Home / Cultura / Oriente e Occidente. Viaggiare per raccontarlo

Oriente e Occidente. Viaggiare per raccontarlo

Venerdì 23 marzo ore 18 presso l’auditorium della Rai di Palermo  sarà presentato il  libro di storie e fotografie  “Oriente e Occidente. Viaggiare per raccontarlo” della giornalista e scrittrice  Marcella Croce.

L’autrice

Dopo una laurea in letteratura inglese all’Università di Palermo e una borsa di studio Fulbright presso il Mt. Holyoke College (Mass. USA), Marcella Croce ha conseguito il dottorato di ricerca in letteratura italiana presso la University of Wisconsin-Madison (USA).Per oltre  venti anni è stata coordinatrice e docente del Programma Elderhostel (oggi Road Scholar) organizzato a Palermo dal Trinity College (Hartford CT. USA) per studenti americani della Terza Età. E’ docente e organizzatrice del semestre all’estero che gli studenti dello Union College (Schenectady NY. USA) frequentano a Palermo dal 2002. Per conto del Ministero degli Affari Esteri è stata docente di italiano all’Università di Isfahan (Iran) e all’Università Ritsumeykan di Kyoto (Giappone). Su queste esperienze ha pubblicato “Oltre il chador – Iran in bianco e nero” (Medusa, Milano – 1° Premio di scrittura femminile “Il paese delle Donne” Roma 2007) e “L’anima nascosta del Giappone” (Marietti 2009). Ha pubblicato vari libri sulle tradizioni popolari siciliane, tra cui “Eat smart in Sicily” (Ginkgo Press, USA) e “Guida ai sapori perduti – storie e segreti del cibo siciliano” (Kalòs, Palermo) che sono stati presentati negli Istituti Italiani di Cultura di Copenhagen, Malta, Haifa, Washington, San Francisco e Vancouver.  Le sue pubblicazioni più recenti sono  ‘Viaggio nella Sicilia profonda’  (Kalòs 2012) e ‘Chivalric Folk Traditions in Sicily’  (McFarland, USA 2014).Ha collaborato alla edizione palermitana del quotidiano La Repubblica dal 2000 al 2012. Dal maggio 2017 collabora al Giornale di Sicilia.
Dal settembre 2011 Marcella Croce è responsabile del Centro Studi Avventure nel Mondo di Palermo che organizza eventi culturali relativi alla cultura del viaggio.

Il libro

Un delizioso libro per bambini (“Un pesce è un pesce” di Leo Lionni) narra di un girino e di un pesce che vivono nello stesso stagno. Il girino, divenuto rana, va per il mondo in cerca di avventura; ritornato nello stagno, racconta tutto quello che ha visto al suo amico pesce, che non si è mai mosso da lì. Invano il pesce si sforza, attraverso le  dettagliate descrizioni dell’amico, di immaginare l’aspetto di mucche, farfalle, persone; per il pesce, come mostrano le illustrazioni, tutti gli altri esseri viventi hanno la bocca e le pinne di un pesce: inevitabilmente ognuno interpreta la realtà unicamente secondo la propria esperienza. Malgrado tanto tempo sia dedicato al cinema e alla televisione, abbiamo solo idee confuse e preconcette al di fuori della nostra esperienza diretta, e, a volte, anche quella basta a scalfire appena la realtà. Marcella Croce ha sentito il bisogno di toccare con mano e di andare “oltre la frontiera” secondo le parole di un grandissimo scrittore, Ryszard Kapuscinski, massimo interprete moderno del genere letterario chiamato “reportage letterario”, di cui Erodoto fu il primo rappresentante. (Fonte Alessandra Ribolini)

Marcella Croce, scrittrice

Di Ivan Scinardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *