Connect with us

Cinema

Un miracolo di festival. La 64^ edizione del Taormina film fest

Ivan Scinardo

Published

on

Organizzare un festival di cinema in 20 giorni e mantenere alto lo standard degno della tradizione è stato definito un “miracolo”! Uno dei due direttori artistici della 64^ edizione del Taormina Film fest, Gianvito Casadonte, ricorda sul palco, durante la cerimonia di chiusura, che quando il general Manager Lino Chiechio e l’amministratore unico Maria Guardia Pappalardo della società che si è aggiudicata il bando, Videobank, gli hanno dato l’incarico di organizzare il festival assieme alla giornalista Silvia Bizio, gli hanno detto ironicamente che avevano 40 giorni per organizzarlo, ma in realtà erano soltanto 20, ovviamente lavorando giorno e notte. E così è stato. Un festival con una organizzazione perfetta, con una selezione di film di livello internazionale scelti da una giuria interamente composta da donne, guidate da Martha De Laurentiis, Maria Grazia Cucinotta, Donatella Palermo, Eleonora Granata, e Adriana Chiesa. Fondamentale il supporto di Taormina Arte, del commissario Pietro Di Miceli e del segretario generale Ninni Panzera. Soddisfatto l’assessore al turismo della regione siciliana, Sandro Pappalardo, per questa edizione che se organizzata in 20 giorni immagina quella del 2019 alla stregua degli oscar, in termini di presenze artistiche. Da qui un patto con il sindaco a rilanciare il festival e farlo tornare ai festi di un tempo. La serata conclusiva piena di contenuti arricchita dalla presenza dell’“Orchestra a plettro della città di Taormina”. Sullo sfondo il logo del festival, con l’ immagine in bianco e nero di Monica Vitti che entra in un hotel di Taormina. A presentare il festival, Salvo La Rosa che ha aperto con un omaggio del Comitato Italiano per il reinserimento Sociale, dedicato al film “Road to lemon grove”, di Dale Hildebrand. Sul un italo americano Charly Chiarelli, iscritto alle liste elettorali di Racalmuto, in provincia di Agrigento, ma da mezzo secolo residente in Canada. Il suo siparietto di tradurre dall’americano in siciliano ha mandato il pubblico in visibilio. Il premio internazionale Angelo D’arrigo assegnato meritatamente al medico di Lampedusa  Pietro Bartolo, dalle mani della moglie del compianto D’arrigo, Claudia Mancuso che ha ricordato il film di Rosi “Fuocoammare” sulla tragedia del Mediterraneo. Allo storico del cinema catanese, Sebastiano Gesù è stato dedicato un premio assegnato al regista nisseno Luca Vullo, per il film documentario “Cca Semu”. A seguire la giornalista sportiva Paola Ferrari ha consegnato il premio Ferrari-De Benedetti a Alfredo Lo Piero per “La libertà non deve cadere in mare”. Ha chiuso la prima parte dei riconoscimenti prima dei premi Tauro d’oro il leader dei Tinturia, Lello Analfino (premio Videobank), che ha cantato “Cercasi Rosa”, accompagnato alla chitarra da Edoardo Musumeci.

Premio Migliore costume per il film “The Happy prince”, ultimo ritratto di Oscar Wilde di Rupert Everett a  Maurizio Millenotti candidato a due premi Oscar per “Otello” e “Amleto” di Zeffirelli, David di Donatello per “La leggenda del pianista sull’oceano”. A consegnarlo il  sindaco di Messina Cateno De Luca. Per lo stesso film, carico di premi per Rupert Everett, migliore attore e miglior regista, consegnati dal sindaco di Taormina Maurizio Bolognari. Premio Tauro d’oro alla carriera a Matthew Modine, che salito sul palco al microfono di Larosa ha raccontato come il cinema sia entrato a forza nella sua vita fin da piccolo, con il padre che lavorava in un drive in. La dedica alla moglie e la consegna da parte della bella attrice messinese Maria Grazia Cucinotta, che con l’occasione ha presentato al festival il film su temi sociali dal titolo “Il compleanno di Alice”. La parata di star del cinema ha visto la presenza anche dell’anziano attore Richard Dreyfuss, vincitore dell’Oscar nel 1978 per “The Good Bye Girl”.  A premiarlo l’assessore al Turismo della Regione Siciliana Sandro Pappalardo. Tauro d’oro alla carriera  anche per Michele Placido, impegnato nella realizzazione di un progetto sul pittore Caravaggio, che si chiamerà “banda Caravaggio”  e che sarà trasmesso su Rai 1. Riprese previste anche in Sicilia.  A consegnare la statuetta del tauro, Monica Guerritore.

Il premio Angelica Zollo, autrice del film “Trauma is the time machine”, ha ricevuto il riconoscimento come miglior film indipendente. Degno di menzione l’emozionante performance recitativa dell’attore palermitano Tony Sperandeo  nel ricordo di Falcone e Borsellino; Sperandeo ha consegnato la menzione speciale al film “Be Kind” dell’attrice e scrittrice Sabrina Parravicini e di Nino Monteleone, dodicenne affetto dalla sindrome di Asperger: Sua la frase:” Essere diversi è come un elefante con la proboscide corta: una rarità”.

Al termine della cerimonia tutti i vip alla Giara, un po’ come via veneto a Roma, negli anni sessanta luogo di ritrovo di chi il cinema lo faceva davvero

(Fotogallery a cura di Antonio Parrinello)

 

Cinema

Totò Cascio, la gloria, la prova e il suo Nuovo C. Paradiso

Ivan Scinardo

Published

on

Totò Csscio e Felice Cavallaro

Totò Cascio e la sua rinascita

Nell’ambito degli appuntamenti di “Libri in piazza” organizzati dalla “Strada degli scrittori” nell’ambito del progetto Global Learning III ideato dal Consorzio universitario Empedocle di Agrigento.
Dopo il successo dell’incontro in presenza al liceo classico di Agrigento  per la presentazione del libro di Mario Avagliano Sciuscià, paisà e segnorine, il 5 maggio, a Ribera, al cine-teatro “Lupo”, è stato presentato il libro: La gloria e la prova di Salvatore Cascio, il piccolo Totò del celebre film Nuovo Cinema Paradiso.

Ivan Scinardo

Il libro, pubblicato da Baldini+Castoldi, è stato presentato da Felice Cavallaro, giornalista e scrittore, direttore della “Strada degli scrittori” e da Ivan Scinardo, direttore della sede Sicilia del  Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, alla presenza dello stesso autore che in queste ultime settimane sta girando tutt’Italia proprio per presentare questo libro scritto con Giorgio De Martino (e con la prefazione di Giuseppe Tornatore è la postfazione di Andrea Bocelli).

L’incontro, coordinato da Salvatore Picone dello staff della “Strada degli scrittori”, è stato introdotto dal sindaco di Ribera Matteo Ruvolo, dal presidente Ecua Nenè Mangiacavallo e da Antonia Triolo, dirigente dell’istituto “F. Crispi”.

Nel corso della manifestazione, sono intervenuti gli alunni dell’istituto, che hanno realizzato un bel collage di immagini tratte dai film a cui ha partecipato Totò Cascio e l’orchestra da camera del Conservatorio “Toscanini” di Ribera diretto dal Maestro Alberto Maniaci.

Continue Reading

Cinema

Lo sciacallo di Dan Gilroy, e il giornalismo spettacolo

Ivan Scinardo

Published

on

Lo sciacallo di Dan Gilroy (2014)

“Se fatti cruenti e sanguinosi non accadono, basta farli accadere” è il motto di un ladruncolo che, trovandosi per caso sul luogo di un incidente stradale decide di riprenderlo in tutti i suoi particolari più cruenti.

Quando vede che dei reporter free-lance lo stavano già facendo decide di intraprendere quella carriera e iniziare così a inanellare successi di audience. E’ la sua produttrice che intuisce le sue potenzialità e lo spinge sempre più a osare.

Lo scenario del film è la notte, passata tutto il tempo dall’uomo, un bravo Jake Gyllenhaal, che, come uno sciacallo, attende la tragedia per filmarla.

L’ascolto della radio della Polizia

Si mette in ascolto delle comunicazioni radio della Polizia in attesa che succeda qualcosa. Ottimo esordio alla regia per Gilroy, che sceglie di mostrarci il lato più cinico e meschino del fotoreporter in chiave moderna, ponendo al centro della vicenda un ragazzo venuto dal nulla con un passato di disprezzi e umiliazioni.

I punti di forza del film oltre alla regia e alla sceneggiatura anche la fotografia di Robert Elswit e la colonna sonora di James Newton Howard.

Acquista il libro

Ci vediamo la scena del colloquio in cui Lou Bloom l’attore Jake Gyllenhaal fa il colloquio a Rik, Rizwan Ahmed, conosciuto anche come Riz MC,  un attore e rapper britannico di origini pakistane che lo assume come suo assistente

 

 

Continue Reading

Cinema

L’inventore di favole di Billy Ray (2003)

Ivan Scinardo

Published

on

L’inventore di favole di Billy Ray, un racconto onirico del giornalismo

Quinto Potere, Prima Pagina o Dentro la notizia, potrebbero essere i titoli dei film che più si avvicinano alla sceneggiatura di questo film che racconta la storia vera di Stephen Glass, un giovane di 23 anni entrato come redattore nell’autorevole rivista di politica e cronaca, The New Republic dopo un percorso da freelance in riviste del calibro Rolling Stone, Harper’s e George.

Alla metà degli anni 90, gli articoli di Glass avevano fatto di lui uno dei giovani giornalisti più ricercati di Washington, ma una strana catena di eventi bloccò dall’oggi al domani la sua brillante carriera.

Il protagonista del film L’inventore di favole è l’attore Hayden Christensen

Aquista il libro

MymoviesMymovies

Andrea Chirichelli su Mymovies scrive: “Ne L’inventore di favole parla non sono della ascesa e della caduta di uomo, ma anche e soprattutto della libertà di stampa.

Colpisce anche l’etica nel giornalismo, valore essenziale, ma spesso dimenticato, in un mondo dominato dalla comunicazione”.

“L’America costruisce molti miti ed altrettanto facilmente li distrugge. Epifanica di questo processo è la storia di Stephen Glass, giornalista di grande successo agli inizi degli anni 90′, caduto giustamente in disgrazia alla scoperta che buona parte dei suoi “scoop” erano inventati di sana pianta”.

L’inizio del film

Continue Reading

In Tendenza