Connect with us

Cultura

A  distanza la Didattica. Non tutti possono 

Laura Bisso

Published

on

La didattica a distanza è stata già attivata, pur tra incertezze, difficoltà e problemi non indifferenti, fin dai primi giorni di sospensione dalle lezioni.

Il ricorso ad un insegnamento impartito attraverso strumenti informatici, e non in presenza, è dovuto all’ esigenza, manifestata da più componenti della scuola (docenti, alunni e genitori), di non interrompere il processo educativo del corrente anno scolastico .

In questo momento difficile per tutti, a causa della pandemia  la scuola si è rivelata capace di continuare, anche a distanza, la sua attività.

I docenti non hanno lasciato soli i propri alunni, anzi hanno studiato quale piattaforma digitale potesse soddisfare al meglio i bisogni  dei propri discenti e le proposte didattiche.

Gli insegnanti hanno sperimentato collegamenti ai portali, piattaforme didattiche, a tutto ciò che si rivelasse necessario per ridurre le distanze tra loro e gli alunni.

Si è  FORSE  trovata  la panacea in grado  di sostituirsi alla didattica tradizionale ? No, non è così .

Un’ osservazione più approfondita non può non cogliere alcune carenze,  di non facile soluzione. La prima di esse riguarda il contesto sociale e il territorio su cui insiste la scuola.

Nelle grandi periferie delle  nostre città, dove ci sono situazioni di grave disagio socioeconomico, quante famiglie hanno la possibilità di dare ai loro figli strumenti informatici per seguire le lezioni da casa?

Vero è che il Ministero dell’ Istruzione si è attivato perché le scuole acquistino devices da distribuire ai giovani studenti , ma pur realizzando tutto ciò nel breve tempo possibile , i genitori avranno le competenze per coadiuvare i figli nell’ uso ?

Un altro problema connesso alla dad riguarda la metodologia didattica. Non sono adeguati alla dad le lezioni frontali, le interrogazioni tradizionali, compiti a casa , invece occorre partire dagli studenti , dalle loro esigenze , dalle loro esperienze, dalle situazioni emotive che vivono in questo momento , dalle loro soft skills, dai compiti di realtà , che intendono svolgere .

In tal modo i docenti, gli adulti potranno essere ancora una volta, anche se a distanza,  punto di riferimento per gli alunni, che mostreranno i loro interessi e la loro profondità .

Tutto questo ci consente una riflessione:non dovremmo rivedere quel processo di insegnamento- apprendimento, ormai da 50 anni nella scuola , che talora i nostri allievi definiscono obsoleto rispetto alla velocità delle informazioni che circolano nel globo tramite mezzi informatici?

Certamente la dad puo contribuire a istruire, formare, educare e dare gli strumenti necessari per gestire complessità della realtà, però nessuna macchina può sostituire la scuola come spazio fisico, in cui lo studente trascorre buona parte della giornata: le corse nei corridoi, il vociare dei ragazzi, gli incontri – scontri con i coetanei, le dinamiche interne alla classe, sono essenziali per lo sviluppo integrale della persona, per lo sviluppo sociale dei giovani.

Ed ancora la presenza del docente a scuola,  il contatto umano con i propri discenti per cogliere le loro fragilità, talenti, attitudini ed emozioni, tutto quello che la mediazione culturale attraverso gli strumenti informatici non sempre  può dare.

Il complimento più bello che un docente riceve è il seguente: “Grazie professore per ciò che ci ha insegnato, ma soprattutto per le belle emozioni che ci ha dato”.

Laura Bisso

 

Cultura

La tutela dell’ambiente nella Carta Costituzionale

Giuseppe Adernò

Published

on

Iniziative della Fondazione Sorella Natura

L’assemblea del Senato si è espressa in modo unanime sul disegno di legge costituzionale che introduce all’interno della Carta la tutela dell’ambiente. E lo fa nel modo più solenne: intervenendo su uno dei primi dodici articoli, quelli contenenti i “principi fondamentali”, che finora non sono stati mai oggetto di revisione. E’ questo un passaggio così giuridicamente delicato che si è preferito aggiungere un comma piuttosto che modificare il testo originale.

All’articolo 9 della Costituzione, laddove si afferma che “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica” si propone con il ddl, in cui sono confluite le proposte di vari gruppi parlamentari, di aggiungere la formula: “Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali.

L’altro articolo investito per la prima volta dalla riforma è il n.41, quello in cui la Carta sancisce che “l’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana” e si propone di aggiungere alla salute, all’ambiente”.

Al terzo comma che recita “La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali” e si propone di aggiungere: “e ambientali”.

Questi piccoli “innesti” che riguardano i temi ambientali, previsti dalla riforma del ddl in corso di approvazione avranno un impatto di grande rilevanza nell’orientare le scelte legislative e di governo.

Anche se non viene esplicitato il termine ”sviluppo sostenibile”, concetto-chiave presente nei trattati europei e cardine dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, come sostiene la senatrice Alessandra Maiorino, relatrice del ddl, il concetto di “sviluppo sostenibile” è implicito nel riferimento alle future generazioni.

La tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, già esplicitata nell’articolo 117 della Costituzione, come uno degli ambiti di competenza legislativa esclusiva dello Stato, viene rinforzata dalle proposte d’integrazione al testo della Costituzione e le puntuali precisazioni costituiranno un segnale di maggiore consapevolezza nell’opinione pubblica, rendendola sempre più consapevole, come sostiene anche la Fondazione Sorella Natura, che promuove una specifica azione di tutela e custodia del Creato, come si legge nel decalogo della “Saggia ecologia”: “Non inquinare l’aria, né l’acqua, né l’aria, né la terra. Esigi che la produzione ed il  progresso avvengano secondo precise linee di sviluppo sostenibile”.

Attribuire pari merito d’importanza al diritto e tutela della salute (art.32) ed al diritto-dovere della tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, impegna il cittadino a qualificarsi come “amico” e “custode” del Creato, che significa: avere conoscenza e cura della Città e ”non aspettare che gli altri facciano quello che possiamo fare noi”.

Il servizio che la Fondazione Sorella Natura offre anche mediante i corsi di formazione delle Guardie Ambientali Volontarie (GAV) è orientato, appunto, a mettere in azione tutti quei principi e valori che vanno proclamati nei tavoli istituzionali di Governo e di Parlamento europeo, e che non possono restare soltanto parole, auspici e buone intenzioni.

L’iter legislativo è già avviato, occorre il voto alla Camera e nuova delibera di entrambi i rami del Parlamento.

Giuseppe Adernò

Continue Reading

Cultura

Il Liceo G.TURRISI COLONNA di Catania, non va in vacanze

Giuseppe Adernò

Published

on

Nell’ambito del “progetto estate” promosso dal Ministero dell’Istruzione per contrastare l’emergenza educativa, presso il Liceo “Turrisi Colonna” di Catania   gli studenti del Liceo musicale  hanno valorizzato la positiva opportunità

Nei mesi di luglio e agosto, l’Orchestra Sinfonica Giovanile, composta da trenta studenti, diretta dal M° Fabio Raciti, docente di Violino e di Musica da Camera del prestigioso Liceo Musicale,   saranno impegnati nello studio e pratica musicale  delle opere di Verdi, Bellini  esercitandosi anche in  arie d’ opera e operetta e intramontabili colonne sonore di film.

” La scuola, spiega il dirigente, Emanuele Rapisarda, ci teneva a dare agli alunni e ai docenti la possibilità di riprendersi gli spazi di socialità e di attività didattica exstrascolastiche che per due anni sono state sospese a causa della pandemia.” L’orchestra Sinfonica Giovanile costituita nel 2013 con la nascita del corso musicale è diventata ormai una grande realtà per i numerosi concerti eseguiti in Musei, Chiese e Palazzi storici della città di Catania.

Il progetto, afferma il maestro Fabio Raciti, si concluderà lunedì 23 Agosto con un concerto “sotto le stelle ” eseguito nella Corte della Scuola e sarà  un “gran galà” per salutare l’ estate.

Continue Reading

Cultura

Chiude la scuola di suor Anna, un vuoto!

Giuseppe Adernò

Published

on

Nella torrida giornata del 30 luglio, a conclusione delle attività del Grest estivo si registra la definitiva chiusura dell’Istituto San Vincenzo, in via Scandurra, nel quartiere Borgo-Monserrato, noto ai catanesi come la “scuola di Suor Anna Cantalupo”.

Sorta accanto alla Casa della Carità di Via San Pietro, la scuola negli anni ha ospitato fino a duecento alunni e molti di essi assistiti dai Servizi sociali del Comune.

Molti catanesi hanno frequentato la scuola delle Suore e prima di morire Padre Ugo Aresco ha voluto rivedere i luoghi della sua infanzia.

La riduzione dei Centri di assistenza ha comportato anche la chiusura dei servizi scolastici e cinque anni fa, nel luglio del 2017, quando le Figlie della Carità decisero di chiudere la scuola un gruppo di docenti e di genitori, con la guida del Preside Giuseppe Adernò, hanno ridato vita alla scuola, beneficiando dei locali e arredi concessi in comodato d’uso.

In questi cinque anni la scuola dell’Infanzia e Primaria “San Vincenzo”, con il generoso contributo di docenti volenterosi e professionalmente validi, ha svolto un lodevole servizio di attenzione ai bambini, con una modica retta e venendo incontro anche ai casi di bambini di famiglie disagiate ed extracomunitari.

Ora, scaduto il quinquennio, le Suore hanno deciso di non rinnovare il comodato d’uso dei locali alla scuola per destinarlo ad altre attività.

I piccoli della scuola dell’Infanzia hanno completato le attività scolastiche a giugno e proseguendo il Grest estivo, hanno terminato con un originale balletto hawaiano, prima del bagno in piscina e i più grandetti, terminata la scuola, hanno fruito per il mese di luglio l’assistenza di attenti educatori ed animatori esperti.

Con visibile commozione Suor Caterina, che è stata vicina a Suor Anna Cantalupo quando fu istituita la scuola e ne ha seguito tutte le vicende, ha detto che la casa senza bambini resta povera e che sembra che Suor Anna muoia una seconda volta.

Continue Reading

In Tendenza