Connect with us

Cinema

Barbera:”Liberami? E’ come l’Esorcista, ma senza effetti speciali”

Ivan Scinardo

Published

on

VENEZIA – Il giorno dopo la premiazione di Venezia 73 fa molto discutere, sulle pagine dei quotidiani e nei social, la durata monstre del Leone d’oro The Woman Who Left, 226 minuti. “Quattro ore con Lav Diaz sono una passeggiata”, replica il direttore della Mostra Alberto Barbera e non scherza, visto che il precedente film del regista filippino che vinse a Berlino l’Orso d’argento durava 485 minuti. “Sono convenzioni del secolo scorso, se misuriamo le cose con il tempo, la durata di un film, non capiamo il cinema contemporaneo – aggiunge Barbera, incontrando i giornalisti sulla terrazza del Palazzo del cinema, in un Lido già in disarmo – c’è tutto un pubblico abituato a vedere lunghissime serie tv in streaming tutte insieme per decine di ore, basti pensare al successo di Netflix. Vorrà dire che The Woman Who Left si andrà a cercare quel pubblico nelle piattaforme tv”. Al momento il film di Lav Diaz non è in trattative con distributori italiani. Ma per Barbera: “La lunghezza è l’ultimo dei problemi, Lav Diaz non è un autore facile”.

Per il direttore della Mostra il verdetto di quest’anno è quanto mai equilibrato: “Ci sono film che era giusto far vedere, film d’autore e altri con la capacità sempre in ambito autoriale di dialogare con il grande pubblico”, dice alludendo a Nocturnal Animals di Tom Ford, Jackie di Pablo Larrain, La La Land di Chazelle. Il tentativo di “conciliare il grande cinema d’autore con il pubblico è la missione del Festival”, aggiunge Barbera. Contatti per la distribuzione ci sono anche per The Bad Batch (Netflix?), mentre sono già targati Academy Two sia Frantz, sia Reparer les vivants.

Italia a mani vuote, a parte il primo premio di Orizzonti per Liberami di Federica Di Giacomo, che conferma la vitalità del documentario. “E’ un Esorcista senza effetti speciali ma con uguale tensione”, sottolinea Barbera. “Dal Leone d’oro a Sacro GRA non ha più senso mantenere la distinzione storica tra documentari e fiction, la contaminazione è continua, il documentario usa elementi narrativi e il cinema di finzione incorpora materiale del cinema in presa diretta sulla realtà. In Liberami c’è una tensione narrativa che non viene mai meno”. La vittoria di Federica Di Giacomo, inoltre, riporta una regista italiana sul podio, dopo Roberta Torre nel lontano 1997.

Più in generale sulla nostra selezione: “Il cinema italiano non vive una stagione felice, abbiamo fatto per questo scelte rischiose, anche perché i film dei grandi maestri non erano ancora pronti, pensando più alle tendenze che ai valori assoluti”. Tornate le star e tanti film americani – “segno del grande prestigio di questo festival”, commenta il presidente della Biennale, Paolo Baratta. “Tre film di fila che hanno vinto l’Oscar – aggiunge Barbera – sono stati lanciati qui: gli americani si sono resi conto che venire a Venezia, per quanto costi più di Toronto, è un buon investimento ed un ottimo trampolino internazionale. Poi vanno anche a Toronto perché è importante per il mercato domestico. Comunque stanno già pensando a quali film portare l’anno prossimo”. Baratta sottolinea la centralità della Mostra, che crea valore. “Lav Diaz è nato alla Mostra di Venezia, Tom Ford è nato alla Mostra di Venezia e Konchalovsky è nato alla Mostra di Venezia. La centralità di questa mostra è sotto gli occhi di tutti e la varietà dei premiati corrisponde alla varietà dei film presentati”, afferma. Mentre Barbera conferma che per l’ex aequo sul Leone d’argento alla regia la giuria di Mendes ha chiesto di poter agire in deroga al regolamento “perché ritenevano Konchalovsky ed Escalante entrambi meritevoli del premio. D’altronde succede ed è già successo qui come a Cannes”.

Tornano con segni positivi anche i numeri di bilancio. Gli accreditati di Venezia 73 sono stati +5,14%, gli abbonamenti +10,63%, i biglietti venduti +16,75% per un totale poco sopra i 50 mila tagliandi. Appuntamento per la 74ma edizione al 30 agosto 2017.  (Fonte Cinecittà news – Articolo di Cristiana Paternò)

attends the photocall of 'Liberami' during the 73rd Venice Film Festival at Palazzo del Casino on September 7, 2016 in Venice, Italy.

Cinema

Premio Ermanno Olmi – 3ª edizione La serata di premiazione

Ivan Scinardo

Published

on

La serata finale della terza edizione del Premio Ermanno Olmi, destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi, si svolgerà il 2 dicembre in Auditorium di Piazza Libertà a Bergamo a partire dalle 19.30.

Durante al serata saranno proiettate le 4 opere finaliste del concorso e la giuria, composta da Emanuela Martini (critico cinematografico), Annamaria Materazzini (Bergamo Film Meeting Onlus), Cecilia Valmarana (responsabile RaiMovie), Giuseppe Previtali (docente di cinema presso l’Università degli Studi di Bergamo) e Sara Luraschi (regista) assegnerà il Premio Ermanno Olmi e la menzione speciale all’opera più significativa che riflette sulla necessità di salvaguardare la Terra, tema oggi attualissimo e sempre caro al regista, che lo ha celebrato anche nel cortometraggio Il Pianeta che ci ospita, presentato in occasione di Expo 2015.

Alle 21.15 il Maestro Ermanno Olmi verrà omaggiato con la proiezione del film Il tempo si è fermato nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna, lungometraggio di esordio dell’allora ventottenne regista bergamasco costruito sui piccoli fatti quotidiani, sui gesti, i sorrisi, le mezze frasi, e sul difficile rapporto tra l’uomo e la montagna, e premiato nel 1959 con la Gondola d’oro alla X Mostra Internazionale del film documentario di Venezia.

I finalisti della terza edizione del Premio Ermanno Olmi

Continue Reading

Cinema

The Blue Planet, musica su immagini di G.Scinardo

Ivan Scinardo

Published

on

The Blue Planet

Short film inspired by The Blue Planet My entrance for Hans Zimmer Month Scoring Challenge #HansZimmerMonth #SpitfireAudio @Spitfire Audio @Hans Zimmer

Continue Reading

Cinema

Ad Ovest, andare o restare? Il film degli studenti di Marsala

Ivan Scinardo

Published

on

A leggere la sinossi  che accompagna la clip video inviata in tanti festival cinematografici e in particolare nei concorsi riservati alle scuole, si comprende subito che c’è tutta l’intensità di un lavoro complesso e intenso per la qualità del laboratorio di cinema, affidato, in termini di supervisione, a esperti esterni, come Alessio Piazza, regista e attore e Francesco Dinolfo che ha curato il montaggio;  hanno preso spunto dal libro: “Gomito di Sicilia” scritto dal giornalista  Giacomo Di Girolamo, per confezionare, assieme a insegnanti e studenti del Liceo Pascasino di Marsala, un audiovisivo di alto livello.

Un modello da proporre a tutte quelle scuole che purtroppo affodano la gestione dei laboratori extradidattici a insegnanti sprovveduti e per nulla formati sui nuovi linguaggi dell’audiovisivo, alle tecniche di ripresa e di montaggio. Questo progetto filmico, dal titolo “Ad Ovest”, sottotitolo “ Andare o restare?” è uno sprone per molti istituti superiori a imboccare la strada della qualità e della professionalità. Uno short film che riscatta i giovani da un lungo letargo forzato, costretti a stare a casa a causa della pandemia e che in questo caso, è come se il cinema li avesse liberati dal giogo della restrizione pandemica per esprimere la passione per la scrittura e le immagini.  Complici le insegnanti e la dirigente scolastica, Anna Maria Angileri, una  “illuminata” e che ha visione nella direzione dell’istituto di Marsala. Ma tornando alla sinossi è opportuno riportarla testualmente: “Hanno zii, amici, fratelli, a volte anche i genitori che lavorano e vivono fuori.

Anche loro sanno che, dopo la maturità, probabilmente dovranno andare al nord, per continuare gli studi, trovare un’occupazione. Sono le ragazze e i ragazzi di Marsala. Qui, gli studenti dell’Istituto Pascasino hanno deciso di confrontarsi con la domanda: andare o restare? Tra barche che scappano, montagne di sale, tramonti che tolgono il fiato, punti di vista inediti, momenti di delicata poesia, i giovani raccontano Marsala, senza stereotipi e senza rassegnazione, nei luoghi che diventano storia, nelle storie che diventano, per loro, punto di domanda. Hanno guardato l’anima profonda di Marsala negli occhi.

E adesso, quegli occhi, raccontano”. Il video ha vinto tanti premi e ottenuto importanti riconoscimenti di pubblico; è stato  selezionato come Miglior film dalla Giuria Young al festival Mente Locale, formata dai ragazzi degli istituti secondari di secondo grado. Un progetto, realizzato nell’ambito del Piano Nazionale

“Cinema per la scuola” del Ministero per l’Istruzione e del Ministero per i beni e le attività Culturali, originale e unico nel suo genere prodotto a Marsala, grazie anche al contributo della redazione giornalistica dell’emittente TP24 e di RMC 101. “Il Miur ha premiato ancora le idee e i progetti del Liceo Pascasino, ci dice la Dirigente Anna Maria Angileri;  gli studenti hanno affrontato un lavoro di scoperta del territorio ma anche di se stessi, sviluppando competenze attoriali e accrescendo la propria autostima.

Questo cortometraggio è soprattutto un dono che le nostre risorse, i nostri giovani, fanno alla città”. Il voice off dello speaker radiofonico crea un’atmosfera magica che si contrappone alle voci e i dettagli dei primissimi piani degli studenti. “Si sono messi in discussione, ci dice una delle insegnanti che li ha accompagnati in questo percorso, Rossella Nocera, senza stereotipi e  rassegnazione, nei luoghi a loro più cari che nel film diventano storia nelle storie e punto di domanda”.

Desirè Martinico, alunna dell’indirizzo DAMS, l’ha definita “una esperienza formativa e affascinante; non ci siamo messi soltanto nei panni dell’attore imparando a memoria brani molto lunghi e cambiando registro di recitazione continuamente ma abbiamo anche imparato a girare e montare”. E mentre rimane aperto il dilemma dopo il diploma se restare o andare via dalla Sicilia, gli studenti sono tornati volentieri a scuola in un giorno di chiusura, per partecipare un incontro organizzato dal direttore del festival 38° parallelo, Giuseppe Prode con i vertici della più importante casa di produzione e distribuzione cinematografica italiana, la Fandango, che con il suo video celebrativo dei 30 anni di attività e le testimonianze dei direttori generale e marketing, di un regista e un attore,  hanno raccontato la complessa macchina organizzativa e produttiva del cinema.

Continue Reading

In Tendenza