Caricamento

Digita per cercare

In Tendenza InSalute (Dott.E.Alagna)

Covid19: in Italia scendono i contagi nelle ultime 24 ore

Enrico Alagna
Condividi

In Italia ci sono ad oggi, mercoledì 29 aprile, 104.657 casi attualmente positivi (+  2.086 rispetto a ieri), di cui 71.252 guariti (+2.311) e 27.682 decessi (+323). Sono questi i numeri dell’ultimo bollettino aggiornato dell’emergenza Covid-19 nel nostro Paese, reso noto dalla Protezione civile. Dei pazienti contagiati, 83.652 sono in isolamento domiciliare asintomatici o con pochi sintomi, 19.210 sono ospedalizzati e 1.795 sono ricoverati in terapia intensiva, con decremento di 68 unità rispetto a ieri che conferma il trend positivo degli ultimi giorni. Le regioni più colpite sono Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. I tamponi effettuati finora sono 1.910.761, con un aumento di 63.827 unità rispetto a ieri.

 

La situazione in Sicilia

Per la prima volta, dopo oltre un mese, in Sicilia non si registrano decessi dovuti all’epidemia da coronavirus. Non accadeva infatti dal 20 marzo. Una notizia splendida, finalmente, che va ad aggiungersi agli altri, ottimi dati sul contagio che arrivano dalla protezione civile. Soltanto due i “nuovi positivi”, mentre i casi in totale sono in aumento di 20 rispetto a ieri. In entrambi, c’è un calo rispetto a 24 ore fa. La curva dunque scende ancora sotto l’1%, addirittura allo 0,6%, il dato in assoluto più basso da quando è iniziata l’emergenza.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola in merito all’emergenza coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 75.360 (+2.352 rispetto a ieri), su 71.301 persone: di queste sono risultate positive 3.140 (+20), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.145 (+2), 763 sono guarite (+18) e 232 decedute (0).

Degli attuali 2.145 positivi, 449 pazienti (-13) sono ricoverati – di cui 34 in terapia intensiva (0) – mentre 1.696 (+15) sono in isolamento domiciliare.

 

(Fonte dati: Protezione Civile)

Tags:

Potrebbe piacerti anche:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *