n. 40 K550 di Mozart.

Molto toccante le Arie di Stradella Pietà Signore di me dolente interpretate dal Tenore Pietro Di Paola, il Domine Deus Rex Coelestis di Vivaldi e l Alleluja Exsultate, Jubilate di Mozart cantate dal Soprano Polacco Dominika Zamara.

Un momento è stato dedicato al Cigno Catanese Vincenzo Bellini con le Arie Vaga Luna che inargenti cantata dal Tenore e la celeberrima Casta Diva ben interpretata dal Soprano Angela Curiale.

L’ Inno popolare a Sant ‘Agata ha concluso la bellissima serata, condotta da Maria Grazia Felicioli con il grido spontaneo dei presenti di Cittadini, viva Sant’Agata.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Eventi

L’accorata lettera del figlio di Piero Angela

Published

on

“Non è facile per me questo discorso. Sono abiutato ad andare a braccio. Un discorso difficile. Le persone che amiano non dovrebbero mai lasciarci.

Vorrei partire dall’ultimo comunicato di papà. Quelle sono state le sue ultime parole. Un discorso non ufficiale, è come qualcuno che parla agli amici. Siamo rimasti colpiti dal ritorno social della notizia, da quante persone lo amassero.

Il sentimento è qualcosa che rimane. E i valori sono eterni. Ci ha insegnato attraverso trasmissioni, libri. L’ultimo insegnamento me l’ha fatto non con le parole, ma con l’esempio. Questi ultimi giorni mi ha insegnato a non aver paura della morte.

Quando ha saputo che era venuto il suo tempo, ha concluso le trasmissioni, ha inciso l’ultimo disco jazz. Una forza increbile. Non ho mai visto qualcosa del genere. Aveva un approccio razionale e scientifico alla vita, per questo gli è stato possibile.

Mi è sembrato a volte di avere Leonardo da Vinci in casa. Aveva una capacità di sintesi e analisi che metteva tutti d’accordo. Amava questo aforisma: siccome una giornata lieta dà lieto dormire, una vita ben usata dà lieto morire.

. Che cercano di assaporare la vita. Era una persona con grande umorismo, capace di mettersi a suonare il pianoforte. Era bravo anche nel disegno. Cercherò anche io di fare la mia parte”.

Alberto Angela
Roma, 16 agosto 2022

Continue Reading

In Tendenza